No di Petro agli USA: le armi russe della Colombia non saranno consegnate per l'Ucraina

No di Petro agli USA: le armi russe della Colombia non saranno consegnate per l'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

C’è chi dice no ai piani guerrafondai degli Stati Uniti che cercando di raccattare armi da inviare al regime di Kiev impegnato in una guerra per procura contro la Federazione Russa. 

Il presidente colombiano Gustavo Petro ha rivelato che gli Stati Uniti hanno cercato di negoziare con il suo governo la consegna di armi russe, acquistate negli anni passati da Bogotà, per inviarle in Ucraina.

"La Colombia negli anni passati, non il mio governo, ha acquistato attrezzature militari russe: elicotteri, ecc. per i propri scopi interni. L'attrezzatura militare è qui. Ha problemi di manutenzione perché l'assistenza è ormai impossibile, come non è possibile acquistare pezzi di ricambio, ecc.", ha affermato durante una conferenza stampa nell'ambito del Vertice CELAC.

"In una conversazione con la signora Richardson (capo del Comando Sud degli Stati Uniti) e altre persone degli Stati Uniti, mi hanno chiesto di consegnarle a loro che poi le avrebbero inviate all’Ucraina, e ho detto loro che nella costituzione colombiana la pace è un imperativo”, ha affermato il presidente colombiano.

Petro ha affermato che l'America Latina, invece di scegliere tra i blocchi di potenze mondiali, deve optare per la pace e la costruzione del dialogo.

"Non ci schieriamo con nessuno di loro, siamo per la pace", ha continuato, aggiungendo che nessuna arma russa presente in Colombia sarà utilizzata in Ucraina.

Durante una conferenza organizzata dal think tank Atlantic Council, il capo del Comando meridionale degli Stati Uniti, Laura Richardson, ha assicurato che il suo Paese sta lavorando per convincere le nazioni latinoamericane che possiedono equipaggiamenti militari russi a donarli all'Ucraina e a sostituirli con armi statunitensi.

A questo proposito, il governo russo ha dichiarato che monitorerà da vicino la situazione relativa ai tentativi di Washington di convincere i Paesi dell'America Latina a trasferire armi all'Ucraina, ha dichiarato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Tra le altre cose, ha sottolineato che le relazioni con gli Stati Uniti non possono migliorare nel prossimo futuro e che l'Occidente deve "pentirsi del cinismo".

"Ma ciò che è molto importante qui sono, diciamo, le restrizioni legali e giuridiche su qualsiasi fornitura a Paesi terzi, perché qualsiasi fornitura è soggetta a determinati obblighi da parte dei Paesi che ricevono prodotti militari. Quindi, ovviamente, seguiremo la questione molto da vicino", ha risposto Peskov quando gli è stato chiesto se fossero sicuri che i partner latinoamericani "non si sarebbero messi d'accordo con gli Stati Uniti".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti