Macron e i caccia Mirage 2000 all'Ucraina

Macron e i caccia Mirage 2000 all'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente Emmanuel Macron, noto per la sua ferma posizione a sostegno del regime di Kiev, ha recentemente annunciato l'intenzione di inviare caccia da combattimento Mirage 2000 all'Ucraina. Tuttavia, secondo l'analista di politica europea e co-editore della rivista Le Monde Moderne, Alexis Poulin, queste dichiarazioni potrebbero essere semplicemente una manovra politica in vista delle elezioni europee, come riferisce Sputnik.

Durante un'apparizione televisiva giovedì, Macron ha dichiarato che l'obiettivo è avere i piloti e gli aerei in Ucraina entro la fine dell'anno. Questo piano prevede anche l'addestramento delle truppe ucraine per operare il caccia Mirage 2000, con un programma di formazione estivo che coinvolgerà 4.500 soldati. Il caccia, un jet monomotore con ala a delta prodotto dalla Dassault Aviation, era stato richiesto dal comandante dell'aeronautica ucraina Mykola Oleshchuk all'inizio di quest'anno.

Fino a febbraio, Macron aveva rifiutato di fornire questi aerei all'Ucraina, firmando invece un accordo bilaterale che garantiva a Volodymyr Zelensky un ulteriore aiuto bellico di 3 miliardi di euro per il 2023. Nonostante il supporto dichiarato da Macron per l'Ucraina, Poulin sottolinea che il presidente francese non sembra propenso a un'escalation del conflitto. Infatti, Macron non ha specificato il numero di aerei che saranno inviati né ha chiarito se la Francia invierà istruttori militari per assistere il regime di Kiev, una proposta che ha generato notevoli polemiche nelle ultime settimane.

Poulin suggerisce che la reticenza di Macron potrebbe essere dovuta alla consapevolezza dei rischi di un'escalation, soprattutto alla luce delle recenti dichiarazioni di Vladimir Putin, che ha minacciato di fornire armi agli alleati della Russia per colpire gli alleati dell'Ucraina.

Macron ha annunciato che presenterà ufficialmente questa nuova politica in occasione della visita di Zelensky in Francia per partecipare alle celebrazioni annuali del D-Day. Quest'anno, la commemorazione ha suscitato polemiche per l'esclusione degli ufficiali della Federazione Russa, nonostante il sacrificio di circa 27 milioni di soldati sovietici nella liberazione dell'Europa dal regime nazista.

Nel frattempo, Poulin evidenzia che molte delle dichiarazioni di Macron e di altri leader occidentali, come Joe Biden, riguardo alla situazione in Ucraina, sono state presentate come una lotta per la democrazia e la libertà. Tuttavia, l'analista ritiene che molte delle parole pronunciate siano state rivolte principalmente al pubblico francese in vista delle elezioni europee di domenica. Secondo Poulin, Macron sta cercando di presentare il voto per il suo partito come un voto per l'Europa.

Concludendo, Poulin osserva che le dichiarazioni di Macron sembrano più una postura politica che un piano concreto. Macron non ha fornito dettagli specifici sui piani, sulla coalizione o sugli aiuti imminenti all'Ucraina, suggerendo che le sue parole siano più orientate a influenzare l'elettorato francese piuttosto che a delineare una strategia chiara di supporto militare all'Ucraina.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti