/ Netanyahu chiede a Trump di riconoscere l'annessione israeliana d...

Netanyahu chiede a Trump di riconoscere l'annessione israeliana della Cisgiordania

 

Il premier israeliano cerca di ricevere il sostegno ufficiale di Trump per l'annessione di parte della Cisgiordania occupata prima delle elezioni generali di settembre.

Lo ha riferito ieri il quotidiano The Times of Israel, che cita funzionari dell'ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che promise di iniziare ad estendere il controllo del regime di Tel Aviv sulla Cisgiordania occupata per vincere le elezioni del 9 aprile.
 
Likud, il partito di Netanyahu, ha approvato all'unanimità nel dicembre 2017 una risoluzione non vincolante per estendere la sovranità israeliana agli insediamenti illegali in alcuni settori della Cisgiordania, nonostante le critiche, la clamorosa opposizione dei palestinesi e la flagrante violazione del diritto internazionale.
 
Secondo il giornale israeliano, l'ufficio di Netanyahu sta attualmente spingendo per il sostegno ufficiale del presidente degli Stati Uniti Donald Trump per estendere il controllo di Israele sulla Cisgiordania, cercando di ottenere un forte sostegno dagli elettori di destra in vista alle elezioni generali del prossimo 17 settembre.
 
La fonte si è riferita, quindi, alle precedenti dichiarazioni dell'ambasciatore americano.
nei territori occupati, David Friedman, e l'inviato speciale del governo degli Stati Uniti per il Medio Oriente, Jason Greenblatt, i quali hanno sollevato la possibilità che Washington sostenga le rivendicazioni israeliane su alcune parti della Cisgiordania.
 
Da parte sua, il portavoce del consiglio dei coloni della Cisgiordania occupata, Yigal Dilmoni, ha recentemente dichiarato al The Times of Israel che il sostegno di Trump alla misura è solo una questione di tempo.
 
Se gli stati Uniti soddisfano anche questo desiderio di Israele, segnerebbe il terzo sostegno dell'amministrazione americana al regime di Tel Aviv in meno di due anni, dopo che Washington ha riconosciuto unilateralmente la città palestinese di Al-Quds (Gerusalemme) come capitale di Israele nel 2017 e il sovranità sul Golan siriano all'inizio del 2019.
 
Fonte: The Times Of Israel - Foto AP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa