Lo Tzunami afghano, la Nato, Biden e i Governanti di Scrapingias

Lo Tzunami afghano, la Nato, Biden e i Governanti di Scrapingias

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ieri si è svolto un vertice straordinario del G7 convocato dalla Gran Bretagna per discutere della crisi afghana. E' apparso immediatamente chiaro ed evidente che c'è una profonda spaccatura tra Stati Uniti e paesi europei, in particolare Francia, Germania, Canada e Uk.

L'Italia, sia detto per inciso, si è subito allineata alle decisioni di Washington.

Il punto del contendere è la durata dell'operazione di evacuazione in corso all'aeroporto di Kabul con i paesi europei che vorrebbero estenderla oltre il 31 Agosto mentre gli USA appaiono irremovibili nella loro decisione di ritiro totale per quella data.

Del resto, va detto, gli USA hanno concordato con i Talebani la fine dell'operazione mandando addirittura il Direttore della Cia a trattare direttamente con il leader degli studenti coranici che hanno preso il potere. Una cosa, sia chiaro, che chiarisce l'enorme gravità della situazione. Il Direttore della Cia è il reale numero due (o forse uno bis) del governo Usa, l'uomo degli inconfessabili segreti. Mandarlo in territorio nemico esponendolo come ostaggio è il segno di una situazione gravissima. Capitò qualcosa del genere quando gli Usa (o gli inglesi, non s'è mai capito) affondarono il sommergibile Kursk ai russi e Clinton mandò a Mosca l'allora direttore della Cia a promettere mari e monti a Putin per evitare una guerra con la Russia. Altri esempi non li conosco. Detto tutto questo mi lascia ampiamente perplesso la posizione europea (e canadese) di chiedere l'estensione dell'operazione di evacuazione. Del resto viene da paesi non certamente noti per essere dei cuor di leoni. Perchè vogliono a tutti i costi portare via dall'Afghanistan la maggior quantità possibile di persone. Ma persone in quanto tali o...testimoni? Sappiamo per certo (vedi wikileaks di Julian Assange) dei crimini di guerra commessi dall'alleanza in Afghanistan. Sappiamo anche che in questi venti anni l'Afghanistan ha aumentato esponenzialmente la sua produzione di oppio e di eroina. Insomma a Kabul importavano democrazia e in cambio esportavano eroina. E, puta caso, in questi venti anni l'eroina è tornata tragicamente di moda in occidente, da qualche parte la importavano, no? Che dite, sono il solito complottista? Eppure noi occidentali siamo al di sotto di ogni sospetto. Storicamente. Basti pensare alla guerra dell'oppio contro la Cina. Oppure alla famigerata operazione Blue Moon. Oppure ancora allo scandalo Iran-Contras.

Nihil sub sole novum.

Oppure vogliamo pensare alle famigerate prigioni e luoghi di tortura scoperte in Iraq? Chi ci dice che gli occidentali non le avessero anche in Afghanistan? Oppure ancora, da qualche parte andavano addestrati i cosiddetti "ribelli moderati" (sic) che hanno messo a ferro e fuoco la Siria (e prima la Libia) per abbattere Assad e imporre un governo filo occidentale.

A me pare che l'Afghanistan fosse il paese ideale per allestire campi d'addestramento per le nostre truppe cammellate in Siria. Non mi stupirei se fosse così. L'impressione è che i paesi europei abbiano molto, troppo, da nascondere e questa pseudo operazione umanitaria (all'umanitarismo dei governanti occidentali credeteci voi) abbia la necessità di portar via persone che potrebbero diventare scomodissimi testimoni.

Ed è per questo che potrebbe essersi creata la spaccatura tra Usa e alleati grandi e piccini. Vedete, i contorni della caduta dell'Afghanistan non sono per niente chiari né per la modalità in cui è avvenuta, né per i tempi. Qualcosa c'è sotto, ed è qualcosa di gravissimo.

Qualcosa che sta dividendo irrimediabilmente europei ed americani. L'impressione è che gli Usa vogliano disfarsi di alleati doppiogiochisti e falsi come giuda e stiano creando una serie enorme di problemi (politici, militari, economici, monetari e sanitari) per stangarli anche a costo di apparire perdenti e inetti. Stiamo assistendo alla Nuova Caduta del Muro di Berlino con Biden (e prima Trump) nel ruolo di nuovo Gorbaciov.

Non fidatevi dell'apparente debolezza degli Usa. Non è semplicemente vera (soprattutto dal punto di vista militare e di intelligence). Ma vi pare credibile che i servizi di sicurezza Usa non si fossero accorti che i talebani stavano infiltrando Kabul sin da aprile? Suvvia, quelli avevano spie ad ogni incrocio di strada. E attenzione, gli Usa nel frattempo trattavano a Doha con i talebani. Gli Usa, non la Nato. Non c'erano europei in mezzo alle scatole.

Noi non sappiamo che accordi segreti abbiano preso (e non lo sanno manco le capitali europee). Semplicemente Washington ci ha tirato una stangata di proporzioni enormi. E ora, i nostri cari politicanti sembrano i Governanti di Scrapingias (scrapingias, a Cagliari s'intende quel posto dove alla gente prude qualcosa). Le favole belle le lascio ai trombettieri delle televisioni.

Giuseppe Masala

Giuseppe Masala

Giuseppe  Masala, nasce in Sardegna nel 25 Avanti Google, si laurea in economia e  si specializza in "finanza etica". Coltiva due passioni, il linguaggio  Python e la  Letteratura.  Ha pubblicato il romanzo (che nelle sue ambizioni dovrebbe  essere il primo di una trilogia), "Una semplice formalità" vincitore  della terza edizione del premio letterario "Città di Dolianova" e  pubblicato anche in Francia con il titolo "Une simple formalité" e un  racconto "Therachia, breve storia di una parola infame" pubblicato in  una raccolta da Historica Edizioni. Si dichiara cybermarxista ma come  Leonardo Sciascia crede che "Non c’è fuga, da Dio; non è possibile.  L’esodo da Dio è una marcia verso Dio”.

 

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti