Londra annuncia che non ha "alcun obbligo" di pulire i proiettili di uranio impoverito inviati a Kiev

Londra annuncia che non ha "alcun obbligo" di pulire i proiettili di uranio impoverito inviati a Kiev

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Regno Unito ha inviato migliaia di proiettili di carri armati Challenger 2 in Ucraina, compresi quelli contenenti uranio impoverito , ma non ne monitora l'uso  e non ha "alcun obbligo" di aiutare a ripulire i loro resti, secondo le risposte pubblicate dal ministro delle forze armate britanniche, James Heappey, alle domande del deputato Kenny MacAskill sul sito web del Parlamento.

"Abbiamo spedito migliaia di munizioni Challenger 2 all'Ucraina, compresi i proiettili all'uranio impoverito perforanti. Per motivi di sicurezza operativa, non commenteremo i tassi di utilizzo ucraini dei proiettili forniti", ha affermato.

Alla domanda su dove sarebbero stati usati esattamente questi proiettili, il ministro ha scritto: "I carri armati Challenger 2 e le munizioni all'uranio impoverito fornite dal Regno Unito all'Ucraina sono ora sotto il controllo delle forze armate ucraine. Il Ministero della Difesa non controlla i luoghi dai quali le forze armate sparano munizioni all'uranio impoverito in Ucraina".

In risposta a un'altra domanda sul fatto che il Ministero della Difesa abbia l'obbligo di ripulire i proiettili all'uranio impoverito dopo la fine del conflitto, Heappey ha ribadito che il Regno Unito non ha tale obbligo. Allo stesso tempo, il funzionario ha osservato che Londra intende aiutare l'Ucraina a uscire dal conflitto come "un paese sicuro, prospero e libero".

Che pericolo comporta l'uso dell'uranio impoverito?

L'uranio impoverito è un sottoprodotto del processo di arricchimento dell'uranio. È ancora radioattivo, ma a un livello molto inferiore rispetto al materiale di partenza.

Viene utilizzato nei proiettili e nelle bombe perché è un metallo estremamente denso, 1,7 volte più denso del piombo, che ne consente l'utilizzo quando è richiesta una grande massa in un piccolo volume. Pertanto, i proiettili con questa sostanza possono facilmente penetrare in carri armati e veicoli corazzati.

Tuttavia, a causa degli elevati rischi per la salute e per l'ambiente, l'uso dell'uranio impoverito rimane una questione controversa ed è diffidato da varie organizzazioni e Stati.

Sebbene il Regno Unito insista sul fatto che si tratta di un "componente standard" delle munizioni, l'esperienza del suo utilizzo dimostra che ha gravi conseguenze per gli abitanti delle zone bombardate con questo tipo di materiale.

Ad esempio, quando la NATO è intervenuta nel conflitto per l'indipendenza del Kosovo nel 1999, ha lanciato un totale di 2.300 missili contro 990 obiettivi e 14.000 bombe.

In conseguenza di questi bombardamenti, l'area è stata colpita da "tra le 10 e le 15 tonnellate di uranio impoverito", che hanno causato un disastro ambientale e moltiplicato per cinque  i casi di malattie oncologiche. 

 

  

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti