In 8 anni, la guerra alla Siria ha causato danni per 442 miliardi di dollari

In 8 anni, la guerra alla Siria ha causato danni per 442 miliardi di dollari

La Siria ha subito danni per oltre 442 miliardi in soli otto anni di guerra e la sua economia è crollata a causa delle sanzioni, secondo uno studio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Questa cifra è stata rivelata da uno studio condotto congiuntamente dalla Commissione economica e sociale delle Nazioni Unite per l'Asia occidentale (ESCWA) e dal Centro per gli studi siriani dell'Università di St Andrews (Scozia), pubblicato mercoledì scorso.
 
Lo studio è relativo al periodo 2011-2019 e rivela che alla fine dell'ottavo anno di conflitto in Siria, le perdite economiche avevano superato i 442 miliardi di dollari.
 
Secondo il rapporto, a questa cifra enorme e scioccante bisogna aggiungere la sofferenza di una popolazione che comprende 5,6 milioni di rifugiati e 6,4 milioni di  sfollati interni ; 6,5 milioni di persone con insicurezza alimentare; 11,7 milioni che avevano ancora bisogno di almeno una forma di assistenza umanitaria.

Lo studio, intitolato "Siria in guerra: otto anni dopo", indica che quasi 3 milioni di bambini nel Paese arabo non hanno potuto frequentare la scuola durante l'anno scolastico 2017-2018.
 
Il conflitto, combattuto da gruppi terroristici sostenuti dall'Occidente e da alcuni paesi arabi, ha lacerato il tessuto sociale e causato perdite nello sviluppo umano, portando la situazione della Siria da un indice di medio sviluppo umano a quello basso sviluppo umano.
 
Per quanto riguarda il commercio, lo studio sottolinea che le esportazioni siriane sono crollate, da $ 8,7 miliardi nel 2010 a $ 0,7 miliardi nel 2018, a causa dell'interruzione della produzione e delle catene commerciali.
 
Inoltre, si evidenziano i danni alle infrastrutture, le sanzioni economiche unilaterali restrittive imposte dagli Stati Uniti e dall'Unione Europea (UE) e la fuga di capitali fisici, finanziari e umani dal paese sono alcuni dei fattori che contribuiscono al collasso del commercio e dell'economia della Siria.
 
Le importazioni, tuttavia, non hanno registrato un calo paragonabile, aumentando il deficit commerciale e svalutando ulteriormente la valuta nazionale, la sterlina siriana.
 
Nel paese dilaniato dalla guerra, le sanzioni unilaterali imposte dagli Stati Uniti e dall'UE, soprattutto in mezzo alla nuova pandemia da COVID-19, hanno reso la vita ancora più difficile per una popolazione che già affrontare gli effetti del conflitto, il che significa che l'accesso alle forniture mediche di base, agli aiuti, alle attrezzature e alle cose essenziali quotidiane è quasi nullo. Un'evidenza che conferma come gli embarghi stiano solo uccidendo i cittadini.
 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti