"Non c'è logica economica ma è un danno per l'economia". Il ministro delle finanze israeliano chiede la fine del Green Pass

"Non c'è logica economica ma è un danno per l'economia". Il ministro delle finanze israeliano chiede la fine del Green Pass

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'AntiDiplomatico sta subendo una vergognosa censura su Facebook per l'opera di "fact-checking" di testate concorrenti. Aiutaci a combatterli cliccando qui 

 

Israele dovrebbe eliminare a breve il suo sistema Green Pass. Lo ha dichiarato martedì il ministro delle Finanze Avigdor Liberman secondo quanto riporta The Jerusalem Post. "Non c'è alcuna logica medica ed epidemiologica nel Green Pass, come molti esperti concordano", ha scritto su Twitter. “Ma c'è un danno diretto all'economia, al funzionamento quotidiano [del Paese] e inoltre un contributo significativo al panico tra la popolazione. Sto lavorando con tutte le parti per eliminare il Green Pass e preservare una routine normale per tutti noi", ha sottolineato Liberman.

Successivamente il primo ministro Naftali Bennett e il ministro della Salute Nitzan Horowitz hanno annunciato che oltre 25 milioni di test antigenici sarebbero stati distribuiti gratuitamente agli israeliani a casa nei prossimi giorni. 

Il Direttore Generale del Ministero della Salute, il Prof. Nachman Ash (ribattezzato il Fauci israeliano) ha affermato che la vaccinazione - in Israele sono già alla quarta dose Pfizer! - offre ancora un certo grado di protezione e quindi il sistema del pass verde dovrebbe essere mantenuto in vigore.

Tuttavia, ha recentemente riconosciuto che a un certo punto potrebbe essere necessario riesaminare la questione. Se il Green Pass dovesse essere abolito, come chiede Liberman, si aprirebbe un vaso di Pandora generale dato che Israele è da inizio pandemia il topo da laboratorio di tutta la vicenda politica. 

 

L'AntiDiplomatico sta subendo una vergognosa censura su Facebook per l'opera di "fact-checking" di testate concorrenti. Aiutaci a combatterli cliccando qui 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti