Parlamentare LINKE: Mi fido più di Sputnik V che del governo tedesco

Parlamentare LINKE: Mi fido più di Sputnik V che del governo tedesco

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Due parlamentari tedeschi in carica sono volati a Mosca per partecipare alla parata del Giorno della Vittoria e uno di loro ha colto l'occasione per ottenere il vaccino Sputnik V, lamentandosi del fatto che i giochi politici abbiano ritardato l'approvazione del jab da parte dell'UE.

Un membro del Bundestag della Die Linke (La sinistra), Diether Dehm, e il portavoce della fazione parlamentare del partito, Michael Schlick sono giunti a Mosca per l'evento, che si tiene ogni anno il 9 maggio. Non è la prima volta che i due esponenti della sinistra tedesca hanno preso parte alla commemorazione della sconfitta del regime nazista.

Fondato nel 2007 da una fusione tra il Partito del socialismo democratico (PDS) e il lavoro e la giustizia sociale - L'alternativa elettorale (WASG), Die Linke è un discendente diretto del partito di governo marxista-leninista dell'ex Germania orientale, DDR, allineata all'URSS. 

“Da diversi anni cerco di venire alla parata. La prima volta che sono stato qui è stato nel 2017, poi nel 2019, quest'anno sono tornato. Questo è un grande evento per me, è importante per me essere qui il 9 maggio per ringraziare per quello che ha fatto l'Armata Rossa, e sono felice di avere l'opportunità di partecipare alla parata ", ha detto Schlick a RT Deutsch.

Vengono a rendere omaggio ai soldati sovietici, senza i cui sacrifici, "la libertà di parola, la libertà d'arte probabilmente non esisterebbero oggi", ha ricordato Dehm nell'intervista.

Dehm ha colto l'occasione per ottenere il vaccino contro il coronavirus russo Sputnik V mentre si trovava a Mosca. Il politico ha scelto di prendere il jab di fabbricazione russa perché crede che sia una delle migliori opzioni disponibili sul mercato, poiché si basa su una tecnologia ben collaudata.

“La mia fiducia nel governo federale [tedesco] è bassa. La mia fiducia nello Sputnik è più grande ", ha spiegato il parlamentare.

L'unico motivo per cui lo Sputnik V non ha ricevuto l'approvazione a livello dell'UE è la politica, ha sostenuto Dehm, poiché i politici del blocco - i rappresentanti tedeschi in particolare - hanno perso molto tempo a calunniare il vaccino di fabbricazione russa invece di affrettarsi a comprarlo quando è diventato a disposizione.

"Quando lo Sputnik V è stato approvato per l'uso in Russia, i nostri giornali, tutti insieme ed a caratteri cubitali, hanno scritto "il veleno di Putin". Il vaccino non è veleno, il veleno è il nostro governo federale, il nostro ministero della Salute. Ha vite umane sulla coscienza, perché non ha chiesto il vaccino russo."

Il politico ha aggiunto che "se vuoi salvare vite umane", avresti potuto prendere una decisione indipendente.

"La Serbia lo ha fatto, l'Ungheria e molti altri stati lo hanno fatto", ha aggiunto Dehm.

Ad aprile, il premier della regione tedesca della Sassonia, Michael Kretschmer, ha dichiarato che il paese stava cercando di acquisire 30 milioni di dosi di Sputnik V, che vanta un'efficacia di oltre il 91% e per il quale non sono stati ancora segnalati effetti collaterali significativi.

Tuttavia, nella sua dichiarazione ha sottolineato che il vaccino russo doveva prima ricevere il via libera dal regolatore dell'UE, l'Agenzia europea per i medicinali (EMA). Gli sviluppatori di Sputnik V continuano a lavorare con l'EMA per garantirne l'approvazione e rimangono “completamente trasparenti” nonostante la pressione esercitata sul regolatore dai concorrenti, ha affermato il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF).

I colloqui con la Germania sono in corso e il vaccino potrebbe essere fornito al Paese a giugno, ha sottolineato l'Rdif in un comunicato su Telegram. La scorsa settimana, un rapporto del tabloid Bild ha affermato che i negoziati tra Russia e Germania erano "morti".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti