/ Leader della Sinistra nel Bundestag: Se gli USA ritirano le loro ...

Leader della Sinistra nel Bundestag: Se gli USA ritirano le loro truppe dalla Germania, allora devono portarsi anche le loro armi nucleari

 

Il legislatore tedesco ha reagito in questo modo alle minacce dell'ambasciatore americano, Richard Grenell, che ha insistito affinché la Germania aumenti le proprie spese di difesa.


"È offensivo supporre che il contribuente americano debba continuare a pagare per avere più di 50.000 americani in Germania", aveva dichiarato Richard Grenell, ambasciatore americano a Berlino giorni fa, riferendosi al fatto che Berlino spende l'1,36% del PIL nella difesa, ben al di sotto dell'obiettivo del 2% come richiesto dalla NATO.
 
La denuncia di Grenell è stata seguita da un suggerimento dell'ambasciatore americano in Polonia, Georgette Mosbacher, che ha ricordato che questo paese raggiunge l'obiettivo del 2% e sarebbe felice di ricevere truppe statunitensi attualmente di stanza in Germania. Il leader parlamentare tedesco del Partito di Sinistra, Dietmar Bartsch, ha affermato che Berlino non dovrebbe solo accettare l'offerta sul ritiro delle truppe e soffermarsi sui dettagli con Washington, ma anche approfittarne per sbarazzarsi delle armi nucleari statunitensi.
 
"L'ambasciatore ha ragione: i contribuenti americani non dovrebbero pagare le truppe statunitensi in Germania", ha affermato il membro del Bundestag a RND, in dichiarazioni raccolte dal quotidiano Hannoversche Allgemeine.
"Se gli americani ritirano i loro soldati, devono anche ritirare le loro armi nucleari".
 
"Ovviamente, queste dovrebbero essere riportati a casa e non in Polonia, perché ciò causerebbe una nuova escalation nelle nostre relazioni con la Russia, che non serve agli interessi europei o tedeschi", ha spiegato Bartsch.
 
Anche un altro membro del Bundestag, Thomas Hitschler, del Partito socialdemocratico tedesco, non ha apprezzato le lamentele dell'ambasciatore statunitense e ha sostenuto che la minaccia di ritirare le truppe è "altamente problematica" e rimproverare la Germania come se il suo contributo fosse scarso "è indecente", ha spiegato il parlamentare citato da Welt.
 
Da parte loro, le autorità bavaresi hanno sottolineato la loro amicizia con gli americani a seguito delle minacce di ritiro delle truppe e della prospettiva di trasferirle in Polonia. Venerdì scorso, un portavoce della Cancelleria di stato bavarese ha affermato che "ai soldati americani piace vivere in Baviera e sono buoni amici e partner".
 
Fonte: Welt
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa