Il punto sul primo mese di operazione in Ucraina del Ministero della Difesa russo

Il punto sul primo mese di operazione in Ucraina del Ministero della Difesa russo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Daniele Lanza

MINISTERO DELLA DIFESA RUSSO : punto della situazione al 1° mese di operazioni in Ucraina 
[ *Versione ufficiale ministeriale per la diffusione, ma in molte parti sembra assai verosimile : ognuno giudichi da sè poi]
 
 
" - L'operazione militare procede rigorosamente secondo i piani, la priorità incondizionata è l'esclusione di vittime inutili tra la popolazione civile
 
- gli obiettivi principali della prima fase dell'operazione russa in Ucraina sono stati completati, il potenziale di combattimento delle truppe ucraine è stato notevolmente ridotto
 
- Le forze armate russe hanno messo fuori combattimento 30 impianti chiave dell'industria della difesa ucraina, utilizzando armi ad alta precisione, distruggendo il 70% di armi e attrezzature
 
- L'aviazione ucraina e il sistema di difesa aerea sono stati quasi completamente distrutti, la marina del paese ha cessato di esistere
 
- Le forze armate della Federazione Russa hanno reso inutilizzabili i 16 principali aeroporti militari da cui l'aviazione ucraina effettuava sortite di combattimento
 
- Dei 2.416 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento che erano in servizio con l'esercito ucraino al 24 febbraio, 1.587 sono stati distrutti. Dei 152 aerei militari, 112 sono fuori combattimento. Dei 149 elicotteri ne rimangono 75, dei 36 droni Bayraktar TB2, 35 sono stati distrutti.
 
- Tutte le armi e le attrezzature militari ucraine catturate vengono trasferite alle forze armate delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk: 113 carri armati e 138 sistemi anticarro Javelin sono già stati trasferiti
 
- il Paese era diventato un rifugio per 6.595 mercenari e terroristi stranieri provenienti da 62 stati. Il numero di mercenari stranieri in Ucraina è ora in calo, non ci risulta ne sia arrivato arrivato neanche uno questa settimana.
 
- Al 25 marzo 2022, 1.351 militari russi sono stati uccisi, 3.825 sono rimasti feriti
 
- In questo mese le perdite delle truppe ucraine sono state di circa trentamila persone
 
- Il vero obiettivo delle forniture di armi dall'Occidente a Kiev è trascinarla in un lungo conflitto "fino all'ultimo ucraino"
 
- l'esercito russo risponderà immediatamente in modo appropriato ai tentativi di chiudere lo spazio aereo sopra l'Ucraina
 
-------------
 
Fine report.
 
Aggiungiamo alcune note : rammentiamo che le forze armate ucraine non erano così inefficienti, dopo 8 anni di supporto governativo al settore della difesa con ingenti aiuti Nato ovvero il tempo sufficiente a costruire una forza militare moderna, numerosa e bene equipaggiata, nonchè ideologizzata in senso nazionalista per accentuarne la volontà di combattere. Le forze russe si confrontano con un esercito europeo di medio livello in pratica e con la condizionale di non poter esprimere il massimo volume di fuoco disponibile (...).
 
Premesso questo, risulta come in 1 MESE di ostilità le perdite russe tra morti e feriti siano attorno 7'000 effettivi (un po più di quanto ammesso dal ministero qui, ma la metà di quanto si afferma in occidente), contro circa 30'000 uomini tra le forze ucraine : un rapporto di 1 a 4.
 
In merito all'aviazione ucraina, aerei ed elicotteri da combattimento hanno perso tra il 70-75% della propria forza, oltre che i principali aeroporti a disposizione, e praticamente tutti i droni.
 
Per le divisioni corazzate, quasi i 2/3 dei carri armati ucraini sono andati distrutti, assieme ad un'analoga proporzione di armamenti (tutto questo difficilmente sostituibile senza aiuto esterno visto che anche gran parte dell'industria produttiva chiave è stata colpita pesantemente).
 
La marina militare, come detto, non esiste più.
 
L'estrema sintesi riguardo gli obiettivi Nato per l'Ucraina (farla combattere all'ultimo uomo) è drammaticamente realistica e mostra un'altra faccia della verità per chi voglia coglierla : a Washington e Bruxelles sta benissimo che il territorio ucraino venga raso al suolo per poter far passare il Cremlino per criminale di guerra. Degli ucraini....non gli importa nulla : sono un mezzo per portare alla distruzione l'avversario (Mosca) che è il vero obiettivo. Cancellare la parola umanitario dal dizionario occidentale.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti