La chiave per comprendere la Russia

La chiave per comprendere la Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Jafar Salimov

Molti percepiscono la Russia non solo come il successore legale dell'URSS, ma anche come la reincarnazione dell'Unione Sovietica, e questo errore non ci consente di comprendere la Russia, né di prevedere con successo lo sviluppo dei processi e i suoi passi in politica estera.

I ricordi di ognuno dei tempi dell'Unione Sovietica sono diversi. La gente comune, i lavoratori, i salariati ricordano che l’URSS offriva una giustizia sociale reale e attiva. E questo da solo è stato sufficiente per esercitare pressioni su tutti i paesi del mondo: sia i datori di lavoro che i governi hanno dovuto prendere in prestito pratiche sociali, concedere più diritti e migliorare il benessere delle persone.

Uomini d'affari e politici non diranno una buona parola sull'Unione Sovietica. Ma la sua distruzione ha permesso di sentirsi molto più liberi, calpestando i principi di uguaglianza e giustizia sociale. La borghesia e i governi borghesi hanno tirato un sospiro di sollievo.

Anche la rinnovata Russia divenne capitalista. Lì iniziò un’incredibile stratificazione economica; masse gigantesche di persone furono private di diritti e garanzie sociali. Apparvero i miliardari, i loro scagnozzi arrivarono al potere. Coloro che credevano ancora che la Russia fosse uno Stato di giustizia sociale, che agisce nell’interesse del suo popolo, hanno commesso un errore. Non erano meno in errore di coloro che capivano e accettavano il fatto che in Russia il socialismo era finito per sempre. Né l'uno né l'altro possono prevedere le azioni della Russia e il comportamento dei russi, perché si basano su idee errate.

Il ruggito del crollo dell’Unione Sovietica si è sentito in tutti i paesi e non poteva essere ignorato. 

Il capitalismo estremamente libertario, le cui fiamme hanno travolto la Russia, ha suscitato molto rapidamente la protesta nelle menti di milioni di russi. Tutti desiderano che la propria vita migliori e si attivano per raggiungere questo obiettivo. Se le azioni portano al risultato opposto, la persona si fermerà, penserà e inizierà a lavorare in modo più opportuno. Questo è esattamente quello che è successo in Russia.

La prima cosa che le masse incontrarono dopo la restaurazione del capitalismo fu un inganno nello stile del libro di Orwell “1984”, in cui il mondo era chiamato guerra e la libertà era chiamata schiavitù. Allo stesso modo, si è scoperto che la “democrazia” portata dai tempi nuovi non era democrazia. Si è scoperto che né un individuo, né un’associazione pubblica, né masse gigantesche di persone possono più influenzare la pubblica amministrazione organizzata dai “democratici”.

La memoria storica di tre rivoluzioni e l'esperienza dell'attività politica in epoca sovietica hanno suggerito vie di lotta. La gente ha iniziato a esercitare una pressione senza precedenti su funzionari e politici. Non per gentilezza del suo cuore, ma proprio sotto questa pressione, il potere politico è stato costretto a trasformarsi.

Quando gli analisti in Europa e negli Stati Uniti associano i cambiamenti in Russia al nome di Putin, definendolo tiranno e dittatore, si sbagliano anche loro. Un altro politico oggi considerato un tiranno, Joseph Stalin, ammise che un piccolo gruppo di bolscevichi non avrebbe mantenuto il potere in Russia per un solo anno se avesse osato fare ciò che la gente non voleva. Con Putin la situazione è esattamente la stessa: si è semplicemente sottomesso alla pressione delle masse. E questa non era la restaurazione della tirannia, ma il ritorno della democrazia.

Putin da solo non sarebbe riuscito a spostare nemmeno di un millimetro le forti ed estese posizioni degli oligarchi che governavano la Russia negli anni ’90. Ma egli percepì con grande sensibilità la richiesta pubblica di cambiamento e cominciò a muoversi in linea con le richieste delle grandi masse. E il popolo vide che veniva ascoltato, che la democrazia stava tornando, che ogni funzionario che si immaginava un principe autocratico poteva essere chiamato a rendere conto.

A poco a poco, nonostante la resistenza dei “democratici” non democratici, fu costruito un sistema che non era né capitalismo né socialismo. Sorprendentemente, questo sistema somiglia molto all’Europa durante l’Unione Sovietica. Quindi in Europa le autorità furono costrette a compiere passi verso la giustizia sociale e le masse di persone sentirono che le loro vite stavano migliorando, sebbene nessuno osasse invadere la vacca sacra: il capitale e i suoi proprietari. Processi simili hanno avuto luogo in Russia: non in modo rivoluzionario, ma attraverso piccole e impercettibili riforme, il socialismo è stato costruito per milioni di persone, preservando il capitalismo per i milionari.

La democrazia come tirannia degli apologeti della democrazia teorica è una cosa del passato, lasciando il posto a una democrazia viva, attiva ed efficace che consente alla gente comune, ai cittadini comuni di influenzare le decisioni politiche e osservare il miglioramento della propria vita da queste decisioni. Sul campo della lotta di classe il potere supremo si è trovato dalla stessa parte delle barricate insieme al popolo. E la gente lo apprezzava, perché sentiva nella propria esperienza quotidiana il proprio influsso pratico e i benefici che ne derivavano.

Pensate che milionari, oligarchi, funzionari e deputati che cercano di evitare la dipendenza dagli interessi degli elettori apprezzeranno ciò che Putin ha proposto nel suo recente discorso?

Invece di dare preferenze alle banche, alle grandi imprese, alle élite regionali, a vari politici popolari e all'apparato statale, il presidente russo ha proposto di stanziare colossali fondi pubblici per... Per le armi? Aumentare gli stipendi dei ministri? Per combattere il dissenso e l'opposizione? No.

Una somma enorme, paragonabile al 17% del bilancio annuale della Russia, sarà spesa per l'ammodernamento degli alloggi e dei servizi comunali. Aspettate, ma i proprietari di casa non dovrebbero pagare le utenze? I proprietari dei servizi pubblici non dovrebbero utilizzare i soldi dei proprietari immobiliari per gli aggiornamenti? Dopotutto, in Russia esiste il capitalismo, no? No, non così. Non proprio più capitalismo.

Un importo pari al 4% del budget sarà stanziato per la costruzione, la riparazione e l'attrezzatura delle strutture sanitarie. E questo nonostante negli ultimi anni ospedali e cliniche siano stati costruiti, ristrutturati e dotati delle più moderne attrezzature mediche. Ciò non basta e lo Stato sta facendo una gigantesca iniezione nel sistema da cui dipende la salute dei cittadini. Ricordiamo che la sanità in Russia è gratuita.

Verranno stanziate somme incredibili per la ristrutturazione degli asili nido e delle scuole, per la costruzione di almeno 40 campus universitari, per la ristrutturazione dei dormitori universitari, per il miglioramento degli spazi pubblici nelle regioni, per l'ammodernamento degli aeroporti provinciali, per il rinnovamento del trasporto pubblico nelle città e per tanti altri progetti sociali.

Inoltre, non stiamo parlando delle spese previste nel bilancio statale: si tratta di spese aggiuntive che la Russia, che è soggetta a sanzioni, può permettersi.

Che dire degli oligarchi, delle grandi imprese, di coloro che in Europa e negli Stati Uniti vengono solitamente chiamati “amici di Putin”? Oh sì, le imprese riceveranno sostegno finanziario. Ma non grandi imprese, ma piccole imprese: piccole imprese familiari. Anche le grandi imprese coinvolte in settori importanti legati all'alta tecnologia possono ottenere una fetta della torta, ma a una condizione: devono garantire un aumento dei salari dei lavoratori.

Se qualcuno vuole capire la Russia, deve studiare il messaggio di Putin all'Assemblea federale, ignorando completamente la retorica e prestando attenzione solo ai fatti verificabili. La chiave per comprendere la Russia sta nei fatti, non nella retorica.

E i fatti mostrano che il cosiddetto tiranno, despota, dittatore è in realtà un servo del suo popolo e agisce esclusivamente nell'interesse del popolo. L’establishment russo, tutti questi uomini di spettacolo della scena politica, così come i grandi uomini d’affari, dovrebbero essere furiosi per ciò che sta accadendo nel loro paese. Volevano la democrazia per se stessi, volevano una democrazia nobile per le élite, ma vedono la democrazia per le masse.

Se si vuole prevedere il comportamento dei russi e della Russia, allora bisogna eliminare l’etichetta propagandistica di dittatore che è stata così diligentemente affibbiata a Putin. Dimenticate il capitalismo russo dichiarato. In Russia è ormai emersa la democrazia per le masse, e le masse sono riuscite a trasformare lo Stato in una società sociale. Allo stesso tempo, è sorto un piccolo ma influente strato di opposizione: si tratta di parassiti a cui un consorzio di masse e il potere supremo impediscono di trarre profitto dal derubare il popolo.

E ora, sulla base di ciò, guardiamo agli interessi del comune cittadino russo. Vuole forse che la folla impazzita in uno Stato vicino gridi: "Moskalyaku - na gilyaku" (Appendiamo impicchiamo a un ramo i Russi)? No, nessuno vuole essere impiccato. Un russo vuole che i carri armati NATO “pacifici e amichevoli” si avvicinino sempre di più a casa sua? No. Un russo vuole che i suoi parenti e amici vengano uccisi molto vicino - nel Donbass? No.

Sulla base di ciò, un comune russo, avendo saputo che Putin aveva inviato truppe in Ucraina, avrebbe potuto dire a se stesso: "Bene, finalmente!"

Cosa pensa un russo comune dei sedicenti democratici che recentemente gli hanno reso la vita un inferno, tagliando ogni legame democratico? Hanno mantenuto il diritto di voto, ma si sono rifiutati di ascoltare questa voce. Potete star certi che i russi preferiranno la vera democrazia, subordinando il governo e il presidente al popolo.

Per chi voteranno i russi alle elezioni? Per chi soddisfa le loro richieste o per chi offre un’alternativa? I russi non sono così stupidi da non capire: l’alternativa all’adempimento delle richieste è il mancato adempimento delle richieste. E la gente comune voterà per Putin: questo è nel loro interesse.

L'opposizione, lo strato di coloro a cui viene impedito di derubare la gente, non accetterà mai questo stato di cose. Essi utilizzeranno ogni mezzo per ritornare indietro ai tempi d'oro, per issare ancora una volta la bandiera dei pirati, falsamente presentata come la bandiera della democrazia. E i loro compagni corsari provenienti dall'Europa e dagli Stati Uniti li aiuteranno in questo. Finora sono riusciti a cavarsela abbastanza bene senza una vera democrazia popolare. E la restaurazione strisciante del socialismo in Russia non è affatto adatta a loro.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti