Korybko - La Russia è diventata un martello per distruggere l'egemonia unipolare degli Stati Uniti

Korybko - La Russia è diventata un martello per distruggere l'egemonia unipolare degli Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il discorso di apertura del Presidente Putin al Forum tecnico-militare internazionale Army-2022 e agli International Army Games di quest'anno è stato conciso ma significativo. Il leader russo ha colto l'occasione per informare gli illustri ospiti del suo Paese sul ruolo della diplomazia militare di Mosca nel rafforzamento della multipolarità. Questo concetto si riferisce all'uso di mezzi militari per ottenere risultati politici, che in questo caso riguardano l'accelerazione della transizione sistemica globale verso il multipolarismo e la garanzia che essa rimanga sulla buona strada. Di seguito riportiamo un estratto dei suoi commenti pertinenti, seguiti da una breve analisi in termini di quadro generale:

"Vorrei sottolineare che la Russia sostiene lo sviluppo più ampio e completo della cooperazione tecnico-militare. Questo è particolarmente importante oggi, nel contesto dell'emergente mondo multipolare.

Apprezziamo molto l'esistenza di tanti alleati, partner e persone affini in diversi continenti. Si tratta di Stati che non si piegano al cosiddetto egemone. I loro leader mostrano un carattere genuinamente virile e non si inchinano. Stanno scegliendo una strada di sviluppo sovrana e indipendente. Vogliono risolvere collettivamente tutte le questioni di sicurezza globale e regionale sulla base del diritto internazionale, della responsabilità reciproca e della considerazione dei reciproci interessi, contribuendo così alla difesa del mondo multipolare.

La Russia apprezza sinceramente le relazioni storicamente salde, amichevoli e realmente degne di fiducia con gli Stati latinoamericani, asiatici e africani. Siamo pronti a offrire ai nostri alleati e partner armi all'avanguardia - dalle armi leggere ai veicoli blindati e all'artiglieria, all'aviazione da combattimento e ai droni".

La prima parte che attira l'attenzione è l'esplicito riferimento del leader russo al mondo multipolare emergente, che si allinea al manifesto rivoluzionario globale che ha svelato alla fine del mese scorso per ispirare il Sud globale guidato dai BRICS a sollevarsi contro il giogo neocoloniale del Miliardo d'oro dell'Occidente guidato dagli Stati Uniti. Il secondo aspetto degno di nota è il riconoscimento che molti Paesi di diversi continenti condividono lo spirito della sua visione del mondo, per cui i loro leader stanno abbracciando la tendenza di cui ha parlato il Presidente Putin all'inizio dell'estate, legata all'ascesa di Stati veramente sovrani, che costituisce il terzo punto.

Passando al quarto, il leader russo ha ribadito la base del diritto internazionale e di altri principi universalmente condivisi per la risoluzione delle controversie internazionali, ed è qui che entra in gioco la rilevanza della cooperazione tecnico-militare con il suo Paese. Questo porta all'ultimo punto, ovvero la volontà di Mosca di impegnarsi nella diplomazia militare con una serie di partner internazionali affini e realmente sovrani in tutto il Sud globale, allo scopo di rafforzare la loro sicurezza e quindi di consentire loro di scoraggiare minacce non provocate, contribuendo a sua volta alla difesa del mondo multipolare, proprio come ha appena detto.

La differenza tra la pratica della diplomazia militare russa e quella statunitense è che la prima mira a mantenere l'equilibrio di potere tra Stati rivali per scoraggiare i conflitti e quindi incoraggiare soluzioni politiche alle loro controversie, mentre la seconda aspira a rompere tale equilibrio a sostegno del suo partner preferito, in modo da dargli un vantaggio nel minacciare guerra e possibilmente anche nel lancio di un primo attacco. È evidente che il modello di Mosca mantiene la stabilità internazionale ed è in piena sintonia con il diritto internazionale, mentre quello di Washington destabilizza quanto sopra e viola palesemente le norme internazionali.

La transizione sempre più caotica dall'unipolarismo al multipolarismo ha visto gli Stati Uniti gettare irresponsabilmente i semi del conflitto in tutto il mondo, in un disperato ultimo tentativo di manipolare i processi imprevedibili che innescano per aggrapparsi a un’egemonia in via di estinzione. Questa grande tendenza strategica rende la diplomazia militare dei Paesi del Sud globale con la Russia più importante che mai, soprattutto se si considera l'esperienza del Cremlino nelle strategie di "sicurezza democratica" ad hoc. Questo concetto si riferisce alla gamma creativa di tattiche e strategie di controguerra ibrida per rispondere alle minacce supportate dall'estero, come quelle che il Mali sta attualmente affrontando da parte della Francia, ad esempio.

Tenendo presente questa osservazione, si può affermare che il grande obiettivo strategico della Russia (che corrisponde al suo ruolo nella transizione sistemica globale verso il multipolarismo) è quello di contrastare la suddetta tendenza sostenuta dagli statunitensi, in modo da preservare la pace e la stabilità nelle relazioni internazionali. A differenza di Washington, con la sua caotica furia da guerra ibrida nel Sud del mondo, Mosca mira a garantire la massima sicurezza in questo periodo molto delicato degli affari globali. Il Cremlino è sicuro che questo approccio consentirà ai Paesi di contribuire al massimo al multipolarismo e quindi, in ultima analisi, di infliggere un colpo mortale all'unipolarismo, purché siano in grado di difendersi dai piani di destabilizzazione statunitensi.

La visione condivisa in questa analisi permette quindi di comprendere meglio il significato più ampio del Forum tecnico-militare internazionale Army-2022 e degli International Army Games di questa settimana. Questa dimostrazione di equipaggiamento militare russo e l'invito del Presidente Putin ai numerosi partner del Sud globale del suo Paese a intensificare l'addestramento con la Russia hanno lo scopo di potenziare le capacità di "sicurezza democratica" di questi Stati e quindi di aiutarli a svolgere un ruolo significativo nella transizione sistemica globale verso il multipolarismo, difendendo con maggiore sicurezza la loro sovranità dagli schemi di guerra ibrida. Attraverso questi mezzi, la Russia è diventata un martello per distruggere l'egemonia unipolare degli Stati Uniti.

(Articolo pubblicato inglese sulla Newsletter di Andrew Korybko)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra