Perche' Giorgia Meloni non e' ancora andata in Cina?

Perche' Giorgia Meloni non e' ancora andata in Cina?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Dal Canale Telegram di @LauraRuHK

 

Negli ultimi mesi i leader dei maggiori paesi europei Scholz, Macron, Sanchez si sono recati a Pechino con una folta schiera di rappresentanti dei principali comparti industriali tedeschi, francesi e spagnoli per firmare accordi economici e commerciali. Spicca l'assenza dell'Italia.

Perche' Giorgia Meloni non e' ancora andata in Cina?

Che cosa pensa il padronato italiano di un presidente del consiglio che con i suoi continui atti di fede atlantista danneggia gli interessi dell'Italia in Cina favorendo di fatto la concorrenza degli altri paesi europei?

La cosa ancora piu' paradossale e' che nel 2019 quando l'Italia firmo' il Memorandum of Understanding (MOU) per la Belt and Road Initiative (la nuova Via della Seta), l'Italia si trovava in mano una carta importante che avrebbe potuto giocarsi con intelligenza per strappare fette di mercato ai concorrenti.

La carta venne messa da parte dal governo Draghi, che opero' per mandare a monte vari progetti sino-italiani, e gli investimenti cinesi vennero dirottati su altri paesi europei. Ora il Draghi Bis di Giorgia Meloni la straccera' definitivamente rifiutandosi di rinnovare l'accordo. Il MOU con la Cina non serviva solo a facilitare gli investimenti cinesi in Italia, ma favoriva anche l'accesso delle imprese italiane al mercato cinese (il piu' grande del mondo!) e ad altri finanziamenti della Belt and Road in aree come l'Africa e il Medio Oriente.

Ritirarsi dalla Belt and Road Initiative significa confermare agli occhi della Cina che l'Italia non e' un paese affidabile in cui investire, poiche' non possiede una politica estera consistente con i propri interessi economici, interessi che possono essere calpestati dal governo coloniale di turno.  

Porre fine al MOU consolida certamente il posizionamento atlantista dell'Italia, ma ciò avrà un costo per le relazioni sino-italiane. Il governo di Lady Aspen preferisce rafforzare le relazioni con Taiwan, che sta per aprire un ufficio di rappresentanza a Milano. Dubito che gli industriali italiani stiano facendo i salti gioia dopo che gli e' stata rifilata questa patacca. 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza di Andrea Puccio Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Germania: perché siamo all'anno zero di Giuseppe Masala Germania: perché siamo all'anno zero

Germania: perché siamo all'anno zero

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti