Non ballerò di gioia per la vittoria di Biden

Non ballerò di gioia per la vittoria di Biden

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Bassam Saleh

Un amico mi ha chiesto: saresti davvero felice se Biden vincesse? Ho risposto no, ma sarei felice se Trump non vincesse. E ho aggiunto, gli Stati Uniti rimangono una democrazia occidentale, con il peggior sistema elettorale, il peggior sistema giudiziario e il sistema sanitario peggiore di qualsiasi altra democrazia al mondo. Gli Stati Uniti d'America rimangono a capo dei più grandi sostenitori delle guerre nel mondo, dentro e fuori i suoi confini, esperti in tutte le guerre, guerre commerciali, blocchi e guerre contro i poveri e le minoranze. Rimane l'unico paese democratico a firmare e applicare la pena di morte, anche se ciò viola l'ottavo emendamento alla Costituzione. Ed è il paese che produce la maggior disuguaglianza, discriminazione razziale e armi. In ogni caso, gli Stati Uniti rimangono il paese che pianifica, promuove e attua più destabilizzazione e colpi di stato di qualsiasi altro paese. Gli Stati Uniti rimangono il paese da privatizza più di qualsiasi altro paesee a scapito del settore pubblico. In ogni caso, rimangono il paese che consuma più risorse energetiche di qualsiasi altro. Inquina il nostro pianeta più di qualsiasi altro paese. Gli Stati Uniti rimangono il sostenitore e l'incubatore di coloro che hanno occupato la mia terra e sfollato il nostro popolo e continuano a praticare una politica di oppressione, discriminazione, uccisione e arresti contro il popolo palestinese.



In ogni caso, gli Stati Uniti rimangono quelli che hanno creato direttamente il terrorismo in tutte le sue forme e dottrine, ed è colui che ha distrutto i paesi arabi, Iraq e Siria, e ha corrotto molti paesi arabi, saccheggiati e derubati i loro beni, per stabilire la loro base militare sulla nostra terra e nel cuore della nostra patria araba. Gli Stati Uniti restano dietro ai falliti colpi di stato in America Latina e al blocco di Cuba, Venezuela e altri. Infine, gli Stati Uniti sono nati sulle spoglie degli indigeni, che sono stati sottoposti alla più brutale pulizia etnica della storia per mano di vagabondi in fuga dall'Europa. In conclusione, non vedo alcuna differenza tra Democratici e Repubblicani nella loro visione di coloro che hanno occupato la nostra terra la Palestina, poiché entrambi considerano la protezione e la difesa dell'entità occupata una strategia ferma nella politica americana, anche se questo porta alla fine e alla liquidazione della causa palestinese e del suo popolo. Si può dire infatti che tra loro c'è una leggera differenza: uno vuole liquidarci con un colpo, mentre l'altro vuole che beviamo lentamente il veleno mortale.

Non ballerò di gioia per la vittoria di Biden, ma non nasconderò un sorriso mentre il mondo perde questo sgradevole biondo.

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti