MSF - A Gaza, i bambini di 5 anni preferiscono morire

MSF - A Gaza, i bambini di 5 anni preferiscono morire

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Christopher Lockyear, segretario generale di Medici Senza Frontiere, durante una nuova sessione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) sulla guerra a Gaza, ha illustrato la situazione dei civili e delle strutture mediche, del personale e dei pazienti a causa dei bombardamenti israeliani.

“Per 138 giorni siamo stati testimoni della sofferenza inimmaginabile del popolo di Gaza", ha lamentato.

Tuttavia, il tema dei bambini è stato molto sorprendente. Lockyear ha spiegato che i medici che lavorano nella Striscia di Gaza usano una frase specifica per descrivere un particolare tipo di vittima di guerra.

È un acronimo associato solo a Gaza, il WCNSF, per i bambini che vivono al freddo e senza famiglia.

L'espressione delinea la terribile situazione affrontata da molti bambini a Gaza, le cui vite cambiano completamente in un secondo. I loro genitori, fratelli e nonni muoiono a causa di un bombardamento e nulla sarà più come prima.

“I bambini che sopravvivranno a questa guerra non soffriranno solo le ferite visibili dei traumi, ma anche quelle invisibili”, ha sottolineato il responsabile di MSF davanti ai 15 membri del Consiglio di Sicurezza.

Lockyear ha ricordato che i minori a Gaza affrontano “ripetuti sfollamenti, paura costante e la testimonianza che i membri della loro famiglia vengono letteralmente smembrati davanti ai loro occhi. Queste lesioni psicologiche hanno portato bambini di appena cinque anni a dirci che preferirebbero morire”, ha osservato.

Il direttore di MSF non ha risparmiato critiche a Israele, accusandolo di aver bombardato in più occasioni i convogli umanitari della sua organizzazione, di averne arrestato i membri e di aver attaccato gli ospedali con la tesi che vengono utilizzati dai combattenti palestinesi come base operativa senza fornire “prove verificate”.

Stati Uniti e il veto sul cessate il fuoco

Lockyear si è scagliato contro gli Stati Uniti, dicendosi costernato per il fatto che hanno ripetutamente usato il loro veto per impedire al Consiglio di chiedere un immediato cessate il fuoco umanitario nella guerra di Israele a Gaza.

Dall’inizio della guerra, il 7 ottobre, Israele ha ucciso più di 29.410 palestinesi, la maggior parte dei quali donne e bambini.

L’ONG Save the Children ha denunciato, martedì scorso, in un comunicato che, dal 7 ottobre, “le forze israeliane hanno ucciso e mutilato bambini a Gaza ad un ritmo e su una scala senza precedenti”, stimando l’uccisione di circa 12.400 bambini e la scomparsa di altre migliaia, ai quali si aggiungono 100 bambini palestinesi assassinati in Cisgiordania.

 

------------------------------

"CAPIRE LA PALESTINA": NUOVA IMPERDIBILE PROMOZIONE IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q

LA STORIA NON E' INIZIATA IL 7 OTTOBRE. TRE LIBRI FONDAMENTALI PER CONOSCERLA A FONDO (AD UN PREZZO SPECIALE)

VAI ALLA PROMO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti