Le sanzioni occidentali lasciano decine di petroliere ferme in tutto il mondo

Le sanzioni occidentali lasciano decine di petroliere ferme in tutto il mondo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo quanto confermato dai dati di monitoraggio raccolti da Bloomberg e pubblicati ieri, in un rapporto sugli effetti delle imposizioni occidentali, ci sono 53 navi che trasportano petrolio russo attualmente vuote e inattive a causa delle sanzioni di Stati Uniti, Regno Unito e Unione Europea (UE), volte a privare Mosca dei profitti derivanti dalle esportazioni di petrolio greggio.

Dall'ottobre dello scorso anno sono aumentate le restrizioni economiche ed alcune navi sono state colpite per non aver rispettato il tetto massimo sul prezzo del petrolio russo concordato dal Gruppo dei Sette (G7). Appartenendo alla compagnia di navigazione statale russa Sovcomflo, altre imbarcazioni sono state bandite, altre petroliere sono state fermate, invece, con il pretesto dei rischi ambientali.

Queste navi ferme ed inattive sono dislocate in varie località del mondo. La maggior parte di loro non è riuscita a caricare alcun carico. Solo tre sono riuscite a trasportare merci da quando sono state aggiunte alla lista, ricorrendo alla disattivazione dei loro sistemi di localizzazione automatica (transponder) per rimanere nascoste mentre spostavano i loro carichi da una nave all'altra.

L’Ufficio statunitense per il controllo dei beni esteri (OFAC) ha avviato le sue azioni, imponendo sanzioni contro la flotta di petroliere russa è stato, già nel 2023. Lo scorso febbraio ha preso di mira la Sovcomflot e più di una decine di navi affiliate a Mosca.

Poi è stata la volta del Regno Unito, che il 13 giugno ha agito quattro navi della cosiddetta 'flotta ombra' accusate di eludere le sanzioni allontanandosi dalle giurisdizioni occidentali. Meno di due settimane dopo, il 25 giugno, l’UE ne ha punite altre 13. Secondo Bloomberg, 41 delle 53 navi coinvolte sono classificate come petroliere o suoi derivati. Ciò equivale a circa il 7,5% della flotta di navi che hanno caricato greggio russo dall’inizio del 2023. 

Schema non operativo

Sebbene le tariffe di trasporto – che stanno diminuendo in parte a causa delle sanzioni – dimostrino che le restrizioni hanno interrotto la circolazione delle navi, in realtà non stanno aumentando i costi della Russia per i singoli carichi, sostiene il portale.

A metà giugno, Bloomberg ha riferito che le entrate petrolifere russe per il bilancio statale erano aumentate di quasi il 50% a maggio rispetto a un anno fa, con l’aumento dei prezzi del petrolio greggio e l’adattamento della nazione alle sanzioni. 

Per contrastare le misure, Mosca ha dirottato la maggior parte delle sue esportazioni verso l’Asia, in particolare India e Cina, dove il greggio russo può essere venduto al di sopra del prezzo massimo dell’Occidente, poiché Nuova Delhi e Pechino hanno deciso di non aderire alle sanzioni. È stato ripetutamente riferito che questo meccanismo restrittivo occidentale è uno schema inoperante che non può raggiungere i suoi obiettivi. 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti