L'Iran e la sospensione della polizia morale

L'Iran e la sospensione della polizia morale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'assenza della polizia morale dalle strade di Teheran e in altre grandi città iraniane negli ultimi mesi  aveva già alimentato tra i cittadini, “rumours” sul suo scioglimento.

I chiarimenti a riguardo sono arrivati con le dichiarazioni dello scorso sabato sera, del procuratore generale iraniano, Mohammad Jafar Montazeri, che ha affermato che il”corpo” in questione è stata sospeso.

Il procuratore ha sottolineato che la polizia morale "non ha nulla a che fare con la magistratura del paese, ed è stata abolita da chi l’ha creata “ ma la magistratura "continua a monitorare le azioni comportamentali a livello comunitario".

Le dichiarazioni di Montazeri sono arrivate in risposta a una domanda sul perché la polizia morale, che è stata coinvolta in polemiche dalla morte della 22enne Mahsa Amini a settembre, fosse stata "sciolta”.
Sebbene i funzionari iraniani, tra cui il presidente Ebrahim Raisi, abbiano ripetutamente negato lo scioglimento della polizia morale, le esternazioni di Montazeri suggeriscono che si è scelto  di sospenderla dopo l’ incidente di settembre relativo alle vicende di Mahsa Amini, seguito da ampie e violenti proteste.

La donna secondo un video fatto circolare dai media iraniani si sarebbe sentita male negli uffici della polizia morale dove era stata condotta , circostanza quella del malore , poi confermata dall’autopsia dell’Istituto di medicina legale.

Quello che le autorità iraniane hanno definito come un tragico incidente ha però immediatamente scatenato proteste nella sua città natale, che in seguito si sono diffuse in altre parti del paese, ravvivando il lungo e mai accantonato dibattito sulla polizia morale e sul codice di abbigliamento obbligatorio.

All'inizio di questa settimana, Montazeri ha detto che il parlamento, la magistratura e un alto organo culturale stanno esaminando la questione dell'hijab obbligatorio e gli esiti saranno annunciati tra due settimane.

"Stiamo lavorando rapidamente sulla questione dell'hijab e stiamo facendo del nostro meglio per sviluppare una soluzione saggia per affrontare questo fenomeno che fa male al cuore di tutti", ha affermato lo scorso venerdì.

Difficile non leggere quanto sopra dichiarato come un’apertura alla piazza e plausibilmente anticipatorio di nuove riforme.

Del resto un dibattito interno tra le autorità religiose del paese era già in corso e in seno ad alcune “guide” sciite iraniane era matura la convinzione che sebbene indossare il velo fosse un obbligo morale, doveva comunque rimanere una scelta di autodisciplina per le donne musulmane e fosse deleterio imporlo per legge.

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti