Le Monde è chiaro. Tra Francia e Germania nessuna intermediazione possibile

Le Monde è chiaro. Tra Francia e Germania nessuna intermediazione possibile

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giuseppe Masala

Già vi ho detto, LeM è di fatto l'organo ufficioso del potere politico francese che ha coagulato attorno a sé una maggioranza di nove paesi in grado di sbattere la Germania all'opposizione all'interno della Bce e di imporre quelle politiche espansive che i tedeschi non vogliono assolutamente (e che la Corte di Karlsruhe ha definito illegittime rispetto alla Costituzione tedesca).



Ecco, oggi abbiamo un'articolo interessante: "Come può la Francia vivere con il suo debito". Bene, in questo articolo si dice chiaro e tondo che con un debito al 120% del pil a fine 2020 (peraltro secondo le proiezioni odierne del Fmi sarà più alto ancora) l'unico modo è con una Bce che garantisca tassi d'interesse bassi. 

E questo deve avvenire per anni e anni, pena il collasso della Francia anche in considerazione del fatto che avrà sì un debito più basso di quello italiano ma ha anche un saldo delle partite correnti e un Niip letteralmente nel baratro. Bene, ciò è quello che la Germania non vuole.

Detto da Karlsruhe, ripetuto reiteratamente da Weidmann in innumerevoli circostanze peraltro aggiungendo che sono necessarie per "certi paesi" manovre di finanza straordinaria (leggi patrimoniale o haircut del debito pubblico). 

Ripeto, non esiste margine di intermediazione tra la posizione tedesca e francese. Non esiste piano B, foss'anche il sacrificio dell'Italia da macellare nel nome del superiore interesse europeo e quindi della necessità di salvare la Francia; non è un opzione possibile né comunque sufficiente. Niente. Non esiste poi manco per nulla che la Francia ceda il deterrente nucleare ai tedeschi sotto le mentite spoglie dell'Esercito Unico Europeo così come chiesto apertis verbis da Sinn. Sarebbe il sogno di Hitler e Guglielmo II realizzato: una Germania dominatrice economicamente dell'Europa e armata con armi di distruzione di massa. Impossibile perchè si aprirebbero altri scenari poco auspicabili che coinvolgerebbero terze parti (Russia, Uk e Usa). 

Una delle due parti perde. Vedremo chi. Non c'è margine di mediazione. Le fantasiose ipotesi di accrocchi giuridici di fronte a Karlsruhe possono solo allontanare il redde rationem ma la sostanza del debito rimane così come quella dell'urgenza per la Francia di un "Qe to Infinity" o se preferite di un "Pepp open ended" come hanno detto alcuni esponenti Bce di parte latina.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti