Le parole di Tucker Carlson da una metro e un supermercato di Mosca

Le parole di Tucker Carlson da una metro e un supermercato di Mosca

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il giornalista statunitense Tucker Carlson, che ha recentemente intervistato il presidente russo Vladimir Putin, ha visitato la metropolitana di Mosca durante il suo soggiorno nella capitale e ha condiviso le sue impressioni sullo stato della stazione Kievskaya.

In un video pubblicato mercoledì sul suo account X, Carlson ha dichiarato: "Un modo per capire una determinata società è guardare le sue infrastrutture [...] Questa stazione è stata costruita da Iosif Stalin 70 anni fa. Che aspetto ha 70 anni dopo? Quando siamo entrati e abbiamo guardato, siamo rimasti scioccati da ciò che abbiamo visto".


Il giornalista si è chiesto come sia possibile che la Russia abbia una stazione della metropolitana "che la gente usa ogni giorno per andare al lavoro e a casa", e che abbia un aspetto "migliore di qualsiasi altro posto" negli Stati Uniti.

Oltre a mostrare al pubblico l'aspetto della stazione e dei treni del sistema di trasporto, Carlson ha condiviso le sue impressioni. "Non ci sono graffiti, sporcizia o cattivi odori. Non ci sono senzatetto o tossicodipendenti o stupratori o persone che aspettano di spingerti sui binari e ucciderti. È perfettamente pulito e ordinato", ha evidenziato l’ex giornalista di Fox News.

Carlson è arrivato a Mosca all'inizio di febbraio per realizzare un'intervista con Putin, sostenendo che la maggior parte delle persone negli Stati Uniti "non ha idea" del motivo per cui la Russia ha lanciato l'operazione militare e dei suoi obiettivi. In più di un'occasione il giornalista nordamericano ha affermato che Mosca è una città "bellissima" che aveva sempre voluto visitare.

Pochi giorni dopo aver lasciato la capitale russa, ha dichiarato: "Ciò che è stato radicale, molto scioccante e molto inquietante per me è stata la città di Mosca, in cui non ero mai stato prima, la più grande città d'Europa: 13 milioni di persone. Ed è molto più bella di qualsiasi città del mio Paese".

Il giornalista ha posto l'accento sull'architettura, il cibo e i servizi della capitale, sottolineando che questi aspetti urbani sono migliori di quelli di qualsiasi paese del mondo o di qualsiasi città statunitense.

Carlson nella sua visita a Mosca ha avuto anche modo di constatare se i due anni di sanzioni occidentale contro la Russia abbiano comportato dei problemi per quanto riguarda il rifornimento di cibo nei negozi alimentari. All’uscita da un ipermercato, ha osservato che una visita a un negozio russo potrebbe "radicalizzare" gli statunitensi e metterli contro le loro autorità.

Con queste parole il giornalista statunitense ha descritto la sua visita nell’ipermercato di Mosca: “Un elemento di lunga data, forse il più longevo, della propaganda della Guerra Fredda in Occidente è stato il negozio di alimentari sovietico. Nessuna merce, nessuna scelta, roba scadente. E non era vera propaganda, era realtà. Se volete, potete cercare i filmati su Internet. Abbiamo quindi pensato che sarebbe stato interessante dare un'occhiata a un moderno negozio di alimentari russo nel 2024, dopo due anni di sanzioni. Andiamo… Vedi? La disposizione dei negozi al dettaglio qui è un po' diversa. È come attraversare i grandi magazzini Macy's per arrivare a Whole Foods. Ok, abbiamo attraversato il reparto profumi e siamo arrivati al negozio di alimentari. Facciamo il pieno di ciò che una famiglia di quattro persone può comprare ogni settimana. Vediamo quale sarebbe la selezione di articoli. E vediamo quanto costa.

La Russia è famosa per il suo pane. Lo stile di vita a basso contenuto di carboidrati non ha preso piede in Russia. Grazie a Dio, perché guardate qui. Anche questo è fresco.

E guardate questo. (Prende un grosso pane.) Wow. Non ci credo.

Unicorn e Mini Mills. Va bene.

Whoo-hoo. È una specie di biscotto di grano russo.

Abbiamo bisogno di caffè, vero?

Onestamente, non so se sia zucchero o farina, ma sembra che sia uno dei prodotti base, quindi dovremmo prenderlo. La confezione è molto carina. Deve essere farina, vero?

E questo è vino russo. Proviene dalla Crimea, che non solo ha una base navale in acque calde, ma è anche la fonte della maggior parte delle uve per la produzione di vino in quella parte della Russia. A quanto pare, è molto buono.

Bastoncini di formaggio? Siamo alla cassa del negozio e qui si vedono gomme da masticare, lamette e dolciumi… Ma sembrano tutti prodotti occidentali: Mars, Twix, Snickers, Milky Way, Bounty, Gillette, lecca-lecca Halls, Mentos. Non vedo sanzioni”.

Il giornalista conclude la sua visita presso un ipermercato con queste considerazioni: “All'inizio ero divertito, poi ho provato un legittimo risentimento. Ci siamo chiesti quanto sarebbe costato tutto questo… E non facevamo caso al costo, mettevamo nel carrello solo quello che avremmo mangiato per una settimana.

Una visita a un ipermercato di generi alimentari russo - "il vero cuore del male" - e l'opportunità di guardare i prezzi e come vivono le persone ti radicalizzeranno contro la nostra leadership. Almeno questo è quello che ho sentito: radicalizzazione. E, a proposito, qui non stiamo inventando nulla”.


-----------

L’AntiDiplomatico, un giornale online regolarmente registrato subisce la censura su Facebook e Google per il volere di un’agenzia statunitense, NewsGuard, e “fact-checker indipendenti” di giornali con una visione del mondo avversa alla nostra. Questo è il modo per restare sempre in contatto con il nostro lavoro di informazione.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti