/ Il trucco inventato da Huawei per installare i servizi di Google ...

Il trucco inventato da Huawei per installare i servizi di Google sui propri "smartphone"

 

Huawei ha trovato un modo per continuare ad usare i servizi di Google su alcuni dei suoi dispositivi


A maggio, gli Stati Uniti hanno inserito nella lista nera Huawei per le sue presunte attività che avrebbero messo a rischio la sicurezza nazionale. Da parte sua, Google ha deciso di sospendere diverse attività commerciali con il gigante asiatico, incluso il sistema operativo Android. In questo modo, Huawei ha perso l'opportunità di utilizzare i servizi di Google, come mappe, app store, Gmail, tra gli altri.
 
In questo modo, i telefoni di punta Mate 30 , lanciati dalla società dopo l'introduzione delle restrizioni da parte degli Stati Uniti, sono entrati sul mercato senza le app di Google. Per gli utenti cinesi, la loro assenza non è un problema, ma potrebbe essere un fattore chiave per gli acquirenti stranieri.
 
Tuttavia, il produttore cinese ha trovato un modo per installare i servizi Google sui loro nuovi dispositivi.
 
Huawei ha da tempo annunciato il lancio di Honor 9X in Europa. Tuttavia, la versione europea dello smartphone ha un processore diverso rispetto alla versione cinese, che gli ha permesso di evitare le sanzioni statunitensi.
 

 
In Cina, Honor 9X ha il processore Kirin 810 e in Europa è equipaggiato con il più antico Kirin 710. Inoltre, ci sono altre differenze tra le due versioni, come la posizione dello scanner di impronte digitali e la fotocamera, indica Android insider.
 
 

 
La sostituzione del processore ha permesso alla società di presentare European Honor 9X come un modello precedente che non era stato ancora sanzionato. Di conseguenza, Honor 9X ha accesso ai servizi di Google.
 
Come Huawei è riuscito a ottenere la licenza di Google?
 
Si è scoperto che il numero tecnico del modello europeo Honor 9X corrisponde al numero tecnico di uno smartphone completamente diverso, Huawei P Smart Z, che è stato lanciato a maggio 2019.
 
Entrambi i modelli hanno molto in comune: un processore Kirin 710F, uno schermo da 6,59 pollici, uno scanner di impronte digitali sul retro e una batteria da 4.000 mAh. Tuttavia, ci sono anche differenze significative: specifiche della fotocamera, impostazioni della memoria e aspetto.
 
Il produttore cinese è stato in grado di ingannare Google per il fatto che la società non controlla tutto l' hardware durante il processo di certificazione. Il test viene eseguito in modo abbastanza selettivo, controllando solo i componenti chiave del dispositivo testato rispetto a quelli indicati dal produttore quando si richiede la licenza.
 
In questo modo, le telecamere e l'archiviazione integrata non sono considerati componenti chiave che non possono essere modificati e Honor 9X ha ottenuto la licenza.
 
Sfortunatamente, Huawei non sarà in grado di fare lo stesso trucco con i modelli Mate 30 e Mate 30 Pro, certificandoli con la licenza Mate 20 dello scorso anno, a causa delle notevoli differenze di hardware e funzionalità.
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa