Patrick Lawrence - Da Bush a Biden: i leader USA e la "psicosi collettiva"

Patrick Lawrence - Da Bush a Biden: i leader USA e la "psicosi collettiva"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Patrick Lawrence* - Scheerpost

Ricordate quella sorprendente osservazione fatta da Karl Rove mentre prestava servizio come consigliere di George W. Bush? Era l'ottobre del 2004, la cosiddetta guerra al terrorismo era in pieno svolgimento e Rove stava parlando con il giornalista Ron Suskind. Suskind stava scrivendo un pezzo per il New York Times Sunday Magazine sull'abitudine di Bush e della sua gente di ignorare i fatti scomodi. Descrisse un conflitto tra “pragmatisti e veri credenti, ragione e religione”.

Rove, che Suskind identificò solo come “l’aiutante”, difficilmente avrebbe potuto essere più conciso nell’esprimere la grandiosità dell’amministrazione Bush e il suo disprezzo per “quella che chiamiamo comunità basata sulla realtà” – che, come disse Rove a Suskind, si riferiva a “persone che 'credi che le soluzioni emergano dal tuo studio giudizioso della realtà distinguibile.'” Lui, Rove, ha continuato spiegando le cose in questo modo: 

“Siamo un impero adesso e quando agiamo, creiamo la nostra realtà. E mentre studierai quella realtà, con giudizio, come farai, noi agiremo di nuovo, creando altre nuove realtà, che potrai studiare anche tu, ed è così che le cose si risolveranno. Siamo attori della storia. . . e voi, tutti voi, sarete lasciati solo a studiare quello che facciamo.”

Queste osservazioni sono apparse in vari testi di storia e si guadagnano il loro posto in ognuno di essi. Chi, all'epoca, non rimase sbalordito dalle straordinariamente bizzarre vanterie di Rove? Li ho trovati inquietanti, un chiaro indizio che gli attacchi dell’11 settembre 2001 avevano indotto un caso di psicosi reale, vivo e propriamente definito tra coloro che allora governavano l’America. I democratici hanno corso per chilometri con i commenti che Suskind, con grande abilità, ha tirato fuori da Rove. 

Stranamente, uno di quelli scelti da Suskind come voce della ragione in quel momento era Joe Biden, allora senatore del Delaware. In realtà, è stato Bush a scegliere Biden come voce della ragione: “Ero nello Studio Ovale”, disse Suskind, “e stavo raccontando al presidente le mie molte preoccupazioni”, legate all’invasione dell’Iraq. l'anno precedente. Non possiamo, stando così le cose, essere del tutto certi che Biden abbia risposto all'allontanamento di Bush dalla realtà con una voce del genere o che fosse, in effetti, anche nello Studio Ovale quando ha detto di esserlo. Dopotutto, la voce di Biden è stata tra le più forti a Capitol Hill a sostegno dell'invasione del marzo 2003.

Ma adesso è nello Studio Ovale, e troviamo tra Biden e il suo popolo, e nell’élite del Partito Democratico in generale – per non parlare dei media liberali – lo stesso caso di psicosi che così allarmava le persone 19 anni fa, se definiamo questo termine come rapporto interrotto con la realtà.

Stiamo parlando di negazione, negazione psicotica, e negazioni di questo tipo spesso, forse quasi sempre, comportano costi elevati. La negazione della realtà da parte dell'amministrazione Bush ha portato a... cosa? … più di un milione di morti, milioni di sfollati in più e più di 6mila miliardi di dollari (secondo i calcoli del Cost of War Project) spesi inutilmente. Queste sono tra le realtà create da coloro per i quali Rove ha parlato.  

Anche l’amministrazione Biden ha una guerra inutilmente distruttiva di cui rispondere, anche se è esagerato presumere che un presidente americano negli ultimi tempi abbia risposto ai disastri causati dalle sue negazioni della realtà. Ma ora assistiamo a un caso di negazione che Biden e l’élite democratica pagheranno caro. Mi riferisco alla loro corsa a capofitto verso il fallimento nelle elezioni del 2024. C’è solo un modo per descrivere l’irrazionalità della determinazione dei democratici – determinazione fino ad oggi, devo aggiungere – nel sostenere l’idea di un secondo mandato per Biden. Vi leggo la stessa presunzione così ben espressa da Rove: pensano di poter creare la realtà e questa realtà avrà la meglio, se vuoi, sulla “realtà distinguibile”, per prendere in prestito la frase di Rove.       

I numeri dei sondaggi di Biden a questo punto sono disastrosi, anche tra i democratici registrati. Il suo tasso di approvazione si aggira intorno al 40% in tutti i sondaggi; in alcuni sondaggi la percentuale di coloro che “disapprovano” il presidente supera il 60%. Tre quarti degli elettori registrati pensano che sia troppo vecchio per candidarsi per un secondo mandato. Un sondaggio della CNN pubblicato due settimane fa ha rilevato che il 46% degli elettori registrati preferirebbe qualsiasi candidato repubblicano a Biden. 

Il lavoro organizzato non si fida del “sindacato Joe”, come indicano i rapporti di questa settimana dai picchetti della United Auto Workers. I livelli di povertà, compresa quella infantile, stanno aumentando rapidamente, così come il debito delle carte di credito. L’inflazione, sebbene scesa dal suo picco, ha divorato i guadagni salariali ottenuti dalla classe operaia americana da quando Biden è entrato in carica, e il tasso ufficiale di inflazione è in ogni caso uno scalpello, poiché non include i costi energetici e alimentari. L’amministrazione non sta facendo assolutamente nulla mentre le società di private equity acquistano case – quartieri, anzi – a un ritmo che sta distruggendo le comunità e provocando una crisi immobiliare che inizia a somigliare a quella dei primi anni ’30. 

La settimana scorsa la Camera ha avviato un'indagine di impeachment su una “cultura della corruzione” – l'espressione del portavoce Kevin McCarthy – che per la maggioranza degli americani è evidente. Il Dipartimento di Giustizia – ampiamente ritenuto che stia perseguitando Trump per vantaggio politico – sta ora valutando la possibilità di imporre un ordine di silenzio al probabile avversario di Biden l’anno prossimo. La vicepresidente Kamala Harris, i cui sondaggi sono peggiori di quelli di Biden, ci ha ricordato in un'intervista con l'Associated Press due settimane fa che, come tutti i vicepresidenti sono tenuti a considerare, lei “potrebbe dover prendere il posto” di Biden. 

Ciò che sentiamo dall’amministrazione e dai media sono smentite esplicite su tutte queste questioni. I numeri dei sondaggi non riflettono la realtà. A nessuno importa molto della corruzione di Biden o delle procedure di impeachment. MAGA, ha affermato la settimana scorsa un funzionario della Casa Bianca, “è ampiamente impopolare”. Kamala Harris rimarrà a portata di mano per altri quattro anni, ed è così che dovrebbe essere. Nel caso dell’economia, i funzionari e gli esperti liberali fanno quello che fanno sempre per far sembrare le cose buone: ricorrono alle statistiche e si chiedono perché gli americani non sono felici.

Questo a matita è ciò che intendo per psicosi collettiva dei Democratici. Stanno, in effetti, tentando di creare la propria realtà dando per scontato di poterla vendere a un numero sufficiente di elettori per mantenere Biden alla Casa Bianca. 

Alcuni lettori suggeriscono nei thread di commento a questi commenti che questo non è, dopo tutto, tanto un caso di negazione quanto un astuto calcolo politico. Sembra solo che l’establishment democratico abbia investito eccessivamente nel gorgogliante Biden nel 2020 e ora stia gettando soldi dopo soldi. In questo argomento, Biden avrà presto “il suo momento LBJ” – un riferimento a quella fredda sera di marzo 1968 (come la ricordo bene) quando Lyndon Johnson scioccò il paese annunciando che non avrebbe cercato la presidenza quell’autunno. Biden si fa da parte e Kamala Harris rompe tutti i tipi di soffitti di vetro quando viene eletta n. 47: questa è la trama.

Non lo vedo. Kamala Harris è una liberale troppo deplorevole. Minacciare gli americani con una presidenza Harris e i repubblicani potrebbero gestire la massaggiatrice di Donald Trump e vincere. I democratici semplicemente non possono essere così lontani dalla realtà. Ma è meglio fare attenzione: potrei sbagliarmi e lo sono in errore. 

La cosa che trovo particolarmente strana nel lungo periodo che precede il 5 novembre 2024 è che il risultato è quasi inimmaginabile, indipendentemente dal modo in cui ruoti la sfera specchiata. Non vedo come i democratici possano vincere a meno che Biden non si faccia da parte e porti Harris con sé, e questo sembra politicamente impossibile. Pronto o no, ecco la mia opinione: il negazionismo democratico è sulla buona strada per rendere Trump il candidato più forte in campo. Ma allora dobbiamo chiederci fino a che punto si spingeranno gli autoritari liberali per impedire un simile risultato. La mia ipotesi è molto lunga. 

I democratici non sono i primi a perdere di vista la realtà, o a presumere di poterne creare una propria. Nemmeno quelli di Bush II lo erano. Karl Rove lo descrisse semplicemente in termini sinceramente onesti. Quella che chiamo psicosi collettiva ha una lunga storia tra i leader americani e nella politica americana. Questa sindrome ha già distrutto la politica estera americana, per non parlare dei tanti che l’hanno subita. Nel nostro tempo le vittime saranno più vicine a casa.

*Corrispondente all'estero per molti anni, principalmente per l'International Herald Tribune, è critico dei media, saggista, autore e conferenziere. Il suo libro più recente è Time No Longer: Americans After the American Century. Il suo account Twitter, @thefloutist, è stato permanentemente censurato senza spiegazione.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti