/ Paulo Coelho: "Bolivia nel mirino dei fucili di un'élite senza sc...

Paulo Coelho: "Bolivia nel mirino dei fucili di un'élite senza scrupoli e senza vergogna" nel "silenzio dei principali media internazionali"

 

Il noto scrittore ha anche denunciato il "silenzio dei principali media internazionali" di fronte alla situazione nelle strade del paese andino


Dopo la crisi politica che sta affrontando la Bolivia nei giorni scorsi e i gravi scontri tra forze armate e manifestanti, lo scrittore brasiliano Paulo Coelho ha denunciato quanto avviene nel paese andino, ieri, su Twitter.

 

 
Il romanziere riferendosi alla Bolivia l'ha definita un grande paese con un'incredibile cultura, che "è ora nel mirino dei fucili di un'élite senza scrupoli e senza vergogna".
 
Inoltre, l'autore ha denunciato il  "silenzio dei principali media internazionali"  di fronte alla situazione nelle strade boliviane dopo la partenza forzata dell'ex presidente Evo Morales.

 
La sua pubblicazione è stata accompagnata da un video che mostra come la polizia ha aperto il fuoco sui civili per impedire a una marcia pacifica per raggiungere Cochabamba. "Smettete di sparare per favore!", supplicano le donne piangendo davanti ai militari.
 
Le parole dello scrittore sono state gradite da Evo Morales, che lo ha ringraziato per la  sua solidarietà e il suo sostegno "per la lotta pacifica del nostro popolo per recuperare la pace sociale con la democrazia e fermare i  crimini contro l'umanità  perpetrati dal colpo di stato in Bolivia".
 

 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa