Il Venezuela commemora Hugo Chavez a 11 anni dalla morte

Il Venezuela commemora Hugo Chavez a 11 anni dalla morte

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"A undici anni dalla ‘siembra’ del Comandante Chavez, ribadiamo la sua eredità: una potente identità rivoluzionaria che riunisce le forze delle gesta emancipatrici della nostra storia d'America. Chavez vive e vivrà sempre nella ribellione, nella coscienza e nelle speranze. Su tutto, però, vive nella nostra gioia e nella nostra voglia di lottare", ha dichiarato il presidente venezuelano Nicolas Maduro a proposito delle commemorazioni per il Comandante Hugo Chavez.

Milioni di venezuelani ricordano oggi il leader della Rivoluzione Bolivariana, morto il 5 marzo 2013 mentre serviva il suo popolo dalla Presidenza della Repubblica, come evidenzia teleSUR.

"Fin da giovane si ispirò alle idee di Simon Bolivar, Simon Rodriguez ed Ezequiel Zamora e si impegnò per cambiare il destino di un Paese sottomesso al dominio delle élite e dell'imperialismo. Il suo carisma, il suo coraggio e il suo impegno lo resero il leader indiscusso di un movimento popolare che cercava di trasformare profondamente la società venezuelana", ha ricordato la giornalista venezuelana Nailet Rojas.

Il 4 febbraio 1992, Chavez divenne una figura pubblica nazionale guidando la ribellione civico-militare contro il presidente Carlos Andres Perez. L'insurrezione contro l'oligarchia venezuelana e il neoliberismo fallì e Chavez e i suoi compagni furono arrestati. Tuttavia, la speranza di un cambiamento cominciò a radicarsi nella coscienza dei venezuelani.

"Dopo aver lasciato il carcere, Chavez viaggiò per il Paese per organizzare il movimento con il popolo, ponendo come obiettivo una vittoria elettorale per porre fine a più di 40 anni di bipartitismo neoliberale. Nel 1998 ha vinto le elezioni presidenziali con il 56% dei voti, avviando un processo che ha dato vita alla Costituzione della Repubblica Bolivariana del Venezuela, la prima a riconoscere i diritti dei popoli indigeni, delle donne, dei lavoratori, dei giovani, degli afro-discendenti e dell'ambiente", ha dichiarato Rojas.

"Chavez ha promosso una serie di politiche sociali, economiche, culturali e diplomatiche che hanno migliorato la qualità della vita di milioni di venezuelani e rafforzato la sovranità nazionale. Tra i suoi risultati più importanti ci sono la riduzione della povertà, dell'analfabetismo, della disuguaglianza e della mortalità infantile; la nazionalizzazione di risorse strategiche come il petrolio, il gas, l'oro e le telecomunicazioni; e la creazione di missioni sociali, che hanno garantito l'accesso all'istruzione, alla salute, al cibo, alla casa, alla cultura e allo sport", ha aggiunto.

Chavez ha fatto sentire la sua presenza anche nelle relazioni internazionali e nella geopolitica globale attraverso vari progetti volti a consolidare l'unità dell'America Latina e dei Caraibi.

Per costruire la "Patria Grande" sognata dal Libertador Simon Bolivar, il leader venezuelano ha promosso la creazione di istituzioni come l'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA), la Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC) e l'Unione delle Nazioni Sudamericane (UNASUR).

In reazione a queste e altre proposte, Washington, i suoi alleati regionali e l'estrema destra venezuelana hanno cercato di distruggere la Rivoluzione Bolivariana per più di due decenni.

Nell'aprile del 2022, ad esempio, militari traditori hanno realizzato un colpo di Stato e rapito Chavez. La risposta del popolo venezuelano e delle Forze armate nazionali bolivariane fu risoluta e un'insurrezione salvò Chavez per ripristinare la sua presidenza.

Rafforzando le istituzioni e i processi democratici, la Rivoluzione Bolivariana ha continuato a consolidarsi da allora. Nell'ottobre 2012, Chavez ha vinto la sua quarta elezione presidenziale con il 55% dei voti, ma non ha potuto prestare giuramento per il mandato 2013-2019 a causa di un cancro.

"A undici anni dalla sua scomparsa, il Comandante Chavez rimane vivo nel cuore del popolo, che lo ricorda con amore, gratitudine e impegno. La sua voce, le sue risate, le sue canzoni, il suo esempio, il suo pensiero, il suo lavoro e il suo spirito rimangono presenti in ogni battaglia, vittoria e sogno degli uomini e delle donne venezuelani che seguono il suo cammino di dignità, sovranità e liberazione", ha sottolineato Rojas a proposito delle commemorazioni del 2024, il cui motto è "La speranza è nelle strade".

Quest'anno la commemorazione si svolgerà presso il Cuartel de la Montaña e, fin dalle prime ore del mattino, il popolo e i giovani del Partito Socialista Unito (PSUV) renderanno omaggio al leader eterno della Rivoluzione Bolivariana.

La direttrice della Fondazione Comandante Eterno Hugo Chávez, Ana Cabezas, ha indicato che in commemorazione dell'11° anniversario della ‘siembra’ del Comandante, si renderà un sentito omaggio al Cuartel de la Montaña a partire dalle ore 9:00 per ricevere il pubblico che desidera partecipare fino alle 16:30, che si concluderà con il saluto in suo onore.

"Come ogni 5 marzo, il popolo va con il cuore spezzato, pieno di nostalgia, ma con l'impegno di onorare il nostro Comandante Hugo Chávez". Ci saranno visite alle diverse sale espositive, così come una mostra tematica su 'La speranza è nelle strade', che è il motto di quest'anno".

Allo stesso tempo, ha indicato che ci saranno opzioni per i bambini, con attività ludiche e giochi, poiché l'intenzione è che attraverso questo tipo di metodo "possiamo avvicinarli non solo al Comandante Chávez, ma andare oltre e preservare i valori che hanno caratterizzato il suo modo di agire nel corso degli anni".

"Per questo motivo cerchiamo questi spazi in modo che i bambini si sentano al sicuro e possano divertirsi, ma anche trarre una lezione, che allo stesso modo impari anche la storia del Venezuela, poiché per parlare del Comandante Chávez è essenziale parlare del Libertador Simón Bolívar e, naturalmente, del nostro popolo", ha affermato.

Il Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV) terrà anche una grande mobilitazione chiamata "garofani rossi", che partirà da diversi punti della Grande Caracas e convergerà al Cuartel de la Montaña, situato nella parrocchia del 23 de enero a Caracas.

Inoltre, l'Assemblea Nazionale (AN) prevede di discutere un progetto di accordo per commemorare l'11° anniversario del "cambio di scenario e della siembra del comandante eterno".

Sul social network X, numerose autorità, funzionari, istituzioni statali e aziende pubbliche hanno diffuso messaggi in omaggio all'uomo considerato una delle figure più trascendenti dell'inizio di questo secolo in America Latina, che ha governato per 14 anni, fino alla sua morte, vittima del cancro.

La Rivoluzione Bolivariana è destinata ad avanzare con la verità e la giustizia sociale insegnate dal Comandante Hugo Rafael Chávez Frías, ha sottolineato il presidente venezuelano Nicolás Maduro, attraverso il social network X, in un post in cui ha anche evidenziato che i venezuelani continueranno a difendere la sua eredità.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti