/ L'amministrazione Trump dà la benedizione agli attacchi israelian...

L'amministrazione Trump dà la benedizione agli attacchi israeliani in Iraq

 

Mentre i funzionari israeliani devono ancora confermare direttamente gli attacchi contro l'Iraq, i legislatori iracheni hanno affermato che Tel Aviv è invece "assolutamente" responsabile di queste incursioni.


L'amministrazione Trump ha organizzato una difesa sui sospetti attacchi israeliani contro obiettivi in ??tutto il Medio Oriente.
 
"La nostra posizione è che se i vicini di Israele consentano a un paese terzo ostile che non condivide un confine con Israele, utilizza il suo territorio sovrano come terreno di sosta per armi pericolose sempre più sofisticate, il cui unico scopo è attaccare Israele, penso che quei governi, se non riescono a frenare o controllare tali elementi, dovranno essere preparati a essere responsabili delle loro azioni”, ha dichiarato un funzionario dell'amministrazione Trump, in forma anonima, durante le sue osservazioni citate dal Washington Examiner.
 
"Sia il Libano, la Siria , l' Iraq - penso che debba essere chiaro il nostro messaggio a quei governi", ha aggiunto il funzionario, presumibilmente in riferimento alla recente serie attacchi israeliani contro questi paesi. "La nostra posizione è che Israele agisca solo a causa dell'azione dell'Iran", ha osservato il funzionario, chiarendo cosa intendesse con il riferimento "paese terzo ostile".
 
 
Le osservazioni del funzionario sono seguite ai precedenti commenti dei funzionari statunitensi della scorsa settimana secondo cui Israele ha effettivamente effettuato "diversi attacchii" in Iraq di recente, con una delle fonti preoccupate che Israele stesse "spingendo i limiti" della pazienza irachena. Questo, ha avvertito il funzionario, potrebbe indurre per rappresaglia Baghdad a chiedere che le 5.000 truppe statunitensi stazionate ancora in Iraq lasciano il Paese.
 
 
Mercoledì scorso, il Pentagono ha ribadito il suo "sostegno" alla "sovranità irachena" e ha parlato contro "qualsiasi azione potenziale da parte di attori esterni che incitino alla violenza in Iraq", in una possibile critica ai recenti sospetti scioperi israeliani.
 
Israele "Assolutamente, sicuramente" responsabile, reclamano i parlamentari iracheni
 
Alla fine della scorsa settimana, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha rotto il silenzio di Tel Aviv sulla serie di attacchi, non confermando direttamente il coinvolgimento israeliano, ma suggerendo che ai suoi militari era stata data la "libertà di azione" laddove necessario e comunque necessario per affrontare la "Minaccia iraniana".
 
Questa settimana, Ahmad al-Assadi, portavoce della Coalizione Fatah, un'importante fazione parlamentare irachena, ha affermato che recenti indagini governative volte a rivelare gli autori degli attacchi contro le Unità di mobilitazione popolari degli ultimi due mesi hanno concluso che Israele è "assolutamente , certamente ”responsabile di alcune di queste incursioni. Baghdad presenterà le sue prove alle Nazioni Unite in un secondo momento, ha annunciato Assadi.
 
Le PMU sono guerriglieri sciiti originariamente nati nel 2014 per combattere l'ISIS e hanno ricevuto assistenza e addestramento militari da consiglieri iraniani, svolgendo un ruolo importante nel distruggere la parte irachena del cosiddetto "califfato" dell'ISIS e non si sono sciolti dopo che Baghdad ha dichiarato la vittoria sul gruppo terroristico alla fine del 2017.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa