L'inviato dell'ONU ammette di aver inventato la denuncia dell'uso di Viagra e dello stupro come "strategia militare russa"

L'inviato dell'ONU ammette di aver inventato la denuncia dell'uso di Viagra e dello stupro come "strategia militare russa"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'inviata dell'ONU Pramila Patten sostiene che la Russia fornisce ai suoi soldati del Viagra per stuprare i civili ucraini come “strategia militare”. Accuse sospettosamente simili sono state usate contro la Libia diversi anni fa. La storia si ripete. Oggi come allora alcuni media italiani si sono buttati sulla notizia (come ad esempio Fanpage e TPI) in ossequio al nuovo sport nazionale: il tiro alla Russia. 

La stessa Pramila Patten in una telefonata effettuata dai burloni russi Vladimir Kuznetsov e Alexey Stolyarov, meglio conosciuti con gli pseudonimi di Vovan e Lexus, è stata smascherata e ha dovuto ammettere che non c’è alcuna prova a sostegno delle sue affermazioni. 

La notizia è riportata da questo articolo del portale The Grayzone

La rappresentante speciale delle Nazioni Unite Pramila Patten è stata smascherata per aver inventato l'affermazione secondo cui la Russia forniva Viagra alle sue truppe come parte della sua "strategia militare" nel conflitto in Ucraina. La menzogna, ampiamente diffusa, è stata riciclata dalla propaganda infondata della NATO utilizzata durante la guerra per il regime change in Libia nel 2011.

In una telefonata del 10 novembre con i burloni russi Vladimir Kuznetsov e Alexey Stolyarov, meglio conosciuti con gli pseudonimi di Vovan e Lexus, l'inviata delle Nazioni Unite per la Violenza Sessuale Pramila Patten ha ammesso che non c'erano prove a sostegno delle sue affermazioni ampiamente diffuse in ottobre, secondo le quali il governo russo stava usando lo stupro di massa alimentato dal Viagra come arma di guerra.

Durante la telefonata, Vovan e Lexus hanno chiesto alla Patten se avesse qualche prova delle sue incendiarie affermazioni. Chiaramente agitata, la Patten ha risposto:  "No, no, no. E non è mio compito, come ho detto, bisogna indagare. Sono seduta a New York, in un ufficio a New York, e ho un mandato di advocacy. Il mio ruolo non è quello di indagare".

Ha proseguito: "Le indagini sono in corso da parte del Team di monitoraggio dei diritti umani e della Commissione internazionale d'inchiesta. Nei loro rapporti finora non c'è nulla sul Viagra".

Patten ha detto ai burloni che l'affermazione le è stata riferita "da sopravvissuti e fornitori di servizi" e "in presenza" di alti funzionari ucraini mentre si trovava a Kiev all'inizio di maggio. 

La fake news di insuccesso ha avuto inizio il 14 ottobre, quando Patten ha accusato le forze armate russe di aver incorporato lo stupro e l'abuso di farmaci per la disfunzione erettile nella strategia ufficiale sul campo di battaglia.

“CI sono tutti gli indizi“, ha dichiarato Patten, avvocato di origine mauritana, all'Agence France-Presse (AFP) il 14 ottobre. 

"Quando le donne vengono trattenute per giorni e violentate, quando si iniziano a stuprare bambini e uomini, quando si assiste a una serie di mutilazioni genitali, quando si sentono donne testimoniare di soldati russi dotati di Viagra, si tratta chiaramente di una strategia militare", affermava con sicurezza l'inviata delle Nazioni Unite.

Un rapporto delle Nazioni Unite sul conflitto ucraino del 27 settembre ha accusato le truppe russe di aver compiuto una serie di orribili abusi dei diritti umani, tra cui atti di violenza sessuale, tra i mesi di febbraio e luglio 2022. Sebbene il rapporto copra il periodo in cui Patten si trovava in Ucraina, non menzionava il Viagra.

Tuttavia, poche ore dopo la discussione di Patten con l'AFP, i media, dalla CNN a Yahoo News, hanno rilanciato sue osservazioni e hanno generato una serie di titoli salaci sulla condotta della Russia nella guerra in Ucraina. In un op-ed che celebrava una potenziale orgia "massiccia" e “appagante” in corso di organizzazione a Kiev, il celebre filosofo sloveno Slavoj Zizek citava acriticamente le affermazioni di Patten sul Viagra, che non erano basate su fonti attendibili, scrivendo che "gli atti sessuali veramente incivili sono quelli commessi dai soldati russi e dai loro leader".

"La Russia dà ai soldati il Viagra per stuprare gli ucraini: Funzionario ONU", si legge in uno di questi articoli, pubblicato dal New York Post. Secondo Business Insider, "I soldati russi vengono riforniti di Viagra per stuprare le donne ucraine e 'disumanizzarle', sostiene un funzionario delle Nazioni Unite". Nel frattempo, la CNN afferma: "La Russia usa lo stupro come 'strategia militare' in Ucraina: Inviato ONU".

La stampa tradizionale che ha ripreso senza scetticismo le luride affermazioni della Patten non ha letto il rapporto delle Nazioni Unite, che conteneva lunghe sezioni sul tema della violenza sessuale in guerra. Nonostante la Patten abbia affermato che i soldati russi erano "equipaggiati con il Viagra", l'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (OHCHR) non ha fatto alcun riferimento al farmaco - né ad altri farmaci prescritti per il trattamento della disfunzione erettile - nel suo rapporto di settembre sul conflitto in Ucraina. In realtà, il sito web dell'OHCHR non contiene alcun riferimento al Viagra per tutto l'anno.

Il rapporto si limita ad affermare che "l'OHCHR ha documentato 9 casi di stupro" tra il 1° febbraio e il 31 luglio di quest'anno; non si tratta certo del redux dello stupro di Nanchino insinuato nel titolo della CNN.

Nell'accusare falsamente i comandanti militari russi di aver imbottito le loro truppe di Viagra per compiere stupri di massa, Patten ha rispolverato il manuale del cambio di regime in Libia e ha messo in atto una delle sue più screditate - ma efficaci - operazioni di propaganda. 

Riciclo della propaganda screditata della NATO che ha contribuito a distruggere la Libia

In effetti, tutte e sei le menzioni di "Viagra" che compaiono sul sito web delle Nazioni Unite risalgono al giugno 2011, pochi mesi prima dell'assassinio del presidente libico, mentre la campagna a favore del cambio di regime stava entrando nel vivo.

Titoli come: "Le forze libiche usano lo stupro come arma di guerra, dice l'esperto delle Nazioni Unite", "Emergono prove dell'uso dello stupro come strumento di guerra in Libia - procuratore della Corte Penale Internazionale" e "La Corte Penale Internazionale sta indagando sulle accuse di uso di droghe sessuali per lo stupro". Vi suona familiare?

La menzogna del Viagra è apparsa per la prima volta nel 2011, quando Stati Uniti, Francia e Regno Unito hanno guidato la campagna della NATO per rimuovere il governo di Muammar Gheddafi con la forza militare, armando i proxy jihadisti ed effettuando attacchi aerei sulle città libiche in nome della "protezione dei civili". L'intervento ha trasformato una delle nazioni africane più prospere in una zona di guerra permanente governata da bande dispotiche e fanatici islamisti che hanno presieduto ad aste di schiavi e al massacro delle minoranze religiose.

L'inganno del Viagra è stato introdotto per la prima volta nel marzo 2011 dal network al-Jazeera, di proprietà del Qatar, che ha intervistato i medici di un ospedale in una zona controllata dai ribelli, i quali hanno affermato di "aver trovato compresse di Viagra e preservativi nelle tasche dei combattenti pro-Gheddafi morti". Per quanto lo scenario sembrasse improbabile, la squallida narrazione è stata sufficiente per contribuire a coltivare il sostegno per un'altra guerra di cambio di regime.

Un mese dopo il reportage di al-Jazeera, l'ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite Susan Rice "ha dichiarato a una riunione a porte chiuse di funzionari dell'ONU che l'esercito libico sta usando lo stupro come arma nella guerra contro i ribelli e che ad alcuni è stato somministrato il farmaco anti-impotenza", ha riportato NBC News. Sebbene la Rice non abbia fornito alcuna prova, ha "sollevato la questione del Viagra" per "convincere i dubbiosi [del] conflitto in Libia".

Nello stesso rapporto, funzionari militari e di intelligence statunitensi hanno insistito sul fatto che "non c'è alcuna prova" che il Viagra sia stato usato dalle forze di Gheddafi per favorire lo stupro sistematico. 

Tuttavia, l'assoluta mancanza di prove concrete non ha dissuaso il procuratore della Corte Penale Internazionale Luis Moreno Ocampo dall'affermare che fosse vero e dall'aprire un'indagine sulla questione il 9 giugno 2011.

Tuttavia, il giorno successivo, l'investigatore delle Nazioni Unite Cherif Bassiouni ha definito le accuse di stupro di massa una "isteria di massa", sostenendo che non c'erano prove a sostegno della tesi.

Ciononostante, la rappresentante speciale delle Nazioni Unite per la lotta contro la violenza sessuale nei conflitti, Margot Wallström, ha appoggiato Moreno Ocampo, dichiarando di essere "convinta" delle accuse. "Il problema è che pochissime donne si fanno avanti per denunciare uno stupro, perché questo comporta gravi rischi personali", ha concluso la rappresentante speciale, riconoscendo di fatto la scarsità di prove.

Wallström è stata la prima a ricoprire la carica di Rappresentante speciale delle Nazioni Unite per la Violenza Sessuale nei conflitti. La posizione è stata istituita dalla Risoluzione 1888 del Consiglio di Sicurezza, introdotta dall'allora Segretario di Stato Hillary Clinton - architetto del cambio di regime in Libia.

Appena una settimana dopo l'apertura dell'indagine da parte della Corte Penale Internazionale, la Clinton ha spinto ancora di più le fake news, dichiarando che le vittime di stupro venivano anche costrette a sottoporsi a "test di verginità". 

Poco più di un decennio dopo che l'accusa di Viagra in Libia sembrava essere stata archiviata, l'attuale e terzo rappresentante speciale delle Nazioni Unite per la violenza sessuale nei conflitti l'ha riportata in vita per giustificare l'ultima e più intensa campagna militare sostenuta dalla NATO contro un nemico ufficiale.

Patten nel giugno 2022: "Chi va sul campo di battaglia con il Viagra?"

L'affermazione della Patten è stata introdotta nei media occidentali grazie al suo commento all'Agence France-Presse del 14 ottobre, in cui affermava: "Quando si sentono donne testimoniare di soldati russi dotati di Viagra, è chiaramente una strategia militare". Ma in realtà la donna sta spingendo la narrazione dal giugno 2022.

In un'intervista rilasciata al cosiddetto US Institute for Peace, un'entità del Dipartimento di Stato con sede a Washington DC, alla Patten è stato chiesto di approfondire la "questione" della "verifica". Ricordando di aver appena visitato il territorio controllato dall'Ucraina, Patten ha osservato di aver "incontrato molti soccorritori in prima linea, ONG".

Caratterizzando le loro testimonianze come "aneddotiche", Patten ha osservato: "Hanno tutti detto che le vittime non vogliono denunciare formalmente". Patten ha poi fatto eco al suo predecessore all'ONU su come la sicurezza e la stigmatizzazione possano dissuadere le donne dal denunciare gli stupri. Sebbene ciò sia ampiamente riconosciuto, l'assenza di denunce di abusi dei diritti umani non è di per sé una prova che tali abusi siano diffusi. 

Come Hillary Clinton, che ha falsamente affermato che la Libia stava conducendo "test di verginità" su donne innocenti, Patten ha rapidamente deviato dal tema della verifica ai presunti atti efferati dei soldati russi: "Lo stigma - molti rapporti hanno riferito che alle vittime viene detto, mentre vengono violentate, che non potranno mai avere figli da uomini ucraini. Gli stupri sono stati molto brutali. Si dice che i soldati russi abbiano il Viagra. Voglio dire, chi va sul campo di battaglia con il Viagra?".

Patten ha consultato un funzionario ucraino che ha ammesso di aver inventato gli stupri russi per incoraggiare la "vittoria dell'Ucraina"

Sebbene Patten non abbia identificato le ONG che le hanno fornito la testimonianza, ha fatto riferimento a un incontro con "l'ufficio del difensore civico per i diritti umani, sebbene sia stato rimosso dall'incarico la scorsa settimana". 

Quell'inviato era Lyudmila Denisova, Commissario ucraino per i Diritti Umani che è stata licenziata questa primavera per aver falsificato storie di orribili abusi sessuali da parte di soldati russi, ammettendo di averlo fatto "perché vuole la vittoria dell'Ucraina". Tra le sue affermazioni più famose: un soldato russo che stupra una bambina di sei mesi con un cucchiaino. 

Il ruolo della Denisova nel plasmare la narrazione di Patten è solo una delle tante bandiere rosse che svolazzano sulle sue affermazioni di un'epidemia di stupri alimentata dal Viagra.

Ci sono stati due casi in cui i media hanno menzionato il termine "Viagra" in casi di presunto stupro in Ucraina, ma entrambi sollevano problemi distinti con la narrazione di Patten. Il primo è un servizio della BBC di aprile in cui una donna di 50 anni afferma di essere stata violentata da un ceceno e "salvata" dai soldati russi, il che contraddice l'idea che lo stupro sia incoraggiato dall'esercito russo. Il secondo, di maggio, era più speculativo. In un'intervista a Sky News, una donna ucraina ha affermato di essere stata violentata da un uomo che, in qualche modo, sapeva essere "di 19 anni ma così aggressivo - non so, ha preso il Viagra o forse qualche droga?". 

Perché un uomo di 19 anni possa avere bisogno di farmaci per la disfunzione erettile non è dato saperlo.

Durante il suo discorso di giugno all'US Institute of Peace, Patten ha riconosciuto che "il livello dei rapporti - la credibilità - le fonti dei rapporti variano". Hanno anche indicato che molte segnalazioni sono anonime e arrivano attraverso linee telefoniche dirette gestite da agenzie come l'UNFPA e altre".

Patten non ha detto quali siano le altre agenzie che raccolgono testimonianze. È noto, tuttavia, che l'ex commissario ucraino per i diritti umani Denisova, caduto in disgrazia, aveva personalmente istituito una hotline attiva 24 ore su 24 che produceva un flusso costante di storie che i giornalisti ritenevano impossibili da corroborare.

Inoltre, la Patten non solo ha riconosciuto un rapporto di lavoro con Denisova, la sua collega ‘favolista’, ma ha fatto notare di aver firmato un quadro di cooperazione con il governo dell'Ucraina per consentire un "coordinamento degli sforzi". Nell'ambito di questa collaborazione, la Patten ha ricevuto testimonianze false di una furia russa alimentata dal Viagra alla presenza del vice primo ministro e del vice ministro degli Esteri dell'Ucraina - un fatto che ha ammesso solo su pressione dei burloni Vovan e Lexus. 

Il lavoro di Patten con il governo ucraino è strettamente collegato a una carriera che utilizza i diritti umani come strumento per promuovere gli obiettivi geopolitici dell'Occidente. La sua biografia alle Nazioni Unite riporta che dal 1993 al 2002 ha lavorato presso l'International Women's Rights Action Watch (IWRAW), un'organizzazione ora scomparsa nata dall'Università del Minnesota. La sua organizzazione gemella, IWRAW Asia Pacific, una ONG autoproclamatasi "femminista del Sud globale" e finanziata da George Soros, "agente segreto" dei servizi segreti statunitensi e finanziatore miliardario di hedge fund, ha portato avanti la fiaccola. Oggi l'ONG gode dello "status consultivo speciale" presso le Nazioni Unite. 

Sia l'IWRAW Asia Pacific che l'IWRAW originale hanno lavorato per promuovere la CEDAW, o "Convenzione sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne", un trattato sotto l'ombrello dell'Ufficio dell'Alto Commissario per i Diritti Umani (OHCHR). Non sorprende che, dopo aver lasciato l'IWRAW, Patten abbia trascorso più di un decennio come membro della CEDAW.

Un ulteriore conflitto di interessi emerge se si considerano i finanziamenti dell'OHCHR; tra i primi dieci finanziatori di quest'anno, escluse le Nazioni Unite stesse, tutti sono Paesi che hanno inviato armi in Ucraina, ad eccezione della Svizzera. In altre parole, la maggior parte dei suoi principali finanziatori sono belligeranti nella guerra per procura.

Oggi Patten occupa una posizione all'ONU creata da Hillary Clinton, dove ricicla narrazioni infondate sul cambio di regime di oltre un decennio fa per alimentare l'ultima farsa interventista di Washington.

 
 

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente