World Affairs/La Condizione della Donna in Siria. Oltre i miti e le menzogne

La Condizione della Donna in Siria. Oltre i miti e le menzogne

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

"Se il tuo sostegno ai 'ribelli moderati' salafiti e alla loro Primavera della NATO era per liberare le donne, avevi sicuramente torto"


Rivista La Comuna
 

 
PREMESSA
 
  • "Nel 1949 il diritto di voto e la partecipazione politica è concesso alle donne siriane"
 
  • "La Costituzione del 1975 obbliga lo Stato a rimuovere tutti gli ostacoli allo sviluppo delle donne e a garantire l'uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge"
 
  • “Le donne siriane, prima della guerra, occupavano il 73% dei posti pubblici; inoltre, nel 2008, erano il 46% delle iscritte all'università”
 
 
L'immagine della donna araba in Occidente è carica di ciò che chiamano "islamofobia", che è un difetto del patrimonio coloniale che è caratteristico non solo della reazione, ma anche della "sinistra" occidentale. Parlando chiaramente, è un'ulteriore dimostrazione di quanto sia estremamente razzista e suprematista un certo discorso "bonario" di una certa "sinistra" occidentale e come aiuti oggi la propaganda imperialista.

 
Converti le donne da ciò che intendiamo come paesi arabi (a volte non sono nemmeno arabi) in una caricatura per "salvare" da loro stessi, ignari di qualsiasi contesto o sviluppo, ignari della realtà e della loro stessa storia; e che attraverso questo gioco simbolico ci fanno inghiottire le guerre che il nostro avanzato Occidente sta facendo contro questi popoli, a sua volta calmando le nostre coscienze con una macabra idea che ciò servirà per il progresso.
 
La verità è che le guerre non "rafforzano" nessuno e tuttavia, al contrario, gli stati che sono stati in grado di svilupparsi sono stati quelli che hanno aiutato di più a creare, almeno internamente, società più egualitarie. A partire dalle metropoli che si sono sviluppate a spese dello sfruttamento e dell'oppressione degli altri e che in tal modo hanno garantito maggiori dosi di uguaglianza sociale nel loro territorio.
 
Perché il progresso e le conquiste sociali implicano un lavoro congiunto di tutti i soggetti di una società in modo che possa manifestarsi veramente come sviluppo. E a sua volta, perché uno Stato sovrano può soddisfare i bisogni materiali che originano gran parte delle oppressioni, almeno in prima linea. Pertanto, se ciò di cui siamo preoccupati è che in Siria e in altri popoli possano godere di maggiori dosi di uguaglianza sociale, la prima cosa sarà garantire che questi Stati possano quindi svilupparsi e per questo dobbiamo pretendere che siano sovrani.
 
Prima di iniziare, chiariamo che non stiamo negando che il maschilismo esista in Siria. Esiste. Come esiste in tutte le parti del mondo. Ciò che è assolutamente falso è che non funziona e non è stato abbastanza e con successo per sradicarlo gradualmente. Esattamente come in molti altri paesi e con il triplo degli svantaggi. Anche ciò che non è vero è che si tratta di un caso speciale, di maggiore violenza o di impatto sociale strutturale e diffuso. E questo è uno dei miti e degli errori che devono essere sradicati.
 
Quindi, se il tuo sostegno ai "ribelli moderati" salafiti e alla loro "rivoluzione" della NATO era di liberare le donne, avevi sicuramente torto.
 
La donna siriana prima della guerra
 
Negli anni '40, le donne siriane (così come molte donne in diversi paesi arabi) parteciparono attivamente agli scioperi contro il colonialismo.
Il 17 aprile 1946, le truppe francesi lasciarono il territorio siriano, dichiarando ufficialmente l'indipendenza del paese. Solo tre anni dopo, nel 1949, il diritto di voto e la partecipazione politica furono concessi alle donne siriane. Negli anni '50, Thuraya Al-Hafez correva già per il parlamento siriano, mentre Adila Bayhum iniziò le riunioni dell'Unione delle donne siriane.


 
 
Elezioni 1953
 
Dal 1961, le donne hanno lo stesso diritto di accesso alla magistratura e alle posizioni di servizio pubblico.
 
La Costituzione del 1975 obbliga lo Stato a rimuovere tutti gli ostacoli allo sviluppo delle donne e a garantire l'uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge. Ciò comporta un'altra serie di riforme che miglioreranno considerevolmente la vita delle donne siriane.
 
La partecipazione è aperta alla magistratura, dal 1975 in materia di diritto civile, penale e commerciale. La partecipazione delle donne ai consigli locali rappresenta il 22% dei loro membri e nei sindacati il ??20%. Il Comitato nazionale per le questioni femminili ha elaborato una strategia nazionale negli anni '80 per l'emancipazione delle donne: di conseguenza, nel 2005 la partecipazione delle donne è stata raggiunta nel 2005 nelle posizioni decisionali. A livello di rappresentanza politica, Hada Half Abás ha presieduto il parlamento siriano fino a tempi relativamente recenti.
 

 
Le donne siriane, prima della guerra, occupavano il 73% dei posti pubblici: oltre il 58% della funzione pubblica di ministeri e amministrazioni, ma soprattutto la loro presenza nell'istruzione spicca: il 63% degli insegnanti della scuola primaria, il 43% della secondaria e 15% all'università.
 
 
Donne siriane e sport negli anni '70
 

 
L'Accademia militare femminile è stata creata dagli anni '80, il che significa l'ingresso delle donne nelle forze armate siriane e nell'Accademia di polizia. Ci sono sette donne del grado di generale Brigata e una di Divisione.
 
A livello educativo, con l'arrivo di Hafed Al-Assad, l'istruzione obbligatoria è stata legalmente imposta a tutti fino a 15 anni. Allo stesso tempo, è stato implementato il sostegno alle famiglie per le madri, che è attualmente paragonabile a congedi per malattia, sussidi ai paesi europei come lo Stato spagnolo.
 
Le riforme educative e i piani di attuazione per l'emancipazione femminile nel 1987 presumevano già che l'85% delle donne siriane fosse iscritta ai Centri educativi (secondo i dati della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti); Nel 2008, prima della guerra, le donne occupavano il 46% degli iscritti all'università.

A causa dell'aumento della presenza femminile nella vita pubblica e politica del paese e dei miglioramenti dell'istruzione e della formazione secondo i dati della Banca mondiale dagli anni '80 all'inizio del 2000, il tasso di occupazione femminile in Siria è raddoppiato.


 
Questioni storiche e attuali delle donne in Siria
 
La Repubblica araba siriana è, come già sappiamo, un paese complesso, alla diversità religiosa si uniscono la diversità etnica e le popolazioni che vivono nel suo stato. A sua volta, come in tutte le parti del mondo, esiste una separazione sociologica tra aree rurali e città. Nel caso della Siria, quindi, non è stato un compito facile coprire l'attuazione di misure per l'emancipazione sociale delle donne in tutta questa complessità.
 
 
Mappa della diversità etnico-religiosa in Siria 

 
 
Nel 2007 una relazione della commissione per l'eliminazione della discriminazione nei confronti delle donne si è congratulata con il governo per l'istituzione della Commissione siriana per gli affari familiari, l'organismo nazionale per la promozione delle donne e la direzione per lo sviluppo delle donne rurali, dipendente dal Ministero dell'Agricoltura. Sottolineando l'inclusione di politiche attive per l'emancipazione delle donne nel nono e decimo piano quinquennale della Repubblica araba siriana; e in relazione diretta al progresso dell'emancipazione femminile nelle zone rurali.
 
Questo rapporto e quello a cui risponde, presentato dal governo siriano, sono indicatori efficaci di quella divisione sociale esistente tra un'area urbana (dove si trovano grandi città come Aleppo o Damasco) e dove è concentrata la maggior parte della popolazione; e il vasto territorio interno e rurale in cui convivono stili di vita tribali (di diverse comunità) e dove vengono mantenute le pratiche di poligamia, matrimonio infantile, ecc. Questa divisione, in effetti, ha un impatto diretto sullo sviluppo dell'emancipazione delle donne in Siria.
 
La Repubblica araba siriana è uno Stato multietnico e multi-religioso, che è riuscito con successo a creare un progetto sovrano e di sviluppo in un'area in cui quella diversità non sempre aiuta l'armonia ma piuttosto il sottosviluppo a causa dell'eterno conflitto sempre promosso da coloro che sono ancora in vigore, interessi coloniali o imperialisti. Pertanto, non è un compito facile coordinare le azioni di sviluppo che possono essere adottate senza conflitto da alcuni gruppi sociali. Nonostante ciò, va notato che progressivamente l'impegno dei governi siriani è stato quello di bilanciare la difesa di questa diversità e il raggiungimento dei diritti per tutti gli abitanti della Siria. Insistiamo che non è un compito semplice né un processo dal quale è possibile aspettarsi risultati immediatamente.


 
Cristiani in Siria
 
Tuttavia, in questi quasi dieci anni di guerra imposta, tutti questi risultati sono stati direttamente influenzati dalla guerra e dall'avanzata del fondamentalismo. Pertanto, l'aumento dei matrimoni forzati, compresi i matrimoni infantili, il rapimento di migliaia di donne da consegnare come mezzo di produzione di bambini per lo Stato islamico e le circostanze economiche stesse, il peggioramento della qualità della vita dei siriani a causa della guerra e le sanzioni, non solo ostacolano un ritorno naturale alla situazione precedente, ma aumentano anche i problemi sociali che, come sempre, colpiscono settori che, a causa di uno sviluppo storico diseguale, come le donne, si sono sempre trovati in una posizione di maggiore vulnerabilità.

 
 
Gli studenti tornano all'Università nella città di Aleppo nel 2019
 
Se il desiderio è quello di scommettere sull'emancipazione totale delle donne siriane, la scommessa è chiara, dobbiamo lavorare incessantemente per la fine delle sanzioni e della guerra. E non cadere nei trucchi di Washington come la "rivoluzione" della falsa bandiera del Rojava, che merita e avrà un articolo separato.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa