Per l'ONU, gli attacchi israeliani contro i palestinesi a Gaza possono essere considerati "crimini di guerra"

Per l'ONU, gli attacchi israeliani contro i palestinesi a Gaza possono essere considerati "crimini di guerra"

L'ONU ha confermato che alcuni attacchi israeliani contro i manifestanti palestinesi a Gaza possono essere considerati "crimini di guerra" e crimini contro l'umanità.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"Le forze israeliane hanno commesso violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani. Alcune di queste violazioni possono essere classificate come crimini di guerra o crimini contro l'umanità e devono essere indagate immediatamente",  ha affermato Kaari Betty Murungi, membro di una commissione creata dalle Nazioni Unite (ONU) per indagare gli attacchi israeliani sul Striscia di Gaza.


 
La Commissione, che ha presentato ieri i risultati delle loro indagini in una riunione presso la sede del Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani (UNHRC) a Ginevra,  ha denunciato anche gli attacchi israeliani contro i palestinesi "disarmati" a Gaza.
 
"Le proteste davanti alla barriera (installata da Israele tra i territori palestinesi occupati e Gaza) avvenute nel 2018 e che continuano non sono state operazioni militari, ma proteste civili. Le nostre indagini indicano che i manifestanti erano per lo più disarmati ", ha dichiarato  il presidente di questa commissione, Santiago Canton.
 
Il rapporto delle Nazioni Unite viene alla luce un anno dopo l'inizio delle mobilitazioni della Lunga Marcia per il ritorno a Gaza, dove migliaia di palestinesi si riuniscono ogni settimana alla recinzione di confine per ricordare il diritto al ritorno di oltre 5 milioni di palestinesi espulsi dalla loro terra dagli israeliani.
 
La Commissione ha inoltre analizzato i numerosi casi di lesioni gravi o amputazioni e le invalidità permanente per gli spari delle forze israeliane nell'enclave palestinese.
 
"C'è una quantità enorme di amputazioni che hanno lasciato i bambini disabili e questo merita di essere indagato", ha riferito Sara Hussein, un altro commissario delle Nazioni Unite, che ha esortato Israele a fermare gli attacchi violenti contro i palestinesi.
 
Secondo un recente rapporto delle Nazioni Unite, l'esercito israeliano ha ucciso circa 295 palestinesi e ha lasciato altri 250 000 feriti dall'inizio delle marce settimanali per il Ritorno, 30 marzo 2018.
 
 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti