Marijuana legale in Uruguay: più di 50.000 utenti registrati, meno spaccio e diminuzione degli arresti

Marijuana legale in Uruguay: più di 50.000 utenti registrati, meno spaccio e diminuzione degli arresti

Sette anni dopo l'approvazione del regolamento sulla cannabis, il paese sudamericano sta procedendo con la valutazione di una strategia senza precedenti che ha rotto i paradigmi in tutto il mondo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dopo la totale regolamentazione della marijuana, più di 50.000 uruguaiani possono consumarla senza essere considerati criminali, oltre al fatto che sono stati ridotti sia il mercato illegale che gli arresti per reati legati alla legge sulla droga, ma ci sono ancora problemi nella distribuzione nelle farmacie e incognite dei risultati concreti che la strategia avrà nel lungo periodo.


 
Lo rivela l'ultimo monitoraggio ufficiale e le valutazioni della Legge 19.172 sulla regolamentazione della marijuana e dei suoi derivati, che il Parlamento ha approvato nel 2013. Sette anni dopo, l'Uruguay rimane l'unico paese al mondo che ha completamente legalizzato la catena di produzione, vendita e consumo di cannabis.
 
Un rapporto  preparato dal National Drug Board e dall'Uruguayan Drug Observatory ha spiegato che, fino alla fine dello scorso anno, 50.659 persone erano autorizzate ad accedere alla marijuana attraverso canali legali: 7.871 erano coltivatori domestici, mentre 4.187 facevano parte di club e 38.601 sono stati iscritti come acquirenti di farmacie.
 
 
 
 
 
 
Tutti rappresentano il 21% delle persone che hanno dichiarato l'uso di sostanze secondo l'ultima indagine nazionale sull'uso di droghe condotta nel 2018, ma lo studio ritiene che in realtà vi sia una sottostima perché è normale che i consumatori di marijuana non siano ancora registrati con qualsiasi mezzo legale.
 
Un altro report ha aggiunto che, nel 2018, il mercato regolamentato ha raggiunto una persona su tre che ha consumato cannabis, grazie al quale negli ultimi quattro anni il classico traffico di droga, che consisteva nella pressatura di marijuana portata principalmente da altri paesi in Uruguay, è stata ridotta cinque volte, passando dal 58% all'11%.
 
Secondo i dati ufficiali, tra luglio 2017 e ottobre 2019, sono state effettuate 670.211 transazioni di confezioni di cannabis da cinque grammi, mentre più di tre tonnellate sono state vendute attraverso le farmacie.
Si aggiunge che gli acquirenti nelle farmacie acquistano, in media, tra i 15 ei 17 grammi al mese, ma l'11% delle persone iscritte a questo sistema non l'aveva utilizzato nemmeno una volta fino a ottobre 2019.
 
Problemi di distribuzione
 
"Altri indicatori mostrano un rallentamento delle vendite attraverso le farmacie, a causa di problemi di approvvigionamento", si legge nel rapporto, che spiega che dopo un picco nelle vendite giornaliere nel 2018, che ha raggiunto una media di 5.961,6 grammi, nel 2019 non sono stati superati i 4.400 grammi .
 
 

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti