Navigli, 38 persone in 115 metri. La fake news di Repubblica ha una chiara valenza politica

Navigli, 38 persone in 115 metri. La fake news di Repubblica ha una chiara valenza politica

Ancora una volta, la folla è creata dal teleobiettivo. A chi giova? A quella politica che vuole dare la colpa ai cittadini

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Riceviamo e volentieri rilanciamo un ottimo articolo di fact checking di Michele Lavazza pubblicato da Nuova Direzione più completo della riflessione che come AntiDiplomatico abbiamo pubblicato qualche ora fa e che mette definitivamente la parola fine sulla nuova triste pagina di disinformazione da parte di Repubblica. Come si sottolinea correttamente nell'articolo che segue le fake news del giornale della Fiat hanno una valenza politica precisa.



di Michele Lavazza
 

Oggi venerdì 8 maggio 2020 uno dei titoli più grossi su Repubblica.it riguarda la folla che a Milano ingombra i Navigli, apparentemente indifferente al divieto di assembramento. Correda l’articolo un video, da cui Repubblica estrapola questa foto. Il sindaco Sala, «mai così furioso» in due mesi di emergenza, si dice «incazzato».
 

Io leggo l’articolo e mi incazzo anch’io.


La foto ritrae l’Alzaia Naviglio Grande. La camera punta a sud, è il lato di via Corsico. Il gelsomino è all’altezza del civico 10. Poco più vicino a noi sono i quattro archi, con piedritti in pietra a vista, del costoso hotel Borella.


Il ponte ad arco è appunto quello di via Corsico. Fa bella mostra di sé al secondo 55 del video, ma nella foto si vede appena, vicino al bordo superiore.


Si distingue bene invece, sempre in alto, vicino al bordo della foto, ma visibile per intero, l’insegna ocra del benemerito carretto del birrificio PicoBrew. Si trova all’angolo più occidentale dei due che l’Alzaia forma con il vicolo Lavandai.


Google Maps ci permette di misurare con esattezza la distanza tra Borella e PicoBrew: 115 metri. Cliccando questo link, potete verificare voi stessi, e usare StreetView per fare una passeggiata, percorrendo gli stessi 115 metri.


Quante persone ci sono in quei 115 metri? La qualità della foto e del video è scarsa (del resto, l’intento è impressionista!) ma a contare, appunto solo fino a PicoBrew, più o meno si riesce: io trovo 38 teste.

Usando la foto senza le annotazioni, potete provare a fare di meglio.
 

38 persone in 115 metri rispettano la distanza di sicurezza?
 

L’apparente densità della folla nella foto è colpa del teleobiettivo: il video è stato girato con un cannone da, non so, 200 millimetri?


Il teleobiettivo seleziona un angolo visuale minimo, dunque “schiaccia” la prospettiva, comprimendo all’interno della foto distanze che dal vivo, o con un obiettivo meno estremo, vedremmo per quello che sono: distanze molto lunghe.
 

È una questione politica? Certo, perché rappresentare i cittadini come irresponsabili fa il gioco della classe politica quando questa vuole rifiutare le proprie, di responsabilità.
 

Se di qui a qualche settimana – come purtroppo non è improbabile – ci ritroveremo di fronte a una seconda ondata di contagi, Regione Lombardia (per dirne una) vi mostrerà queste foto e vi dirà che è colpa vostra. Saprete che non è vero, perché sull’Alzaia Naviglio Grande ieri la gente le distanze le rispettava.


E saprete anche che, nei luoghi di lavoro, di fotografi con il teleobiettivo non ce ne sono.

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti