Pepe Escobar - L'Asse della resistenza del Sahel e le possibili risposte dell'Egemone

Pepe Escobar - L'Asse della resistenza del Sahel e le possibili risposte dell'Egemone

Il Sahel africano si sta ribellando al neocolonialismo occidentale, espellendo truppe e basi straniere, ideando valute alternative e sfidando le vecchie multinazionali. Il multipolarismo, del resto, non può fiorire senza che la resistenza ne spiani il cammino.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Pepe Escobar – The Cradle

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

L'emergere di Assi di Resistenza in varie geografie è un inestricabile effetto secondario del lungo e tortuoso processo che ci porta verso un mondo multipolare. Queste due cose – la resisenza all'egemone e l'emergere del multipolarismo – sono assolutamente complementari.

L'Asse della Resistenza in Asia Occidentale – attraverso gli Stati arabi e musulmani – trova ora come sorella d'anima l'Asse della Resistenza che si estende nel Sahel in Africa, da ovest a est, da Senegal, Mali, Burkina Faso e Niger a Ciad, Sudan ed Eritrea.

A differenza del Niger, dove il cambio di potere contro il neocolonialismo è stato associato a un colpo di stato militare, in Senegal il cambio di potere avviene direttamente dalle urne.

Il Senegal è entrato in una nuova era con la vittoria schiacciante di Bassirou Diomaye Faye, 44 anni, alle elezioni nazionali del 24 marzo. Ex ispettore fiscale che aveva appena trascorso quindici giorni in carcere, Faye è emerso con il profilo di un leader panafricano sfavorito per capovolgere la "democrazia più stabile dell'Africa", guidata dal fantoccio francese in carica Macky Sall.

Il nuovo presidente senegalese si unisce ora a Ibrahim Traore, 36 anni, in Burkina Faso, Aby Ahmed, 46 anni, in Etiopia, Andry Rajoelina, 48 anni, in Madagascar, e alla futura superstar Julius Malema, 44 anni, in Sudafrica, come parte della nuova, giovane generazione panafricana focalizzata sulla sovranità. Nel suo manifesto elettorale, Faye si è impegnato a rivendicare la sovranità del Senegal per ben diciotto volte. 

La geoeconomia è la chiave di questi cambiamenti. Mentre il Senegal diventerà un importante produttore di petrolio e gas, Faye punterà a rinegoziare i contratti minerari ed energetici, compresi quelli più importanti con British Petroleum (BP) e con l'operatore britannico di miniere d'oro, Endeavor Mining.

In particolare, intende abbandonare lo sfruttamento del franco CFA – il sistema valutario controllato dalla Francia e utilizzato in 14 Stati africani – istituendo una nuova valuta nell'ambito del riordino delle relazioni con la Francia, potenza neocoloniale e primo partner commerciale del Senegal. Faye, facendo eco al compagno Xi Jinping, vuole un partenariato "win-win".

Entri in scena l'Alleanza degli Stati del Sahel

Faye non ha ancora chiarito se intende cacciare i militari francesi dal Senegal. Se ciò accadesse, il colpo per Parigi sarebbe senza precedenti, dal momento che le Petit Roi Emmanuel Macron e l'establishment francese considerano il Senegal l'attore chiave quando si tratta di bloccare Niger, Mali e Burkina Faso, senza sbocco sul mare, che hanno già lasciato Parigi nella polvere (del Sahel). 

Questi tre Stati, che hanno appena formato un'Alleanza degli Stati del Sahel (Alliance des Etats du Sahel, AES, nell'originale francese), non sono solo un grande incubo per Parigi dopo le umiliazioni in serie, ma anche un grande grattacapo per gli Stati Uniti, come dimostra la spettacolare rottura della cooperazione militare tra Washington e la capitale nigerina Niamey.

Il colpevole, secondo lo Stato profondo statunitense, è ovviamente il presidente russo Vladimir Putin.

Ovviamente, nessuno nella Beltway statunitense ha prestato la dovuta attenzione alla raffica diplomatica Russia-Africa dello scorso anno, che ha coinvolto tutti gli attori chiave dal Sahel ai nuovi membri africani dei BRICS, Egitto ed Etiopia.

In netto contrasto con la sua precedente considerazione del Niger come un solido alleato nel Sahel, Washington è ora costretta a presentare un calendario per il ritiro delle sue truppe dal Niger – dopo l'annullamento di un accordo di cooperazione militare. Il Pentagono non può più essere coinvolto nell'addestramento militare in territorio nigerino.

Ci sono due basi chiave – ad Agadez e Niamey – per la cui costruzione il Pentagono ha speso oltre 150 milioni di dollari. Niamey è stata terminata solo nel 2019 ed è gestita dal Comando africano dell'esercito statunitense, AFRICOM.

Gli obiettivi operativi sono, come prevedibile, avvolti nel mistero. La base di Niamey è essenzialmente un centro di intelligence, che elabora i dati raccolti dai droni MQ-9 Reaper. L'aeronautica statunitense utilizza anche l'aerodromo di Dirkou come base per le operazioni nel Sahel.

Ora le cose si fanno davvero intriganti, perché la presenza di una base di droni de facto della CIA a Dirkou, presidiata da una manciata di operatori, non è nemmeno riconosciuta. Questa base oscura permette la raccolta di informazioni in tutta l'Africa centrale, da ovest a nord. Chiamiamolo un altro classico esempio del "Mentiamo, imbrogliamo, rubiamo" dell'ex direttore della CIA Mike Pompeo.

 

In Niger sono presenti circa 1.000 truppe statunitensi che potrebbero presto essere espulse. Gli americani stanno facendo di tutto per arginare l'emorragia. Solo questo mese, il sottosegretario di Stato americano per l'Africa Molly Phee ha visitato il Niger due volte. Perdere le basi in Niger significherà per Washington seguire Parigi nel perdere il controllo del Sahel, mentre il Niger si avvicina alla Russia e all'Iran.

Queste basi non sono essenziali per esercitare la sorveglianza su Bab al-Mandeb; si tratta del Sahel, con i droni che operano al limite e violano ogni spazio aereo sovrano in vista.

Tra l'altro, una folta delegazione di Niamey ha visitato Mosca a gennaio. La scorsa settimana, poi, Putin ha discusso della cooperazione in materia di sicurezza nelle telefonate con il presidente ad interim del Mali, Assimi Goita, e con il presidente della giunta militare del Niger, Abdourahmane Tchiani, prima di parlare con il presidente della Repubblica del Congo, Denis Nguesso.

 

Costa d'Avorio: La voltata dell'Impero

I regimi fantoccio filo-occidentali stanno diminuendo rapidamente in tutto il continente africano. L'Alleanza degli Stati del Sahel – Mali, Burkina Faso e Niger – può essere l'avanguardia di un Asse di Resistenza africano, ma c'è di più, sotto forma di Sudafrica, Etiopia ed Egitto come membri a pieno titolo dei BRICS – per non parlare dei seri candidati alla prossima ondata di BRICS+, come Algeria e Nigeria. 

La Russia, dal punto di vista diplomatico, e la Cina, dal punto di vista commerciale, oltre a tutto il peso del partenariato strategico Russia-Cina, sono chiaramente concentrate sul gioco lungo – contando sull'Africa nel suo complesso come attore multipolare chiave. Un'ulteriore prova è stata fornita ancora una volta durante la conferenza multipolare del mese scorso a Mosca, dove la carismatica leader panafricana Kemi Seba, del Benin, è stata una delle superstar.

I circoli diplomatici pan-eurasiatici si permettono persino di scherzare sulle recenti attacchi d'isteria di Le Petit Roi a Parigi. La totale umiliazione della Francia nel Sahel è probabilmente uno dei motivi che hanno spinto Macron a minacciare di inviare truppe francesi in Ucraina – che verrebbero trasformate in bistecche alla tartara dai russi in tempi record – e la sua smania di sostenere le attuali bravate russofobe dell'Armenia..

Storicamente, resta il fatto che gli africani consideravano l'ex URSS molto più flessibile e persino solidale quando si trattava di sottrarre risorse naturali; questa benevolenza è stata ora trasferita anche alla Cina.

Come piattaforma di integrazione regionale, l'Alleanza degli Stati del Sahel ha tutte le carte in regola per cambiare le carte in tavola. Il Senegal sotto la guida di Faye potrebbe eventualmente aderire, ma la Guinea offre già la capacità geografica per fornire all'Alleanza un accesso marittimo credibile. Questo porterà alla progressiva estinzione dell'ECOWAS, controllata dall'Occidente e basata sulla Nigeria.

Tuttavia, non bisogna mai ignorare i potenti tentacoli dell'Egemone. Il piano generale del Pentagono non prevede l'abbandono dell'Africa a una sfera di influenza multipolare Russia-Cina-Iran. Tuttavia, nessuno nell'Asse della Resistenza del Sahel si beve più la carta della "minaccia terroristica" degli Stati Uniti. Il terrore in Africa era praticamente nullo fino al 2011, quando la NATO ha trasformato la Libia in una terra desolata, poi ha messo gli stivali a terra e ha eretto basi militari in tutto il continente.

Finora, l'Alleanza degli Stati del Sahel sta vincendo a mani basse la guerra dell'informazione basata sulla sovranità come priorità. Ma non c'è dubbio che l'Impero contrattaccherà. Dopo tutto, l'intero gioco è legato alla suprema paranoia della Beltway che la Russia possa conquistare il Sahel e l'Africa centrale.

Entriamo in Costa d'Avorio, ora che il Senegal potrebbe iniziare a flirtare con l'Alleanza degli Stati del Sahel.

La Costa d'Avorio è più strategica per Washington rispetto, ad esempio, al Ciad, perché il territorio ivoriano è molto vicino all'Alleanza del Sahel. Tuttavia, il Ciad ha già ricalibrato la sua politica estera, che non è più controllata dall'Occidente ed è caratterizzata da una nuova enfasi sull'avvicinamento a Mosca.

Cosa ci aspetta per l'Impero? Forse droni statunitensi "antiterrorismo" condivisi con Parigi nella base francese in Costa d'Avorio per tenere sotto controllo l'alleanza del Sahel. Chiamiamolo il gallo gallico umiliato che abbraccia l'Egemone in Africa occidentale senza ricevere nemmeno le briciole di un croissant stantio. 

 

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti