La compagna Khashoggi a Justin Bieber: "Non cantare per gli assassini di Jamal"

La compagna Khashoggi a Justin Bieber: "Non cantare per gli assassini di Jamal"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Hatice Cengiz, compagna del giornalista dell'opposizione saudita Jamal Khashoggi - assassinato nel 2018 mentre era in visita al consolato del suo Paese a Istanbul - ha chiesto a Justin Bieber di annullare il suo concerto previsto per il 5 dicembre a Jeddah (Arabia Saudita) in una lettera aperta pubblicata sabato scorso dal Il Washington Post.

"Per favore, Justin Bieber, non agire per il regime che ha ucciso il mio compagno", si legge nel titolo della lettera. "Questa è un'opportunità unica per inviare un messaggio potente al mondo che il tuo nome e il tuo talento non saranno usati per ripristinare la reputazione di un regime che uccide i suoi critici", aggiunge nella missiva.

La donna assicura che il "brutale omicidio" di Khashoggi è stato compiuto da agenti che agivano agli ordini del principe ereditario del regno arabo, Mohamed bin Salmán, sostenendo che questa è stata la conclusione dell'intelligence statunitense.

"So che ti dedichi ai tuoi fan e viaggi in Arabia Saudita per loro conto. Eppure ci sono centinaia di sauditi di ogni età, provenienza e credo religioso che languono in prigione, puniti per aver semplicemente espresso la loro opposizione alla spietata dittatura saudita di Bin Salmán", continua la lettera.

Messaggio "forte e chiaro"

In questo senso, Cengiz ha ricordato a Bieber che quest'anno ha pubblicato un album intitolato "Justice" e un altro "Freedom". "L'Arabia Saudita ha urgente bisogno di entrambi", ha detto, sottolineando che "tutte le forme di oppressione sono cattive, indipendentemente da dove si verificano".

"Non cantare per gli assassini del mio amato Jamal", ha insistito, aggiungendo che se il cantante condanna il delitto, la sua voce sarà ascoltata da milioni di persone e invierà un messaggio "forte e chiaro": " Non agisco per i dittatori. Scelgo la giustizia e la libertà al posto del denaro".

Lo scorso giugno, il New York Times ha riferito che quattro agenti sauditi che hanno partecipato all'assassinio di Khashoggi hanno ricevuto addestramento paramilitare negli Stati Uniti in base a un contratto approvato dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

Justin Bieber così come ogni altro artista dovrebbero evitare di esibirsi in Arabia Saudita prima di tutto per la brutale aggressione appoggiata anche dall'occidnete contro lo Yemen che va avanti dal 2015.

La brutalità del regime saudita non si esaurisce solo con l'assassinio di Kashoggi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti