Perché Navalny è rientrato se afferma che la Russia voleva ucciderlo?

Perché Navalny è rientrato se afferma che la Russia voleva ucciderlo?

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Molte persone nel mondo si chiedono perché il blogger anti-corruzione russo Alexei Navalny sia tornato nello stesso paese che, secondo lui, aveva tentato senza successo di ucciderlo l'anno scorso. Ma è esattamente quello che ha inspiegabilmente deciso di fare durante il fine settimana. Tornava da Berlino dove era stato sottoposto a cure per avvelenamento, secondo i media mainstream occidentali, da Novichok di produzione russa, sebbene Mosca neghi con veemenza le accuse. Dopotutto, la saggezza convenzionale suggerisce che il Cremlino non avrebbe permesso a Navalny di lasciare la Russia per la Germania in primo luogo se avesse veramente voluto assassinarlo. Ma la narrativa contro la Russia elaborata da forze a essa ostili vuole dipingerla come un cosiddetto “regime canaglia” che merita l’isolamento della comunità internazionale, con l’imposizione di nuove sanzioni. 

La maggior parte degli osservatori si aspettava che Navalny vivesse il resto dei suoi giorni all'estero agendo come una figura di "opposizione" simbolica ma politicamente insignificante. Ha quindi sorpreso tutti annunciando il ritorno in patria nonostante le autorità abbiano annunciato il suo arresto per violazione della libertà vigilata. Questa sequenza di eventi ha spinto il consigliere per la sicurezza nazionale (USA) entrante Jake Sullivan a criticare il Cremlino per aver seguito le proprie leggi, seguito dalla portavoce del ministro degli Esteri russo Maria Zakharova che gli ha ricordato di rispettare il diritto internazionale non invadendo la legislazione nazionale di altri Stati sovrani. Poco dopo, i ministri degli esteri britannico e tedesco hanno fatto eco alla richiesta di Sullivan, chiedendo il rilascio di Navalny. Come si può ovviamente vedere, questo incidente viene sfruttato per chiari scopi di information warfare contro la Russia. 

Adesso forse possiamo comprendere perché Navalny abbia programmato il suo ritorno in Russia provocatoriamente insensato in concomitanza con la cerimonia di insediamento di Biden. L’obiettivo era di stabilire il pretesto "pubblicamente plausibile" per il presidente entrante di intensificare la crociata anti-russa del suo paese dopo la detenzione di Navalny in risposta alle sue violazioni della libertà vigilata. Il Nord Stream II è sempre stato il vero obiettivo, non la promozione di ‘democrazia’ e ‘diritti umani’ in Russia. Biden progetta che di assemblare una "Alleanza delle Democrazie" come parte dell'imminente spinta del soft power degli Stati Uniti volta a collegare la sua rete di alleati geograficamente disparata in modo da dare loro una "causa unificante”. La detenzione di Navalny potrebbe servire a far avanzare questo obiettivo strategico. 

Non va dimenticato che il presidente Putin ha accusato Navalny (anche se non per nome dato che preferisce usare l'eufemismo "paziente di Berlino") di collaborare con le agenzie di intelligence statunitensi durante la sua conferenza stampa di fine anno il mese scorso. Navalny non ha mai veramente pensato che il suo stesso governo avesse cercato di ucciderlo l'estate scorsa, altrimenti non sarebbe mai tornato sulla scena del crimine se fosse stato così. Né, del resto, i suoi gestori dell'intelligence gli avrebbero permesso di farlo. Vogliono solo che serva come un'icona di "opposizione", un ruolo che hanno concluso che avrebbe giocato più efficacemente mentre si trovava in Russia (sia incarcerato o libero) che vivere all'estero in Germania, per esempio. Ecco perché ha misteriosamente deciso di tornare in Russia. Il vero scopo del suo ritorno è di radunare l'"opposizione" e "giustificare" le sanzioni contro il Nord Stream II.

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi di Francesco Erspamer  Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

I silenzi di Draghi letti con la lente di Sciascia di Paolo Desogus I silenzi di Draghi letti con la lente di Sciascia

I silenzi di Draghi letti con la lente di Sciascia

Covid-Amazon: altro blocco per il nuovo libro del Prof. Tarro di Francesco Santoianni Covid-Amazon: altro blocco per il nuovo libro del Prof. Tarro

Covid-Amazon: altro blocco per il nuovo libro del Prof. Tarro

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Il governo Draghi nasce già vecchio e inutile di Giuseppe Masala Il governo Draghi nasce già vecchio e inutile

Il governo Draghi nasce già vecchio e inutile

La sovranità sarà anche "solitudine" ma ti fa avere i vaccini di Antonio Di Siena La sovranità sarà anche "solitudine" ma ti fa avere i vaccini

La sovranità sarà anche "solitudine" ma ti fa avere i vaccini

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti