/ L'UNESCO non mantiene le sue promesse per la ricostruzione di Pal...

L'UNESCO non mantiene le sue promesse per la ricostruzione di Palmyra

 

I responsabili di questo sito archeologico in Siria mantengono un contatto permanente con questa organizzazione internazionale, ma non ricevono assistenza materiale.


Fonti del museo all'aperto di Palmira (Siria) assicurano che l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura (Unesco) non rispetta l'impegno di aiutare a ricostruire questa antica città. "La nostra direzione delle Antichità mantiene un contatto diretto" con l'istituzione Nazioni Unite, ma, fino ad ora, "gli aiuti promessi non sono arrivati", ha dichiarato il direttore dei siti storici, Mohamed al Asaad.
 
Asaad ha ricordato che "Palmira non è solo patrimonio Unesco, ma di tutta l'umanità" e ha aggiunto che se la comunità internazionale fornisce assistenza, il museo ricostruirà da solo tutto quello che ha demolito l'ISIS.


Se questo luogo storico in Siria riceve il sostegno, questi lavori dureranno almeno cinque anni; altrimenti, secondo la direzione della antichità di Palmyra non si può prevedere la durata delle opere di restauro.
 
Il sito archeologico e la moderna città di Palmyra sono stati sotto il giogo dell'ISIS tra maggio 2015 e marzo 2016. Successivamente i terroristi lo hanno rioccupato tra il dicembre 2016 e aprile 2017. Khaled al-Asaad, ex soprintendente del museo e padre dell'attuale direttore, fu decapitato dai terroristi dell'ISIS per non aver rivelato dove si trovassero i reperti archeologici che volevano distruggere. Il suo corpo fu anche esposto per alcuni giorni nell'agosto del 2015.
 
Fonte: Ria Novosti
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa