/ "L'amnesia occidentale sul ruolo dell'URSS nella vittoria della S...

"L'amnesia occidentale sul ruolo dell'URSS nella vittoria della Seconda Guerra Mondiale ha alcuni aspetti inquietanti"

 

Secondo l'accademico e giornalista John Laughland "oggi, la Federazione Russa celebra queste vittorie con la stessa emozione e orgoglio degli alleati occidentali che ricordano gli sbarchi in Normandia e la successiva battaglia per la Francia, avvenuta contemporaneamente", ma gli Stati baltici definiscono queste celebrazioni "una provocazione ".


Segue l'analisi di John Laughland, giornalista e accademico esperto in affari internazionali
 
Nell'autunno del 1944, 75 anni fa, l'Armata Rossa raggiunse i confini del Reich tedesco; città come Minsk, Vilnius e Brest furono liberate a luglio mentre le forze sovietiche avanzavano verso l'Occidente.
 
Oggi, la Federazione Russa celebra queste vittorie con la stessa emozione e orgoglio degli alleati occidentali che celebrano gli sbarchi in Normandia e la successiva battaglia per la Francia, avvenuta contemporaneamente.
 
Tuttavia, alcuni paesi dell'UE, in particolare gli Stati baltici, hanno definito queste celebrazioni russe "una provocazione".
 
Hanno persino convocato gli ambasciatori russi in segno di protesta, affermando che l'Armata Rossa non aveva portato la liberazione ma invece solo un'altra occupazione. Il loro atteggiamento è in netto contrasto con quello dei successivi governi tedeschi i cui più alti rappresentanti sono stati felici di essere associati alle celebrazioni degli Alleati per anni, anche se il loro paese non fu occupato solo dopo il 1945, ma anche diviso in due stati reciprocamente ostili.
 
L'atteggiamento aspro dei paesi baltici è parte di un problema molto più grande, vale a dire un'amnesia occidentale che si auto congratula per il ruolo dell'Unione Sovietica nella seconda guerra mondiale. È sicuro dire che la guerra tedesco-russa del 1941-1945 fu di gran lunga il conflitto più sanguinoso della storia umana; e inoltre che i combattimenti in Oriente hanno sminuito tutto ciò che è accaduto in Occidente.
 
L'occupazione di Hitler nell'Europa occidentale non era altro che un preludio al suo vero obiettivo, la sottomissione dell'Europa orientale e di parti dell'Unione Sovietica al dominio tedesco nel perseguimento del progetto nazista di creare lo "spazio vitale"(Lebensraum) per i tedeschi lì. Tuttavia, il ruolo decisivo dell'URSS nella sconfitta della Germania nazista è stato sradicato dalla memoria collettiva dell'Occidente - il presidente Putin non è stato nemmeno invitato alle celebrazioni di quest'anno in Normandia - e invece la guerra è ricordata solo come una vittoria per le democrazie liberali contro due totalitarismi ugualmente malvagi.
 
Questa amnesia non è ricambiata dalla parte russa. Sebbene lo sforzo militare sovietico e, soprattutto, la terribile sofferenza inflitta alla popolazione civile (oltre 26 milioni di cittadini sovietici morti in guerra, a differenza di circa 400.000 ciascuno in Gran Bretagna e America) è trascurato in Occidente, i russi oggi apprezzano con affetto il ricordo dell'alleanza est-ovest che ha messo in ginocchio la Germania.
 
Ricordano, anche nelle cerimonie e nelle celebrazioni, l'incontro fraterno tra le truppe statunitensi e sovietiche sull'Elba del 25 aprile 1945. Nelle loro dichiarazioni pubbliche affermano che la guerra fu vinta solo grazie a uno sforzo comune e che il suo non avrebbe potuto prevalere contro Hitler. Questa è una dichiarazione di fatto tanto ovvia come è possibile immaginare. Purtroppo, le menti occidentali, inquinate dalla loro ossessione di incarnare valori universali che devono necessariamente vincere perché sono dalla parte giusta della storia.
 
C'è un ulteriore aspetto dell'amnesia occidentale che è inquietante. L'ossessione nazista per lo sterminio degli ebrei, che fu messa in atto non appena fu invasa la Polonia, e quindi molto prima della costruzione delle famigerate camere a gas, era solo una parte - anche se è la parte più scioccante - di un piano più ampio di sterminio razziale che includeva gli slavi.
 
Nel giugno del 1942, un accademico tedesco inviò a Himmler un progetto per l'insediamento di tedeschi nei territori orientali che prevedeva l'eliminazione per deportazione, fame o omicidio di decine di milioni di slavi: polacchi, ucraini, bielorussi e così via sopra. Questo "Generalplan Ost" è ampiamente dimenticato oggi perché ricordiamo invece l'assassinio industriale di ebrei. Ma a quell'orrore non dovrebbe essere permesso di oscurare altri orrori, specialmente perché la persecuzione degli slavi era in prima linea nella mente di tutti quando i piani furono proposti per perseguire la leadership nazista dopo la guerra ma prima che l'Olocausto fosse compreso correttamente. Nel suo rapporto al presidente Truman del 6 giugno 1945, Robert Jackson, ex procuratore generale che doveva diventare il procuratore capo di Norimberga, citò la persecuzione dei polacchi e di altri popoli slavi nelle parti occupate dell'Europa orientale, ma non disse una parola sugli ebrei.
Tuttavia, "l'amnesia" non è una spiegazione adeguata della posizione ufficiale degli Stati baltici sugli eventi del 1940-1945. La "disonestà" o la "distorsione" sarebbe più accurata per descrivere l'affermazione di quei paesi secondo cui essi furono "occupati" dall'Unione Sovietica nel 1940, e poi di nuovo dopo il 1945.
 
Questa teoria dell'occupazione è usata per rivendicare la continuità storica degli stati baltici dopo il 1991 con gli stati baltici indipendenti tra le due guerre, ma non è vera. Questi stati non furono occupati dall'URSS ma annessi da essa e completamente integrati nello stato sovietico. Questo è un regime totalmente diverso dall'occupazione perché significa che i baltici sono diventati cittadini sovietici con gli stessi diritti - e la stessa sofferenza - dei russi e di tutte le altre nazionalità dello stato sovietico.
 
La teoria baltica "dell'occupazione " trascura convenientemente anche il fatto che la Lettonia e l'Estonia, che oggi denunciano il patto Molotov-Ribbentrop di non aggressione tra Germania e Unione Sovietica, firmarono il 23 agosto 1939, come oltraggio morale, a loro volta firmarono patti di aggressione con Hitler nel giugno del 1939.
(Questi trattati possono essere consultati qui, pagine 49 e 105.)
 
Inoltre, lo fecero non solo per proteggersi, ma anche per affinità ideologica con il nazismo; La Lettonia e l'Estonia erano diventate dittature a metà degli anni '30: il presidente della Lettonia, Karlis Ulmanis, fu salutato con i saluti nazisti quando prese il potere e bandì tutti i partiti politici nel 1934. Questo fatto scomodo non fermò la Lettonia alla ricerca del pronipote Guntis che diventerà presidente dopo il crollo dell'URSS, in uno spettacolo di continuità storica con lo stato prebellico e per mantenere la finzione dell'occupazione. Per dimostrare che gli stati baltici erano già democratici prima del 1940.
 
I Paesi Baltici oggi fingono che il periodo di "occupazione" fosse uno di dominazione etnica da parte dei russi, ma anche questo non ha senso. I russi potrebbero anche affermare di essere soggetti alla dittatura georgiana sotto Stalin. Il fatto è che il sistema sovietico era brutale per tutti i cittadini sovietici e che sotto esso soffrivano più i russi rispetto a quelli di altre nazionalità. L'élite sovietica credeva che il suo sistema fosse il migliore al mondo e introdusse lo stesso regime in tutto il territorio dell'URSS senza discriminazioni nazionali. È proprio questo problema che distingue radicalmente il comunismo sovietico dal nazismo e quindi rende assurdo trattare i due regimi come se fossero uguali.
 
I russi hanno tutto il diritto di ricordare con orgoglio il loro momento migliore, proprio come fanno gli inglesi. La triste storia della guerra fredda risiedeva nel 1944; non scoppiò fino al 1948 e chissà come si sarebbe potuta evolvere la stessa URSS se, come Stalin aveva proposto, una zona cuscinetto dell'Europa centrale di stati neutrali tra cui una Germania non allineata fosse stata accettata in Occidente? I paesi baltici hanno avuto un ruolo importante nello stato sovietico dopo il 1945, come avevano fatto all'inizio del bolscevismo.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa