/ Pentagono: le sanzioni contro l'Iran non hanno minato le sue oper...

Pentagono: le sanzioni contro l'Iran non hanno minato le sue operazioni in Siria

 

Le sanzioni che gli Stati Uniti hanno imposto all'Iran nella speranza di limitare le sue operazioni di consulenza militare in Siria non sono stati efficaci, secondo il Pentagono.


"Le sanzioni reintrodotte dagli Stati Uniti contro l'Iran ad agosto e novembre 2018 hanno avuto effetti limitati sulla capacità di questo paese di svolgere operazioni in Siria", si legge in un rapporto dell'ufficio dell'ispettore generale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (il Pentagono) pubblicato ieri.
 
Il Pentagono ha pubblicato questo rapporto dopo che il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, riconoscono che la loro iniziativa di mantenere parte di circa 2.000 truppe americane sul suolo siriano al fine di "espellere fino all'ultimo stivale" iraniano dal paese arabo era un'ambizione illusoria.
 
Nel frattempo, il ministro degli Esteri siriano Walid al-Moallem ha invitato la Repubblica islamica dell'Iran a mantenere i suoi esperti militari sul territorio siriano fino alla sconfitta totale dei gruppi terroristici, sostenuta da alcuni Stati esteri e ha sottolineato il ruolo di Teheran nella lotta contro il terrorismo.
 
Le autorità del paese persiano, nel frattempo, hanno ribadito che Teheran continuerà a fornire assistenza militare alla Siria finché richiesto dal governo del paese arabo.
"La presenza di consulenti iraniani in Siria dipende dal governo siriano. L'Iran manterrà la sua presenza in Siria finché Damasco chiederà consulenza alla Repubblica islamica", ha ribadito il 31 gennaio scorso il portavoce delle Forze Armate dell'Iran, Abolfazl generale Shekarchi.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa