L'europarlamentare PD che ha votato NO: "Indicare la Russia come terrorista è un punto di non ritorno"

 L'europarlamentare PD che ha votato NO: "Indicare la Russia come terrorista è un punto di non ritorno"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Sulla vergognosa risoluzione del Parlamento europeo che definisce la Russia stato "sponsor di terrorismo" rimandiamo al bellissimo editoriale di Sergio Cararo, direttore di Contropiano, che abbiamo pubblicato oggi su L'AntiDiplomatico.

Dinanzi alla infame ignavia degli europarlamentari del Movimento Cinque Stelle astenuti (in tutti i sensi), preme rimarcare la coraggiosa presa di posizione dell'eurodeputato del PD Massimiliano Smeriglio che ha votato No con questa motivazione.

"Indicare la Russia come Paese terrorista è un punto di non ritorno, che allontana invece di avvicinare una soluzione politica: così facendo in campo rimane la sola opzione militare". Lo spiega all'Adnkonos lo stesso europarlamentare. 
"E l'opzione militare - continua - colpisce in prima istanza la popolazione civile ucraina, che subisce l'occupazione e i bombardamenti russi" ricorda di aver "convintamente votato tutte le risoluzioni a favore del popolo ucraino e dell'Ucraina occupata, contro la violenza e la morte disseminata dall'esercito russo". 
"Con questa risoluzione però, voluta dall'Ecr (il gruppo dei conservatori europei) si è fatto un salto di qualità dal mio punto di vista drammatico. Invito il Parlamento a riflettere su un ruolo autonomo indipendente capace di fermezza e diplomazia. Il cessate il fuoco - sottolinea infine - deve rimanere l'obiettivo da perseguire".

Per il Parlamento europeo da ieri quindi la Russia è «stato terrorista». Bruxelles, sede della Nato e delle istituzioni europee, è sempre.piu la capitale della guerra. In totale i favorevoli alla risoluzione della vergogna sono stati 494. Gli astenuti sono stati 44, tra cui gli ignavi del Movimento 5 Stelle, e 58 contrari. Tra loro 4 italiani: Francesca Donato, Pietro Bartolo, Andrea Cozzolino e Massimiliano Smeriglio. Gli ultimi tre eletti con il Pd.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti