/ La lunga storia degli incidenti inventati dagli USA per giustific...

La lunga storia degli incidenti inventati dagli USA per giustificare le loro guerre

 

Gli Stati Uniti ha alle spalle una lunga storia di inventare incidenti per giustificare le sue guerre, che hanno anche causato gravi situazioni umanitarie.

Fonte articolo
 
L'imperialismo USA, di fatto, divenne noto dopo la Seconda Guerra Mondiale (1939-1945) quando la dottrina del cosiddetto "isolazionismo americano" - che apparentemente era focalizzata negli affari interni del paese - stavo perdendo molta forza.
 
L'isolazionismo americano, tuttavia, è un concetto ambiguo, dato che il paese fondato nel 1776 da immigrati non ha mai mostrato il minimo segno che voleva trattare solo con i suoi affari.
 
Nel campo commerciale, le sue navi mercantili hanno navigato per mare sin dai primi giorni dell'indipendenza, e in termini di cultura, i suoi scrittori, artisti, ricercatori, missionari e turisti hanno sempre viaggiato per diffondere il modo di vivere americano.
 
Né in campo militare, gli USA sono rimasti sulle loro. La minima "minaccia diretta" per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti era abbastanza per Washington per entrare in qualsiasi guerra esterna, diretta o sussidiaria.
 
Tuttavia, la storia ha registrato molti momenti in cui la Casa Bianca è entrata in guerra senza che la sua sicurezza nazionale fosse minacciata direttamente o indirettamente.
 
Qui p una breve rassegna di alcune delle guerre che gli Stati Uniti hanno scatenato contro altri paesi sotto improbabili pretesti:
 
Santiago de Cuba: Battaglia navale 1898
 
Luglio per Santiago de Cuba comporta molte commemorazioni storiche, tra cui la Battaglia navale del 1898, i cui ricordi sono ancora vivi, conservando ancora cinque navi spagnole e due americane.
 
Gli Stati Uniti pensarono di appropriarsi delle Grandi Antille, all'inizio del XIX secolo, così il 15 febbraio 1898, fecero saltare in aria una fregata dal loro paese "Maine" nel porto de L'Avana, per giustificare una guerra contro la Spagna e strappare l'ultima colonia che aveva nei Caraibi.
 
Gli Stati Uniti accusarono la Spagna dell'esplosione e dichiararono immediatamente la guerra retroattivamente all'inizio del blocco. Le truppe statunitensi arrivarono rapidamente a Cuba.
 
Incidente di Tonkin, falso pretesto degli Stati Uniti per distruggere il Vietnam
 
L'incidente nel Golfo di Tonkin era la scusa, con la quale Washington giustificava la distruzione del Vietnam. Il cosiddetto incidente di Tonkin fu il falso pretesto usato nel 1964 dall'amministrazione di Lyndon B. Johnson per intervenire militarmente nel Vietnam del Nord. Il piano operativo 34-A ha cercato di creare un incidente, reale o fittizio, che giustificasse l'escalation della sua interferenza nella guerra tra il Vietnam del Nord e il Vietnam del Sud.
 
In questo modo, i servizi segreti statunitensi organizzarono un'operazione di falsa bandiera e la usarono come pretesto per partecipare alla guerra; in quell'occasione simulò un falso attacco da parte delle forze appartenenti al Vietnam del Nord contro le navi della US Navy. nel sud-est asiatico, che era entrato in acque che Washington rivendicava come internazionale, ma che il Vietnam rivendicava come nazionali.
 
Si presentarono video come prova di tali attacchi e questo servì come scusa per l'allora presidente degli Stati Uniti Lyndon Johnson, di chiedere al Congresso una maggiore espansione delle missioni militari che portavano i soldati di stanza come consiglieri militari in Vietnam e, quindi, l'inizio di un intervento su larga scala.
 
Attentati dell'11 settembre, il pretesto per attaccare l'Afghanistan
 
La NATO, guidata dagli Stati Uniti, ha attaccato l'Afghanistan nel 2001, con il pretesto degli attacchi l'11 settembre dello stesso anno.
 
Diversi terroristi furono in grado di assumere il controllo di quattro aerei: due si schiantarono contro le Torri Gemelle di New York e un altro contro la sede del Dipartimento della Difesa USA (Pentagono) a Washington.
Il quarto si è schiantato nello stato della Pennsylvania (nord-est). Gli attacchi provocarono circa 3.000 morti.
 
L'invasione è avvenuta mentre diversi rapporti assicuravano il coinvolgimento del regime e saudita negli attacchi, che sono stati usati come pretesto per un nuovo conflitto guidato dalla Casa Bianca.
 
L'invasione dell'Iraq con armi di distruzione di massa "mai trovate"
 
Due anni dopo aver attaccato l'Afghanistan, agli USA venne fuori l'idea che l'allora Presidente iracheno Saddam Hussein possedesse un magazzino pieno di armi di distruzione di massa. I dati a questo riguardo erano stati forniti dalla CIA.
 
Dopo il rovesciamento di Saddam, gli aggressori hanno affermato di aver fatto affidamento su informazioni errate. Anche se l'invasione ha seminato l'insicurezza nel paese arabo e ha spianato la strada all'emergere di gruppi terroristici.
 
Gli interventi, le guerre e gli attacchi degli Stati Uniti a molti altri paesi del mondo - principalmente latini, asiatici e africani - hanno causato così tanti danni e conseguenze negative che ancora oggi colpiscono i civili.
 
Recenti interventi militari in Iraq, Siria, Libia e in Afghanistan con il pretesto di liberare i popoli di questi paesi e di ripristinare la democrazia hanno solo peggiorato la situazione e spianare la strada per la nascita di gruppi terroristici come l'ISIS (Daesh in arabo).
 
Gli Stati Uniti sono anche dietro diversi conflitti, per i quali non si vede un panorama di pace. La Siria, la penisola coreana, il Venezuela, lo Yemen e la Palestina sono alcuni dei paesi che sono stati vittime di interferenze, richieste eccessive e politiche errate di Washington.
 
L'Iran è diventato anche un bersaglio della retorica bellica americana, che apparentemente cerca una nuova avventura per dimostrare che è ancora il leader mondiale. Un desiderio che sembra improbabile data l'esistenza di potenze emergenti come la Russia, la Cina e la stessa Repubblica islamica dell'Iran.
 
Nel caso più recente, due navi cisterna anteriore Altair e Kokuka coraggioso, battenti bandiera delle Isole Marshall e Panama, rispettivamente, sono state date alle fiamme a 25 miglia dal porto iraniano di Yask nella provincia di Hormozgan (sud). Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha accusato l'Iran di essere dietro l'incidente, sostenendo che nessuno nella regione ha "le risorse e la capacità di agire con un alto livello di sofisticazione".
 
Questo mentre diversi rapporti stanno prendendo in considerazione la possibilità che gli Stati Uniti e i suoi alleati regionali sono dietro gli incidenti e stanno distorcendo la realtà per demonizzare l'Iran.
 
Il ministro degli Esteri iraniano, Mohamad Yavad Zarif, ha anche considerato gli incendi navali "un piano B della squadra B", costituito da "diplomazia del sabotaggio".
 
Con "Squadra B", il ministro iraniano fa riferimento al Consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Bolton; il principe ereditario saudita, Muhamad bin Salman Al Saud; la sua controparte deli Emirati, Muhamad bin Zayed Al Nahyan; e il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, soprannominato "Bibi".
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa