Pepe Escobar - Il Rapporto Hersh inchioda lo stato sponsor del terrorismo per eccellenza

Pepe Escobar - Il Rapporto Hersh inchioda lo stato sponsor del terrorismo per eccellenza

Quando si tratta del Sud Globale, ciò che il rapporto Hersh imprime è la Superpotenza canaglia, a lettere giganti rosso sangue, come Stato sponsor del terrorismo...

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – The Cradle

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

Chiunque abbia un cervello sapeva già che era stato l'Impero. Ora il rapporto bomba di Seymour Hersh non solo descrive nei dettagli come sono stati attaccati Nord Stream 1 e 2, ma fa anche i nomi: dal trio tossico neoliberista straussiano Sullivan, Blinken e Nuland fino al Lettore-di-Teleprompter-in-capo.

La perla più incandescente della narrativa di Hersh è quella di indicare la responsabilità finale direttamente alla Casa Bianca. La CIA, da parte sua, la fa franca. L'intero rapporto può essere letto come l'inquadramento di un capro espiatorio. Un capro espiatorio molto fragile e scadente – con quei documenti classificati nel garage, gli infiniti sguardi nel vuoto, la cornucopia di borbottii incomprensibili e, naturalmente, l'intera, raccapricciante giostra della corruzione familiare, durata anni, in Ucraina e dintorni, ancora da svelare completamente.

Il reportage di Hersh è saltato fuori subito dopo i terremoti mortali in Turchia/Siria. Si tratta di un terremoto di giornalismo investigativo in sé, che passa sopra le linee di faglia e rivela innumerevoli fessure a cielo aperto, pepite di verità che ansimano in mezzo alle macerie.

Ma è tutto qui? La narrazione regge dall'inizio alla fine? Sì e no. Prima di tutto, perché proprio ora? Si tratta di una fuga di notizie – essenzialmente da un insider dello Stato profondo, la fonte chiave di Hersh. Questo remix di "Gola Profonda" del XXI secolo può essere inorridito dalla tossicità del sistema, ma allo stesso tempo sa che qualsiasi cosa dica non avrà conseguenze.

La vile Berlino – che ha sempre ignorato i dettagli del sistema – non emetterà nemmeno un cigolio. Dopo tutto, la banda dei Verdi è in estasi, perché l'attacco terroristico ha fatto avanzare la loro agenda medievale di deindustrializzazione. Parallelamente, come bonus extra, tutti gli altri vassalli europei ricevono un'ulteriore conferma che questo è il destino che li attende se non seguono la Voce del Suo Padrone.

La narrazione di Hersh inquadra i norvegesi come il complice essenziale del terrore. Non c'è da sorprendersi: Jens "La pace è la guerra" Stoltenberg della NATO è stato una risorsa della CIA per circa mezzo secolo. E Oslo, ovviamente, aveva i suoi motivi per partecipare all'accordo: incassare un sacco di soldi extra vendendo qualsiasi energia di riserva a clienti europei disperati.

Un piccolo problema narrativo è che la Norvegia, a differenza della Marina statunitense, non ha ancora alcun P-8 Poseidon operativo. Ciò che era chiaro all'epoca è che un P-8 americano faceva la spola – con rifornimento in volo – dagli Stati Uniti all'isola di Bornholm.

Un titolone clamoroso è che Hersh – o meglio, la sua fonte chiave – ha fatto sparire completamente l'MI6 dalla narrativa. L'SVR, l'intelligence russa, si era concentrata come un laser sull'MI6 all'epoca, oltre che sui polacchi. Ciò che continua a consolidare la narrativa è che la combo dietro "Biden" ha fornito la pianificazione, le informazioni e coordinato la logistica, mentre l'atto finale – in questo caso una boa sonar che ha fatto esplodere l'esplosivo C4 – potrebbe essere stato perpetrato dai vassalli norvegesi.

Il problema è che la boa potrebbe essere stata sganciata da un P-8 americano. E non c'è alcuna spiegazione del perché una delle sezioni del Nord Stream 2 sia uscita intatta.

Il modus operandi di Hersh è leggendario. Dal punto di vista di un corrispondente estero sul campo dalla metà degli anni '90, dagli Stati Uniti e dalla NATOstan a tutti gli angoli dell'Eurasia, è facile per uno come me capire come utilizza le fonti anonime e come accede – e protegge – la sua vasta lista di contatti: la fiducia funziona in entrambi i sensi. Il suo curriculum è assolutamente ineguagliabile.

Ma naturalmente rimane la possibilità: e se si stessero prendendo gioco di lui? Non è altro che una frequentazione limitata? Dopotutto, la narrativa oscilla a rotta di collo tra dettagli minuziosi e parecchi vicoli ciechi, con un'enorme traccia cartacea e troppe persone nel giro – il che implica un rischio esagerato. La CIA che esita troppo ad affondare il colpo è un allarme rosso certificato in tutta la narrativa – soprattutto quando sappiamo che gli attori subacquei ideali per un'operazione del genere sarebbero stati la Divisione Attività Speciali della CIA e non la Marina degli Stati Uniti.

 

Cosa farà la Russia?

Probabilmente l'intero pianeta sta pensando a quale sarà la risposta russa.

Osservando la scacchiera, il Cremlino e il Consiglio di Sicurezza vedono la Merkel che confessa che Minsk 2 era solo uno stratagemma; l'attacco imperiale ai Nord Streams (hanno capito il quadro, ma potrebbero non avere tutti i dettagli da insider forniti dalla fonte di Hersh); l'ex premier israeliano Bennett che racconta come gli anglo-americani hanno ucciso il processo di pace in Ucraina che era in corso a Istanbul lo scorso anno.

Non c'è quindi da stupirsi che il Ministero degli Affari Esteri abbia chiarito che, per quanto riguarda i negoziati nucleari con gli americani, qualsiasi gesto di buona volontà proposto è "ingiustificato, inopportuno e fuori luogo".

Il Ministero, di proposito e in modo un po' inquietante, è stato molto vago su una questione chiave: gli "oggetti delle forze nucleari strategiche" che sono stati attaccati da Kiev – con l'aiuto degli americani. Questi attacchi potrebbero aver coinvolto aspetti "tecnico-militari e di intelligence".

Quando si tratta del Sud Globale, ciò che il rapporto Hersh imprime è la Superpotenza canaglia, a lettere giganti rosso sangue, come Stato sponsor del terrorismo: la sepoltura rituale – sul fondo del Mar Baltico – del diritto internazionale e persino del surrogato squallido dell'Impero, l'"ordine internazionale basato sulle regole".

Ci vorrà un po' di tempo per individuare quale fazione dello Stato profondo possa aver usato Hersh per promuovere la propria agenda. È ovvio che Hersh ne è consapevole – ma questo non sarebbe mai bastato a distoglierlo dalla ricerca di una notizia bomba (tre mesi di duro lavoro). I media mainstream statunitensi faranno di tutto per sopprimere, censurare, sminuire e ignorare il suo rapporto; ma ciò che conta è che nel Sud Globale si sta già diffondendo a macchia d'olio.

Nel frattempo, il Ministro degli Esteri Lavrov si è completamente slegato, proprio come Medvedev, denunciando come gli Stati Uniti abbiano "scatenato una guerra ibrida totale" contro la Russia, con entrambe le potenze nucleari ora in un percorso di confronto diretto. Poiché Washington ha dichiarato come suo obiettivo la "sconfitta strategica" della Russia e ha trasformato le relazioni bilaterali in una palla di fuoco, non ci può più essere "business as usual".

La "risposta" russa – anche prima del rapporto di Hersh – è stata di tutt'altro livello: una de-dollarizzazione avanzata su tutto lo spettro, dall' UEEA ai BRICS e oltre; un riorientamento totale del commercio verso l'Eurasia e altre parti del Sud Globale. La Russia sta creando condizioni solide per un'ulteriore stabilità, prevedendo già l'inevitabile: il momento di affrontare frontalmente la NATO.

Per quanto riguarda le risposte cinetiche, i fatti sul campo di battaglia mostrano che la Russia sta ulteriormente schiacciando l'esercito per procura americano/NATO in piena modalità di Ambiguità Strategica. L'attacco terroristico ai Nord Streams, ovviamente, sarà sempre in agguato sullo sfondo. Ci sarà un contraccolpo. Ma questo avverrà nei tempi, nei modi e nei luoghi scelti dalla Russia.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti