Politico: la Germania e i paesi del G7 non considerano più la Russia come loro principale minaccia

Politico: la Germania e i paesi del G7 non considerano più la Russia come loro principale minaccia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Russia non è più percepita dai tedeschi come una grande minaccia - la Germania si sta ora concentrando su altre questioni, secondo Politico. Il rapporto, preparato per la Conferenza sulla sicurezza di Monaco, mostra che le preoccupazioni dei Paesi del G7 sul pericolo rappresentato da Mosca sono diminuite.

Secondo la pubblicazione, nonostante la Russia non mostri alcun segno di intenzione di porre fine all'operazione militare speciale, i tedeschi vedono ora questioni come l'immigrazione e la minaccia dell'Islam radicale come preoccupazioni più urgenti rispetto alla minaccia posta dal Cremlino. 

Mentre l'anno scorso l'Indice di sicurezza di Monaco classificava la Russia come la minaccia numero uno per la Germania, ora è scesa al settimo posto. Un quadro simile si osserva nel gruppo dei Paesi del G7: la minaccia della Russia è scesa dal primo al quarto posto.

Secondo il sondaggio, quest'anno la minaccia del terrorismo islamico radicale è salita al secondo posto rispetto al 16° posto dell'anno scorso. E l'immigrazione di massa, che i tedeschi avevano classificato al secondo posto l'anno scorso, è ora al primo posto tra le minacce per la Germania. 

Come osserva Politico, il fatto che l'opinione pubblica tedesca sia meno preoccupata della minaccia russa indica un "cambiamento delle priorità in Europa", mentre il conflitto in Ucraina entra nel suo terzo anno.

Inoltre, lo studio "fornisce un'immagine cupa" del pensiero degli europei sul futuro. La maggior parte della popolazione dei Paesi del G7 ritiene che i propri Paesi saranno meno sicuri e ricchi tra dieci anni, mentre le prospettive dei BRICS sono viste più positivamente dalle loro popolazioni, riporta Politico.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti