Premio Pulitzer muore il giorno dopo il "booster" Moderna per problemi cardiaci

Premio Pulitzer muore il giorno dopo il "booster" Moderna per problemi cardiaci

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

 

Carlos Tejada era il vicedirettore asiatico per il New York Times. Aveva 49 anni. Dopo il Johnson & Johnson ha scelto "la terza dose" mischiata con il Moderna. Booster effettuato il 17 Dicembre. Carlos Tejada muore improvvisamente per arresto cardiaco il 18 dicembre.

In un mondo normale dominato da libertà di stampa (vera) e onestà intellettuale (vera) dovrebbe essere una notizia importante ed è invece presente solo su quei social network tanto odiati, temuti e sempre più oggetto di una morsa liberticida ad opera di presunti "fact-checkers".

Eppure Carlos Tejada non era un giornalista qualsiasi, è stato il vincitore del premio Pulitzer 2021. Noto il suo impegno sul Covid-19 e a favore dei vaccini di Big Pharma. Chi non ha potuto evitare di dare la notizia ma lo ha fatto con uno scarno comunicato è stato il suo giornale, il New York Times: "Carlos Tejada, il vicedirettore asiatico del New York Times, che ha contribuito a plasmare la copertura della crisi globale di Covid-19 nel 2021 che ha vinto un Premio Pulitzer, è morto venerdì in un ospedale di Seoul".

Nulla sulla dose di un vaccino di Big Pharma il giorno prima. Il suo giornale ha solo aggiunto: "la moglie ha annunciato che la causa è stato un arresto cardiaco".

Incredibile.

La moglie di Tejada ha dato la notizia al mondo sulla pagina Twitter del giornalista, al momento non più raggiungibile: “A scrivere è la moglie di Carlos, Nora. È con profondo dolore che devo condividere con voi che Carlos è morto la scorsa notte per un attacco di cuore. Ho perso il mio migliore amico e i nostri figli hanno perso un padre davvero eccezionale. Sarò fuori dai social per un po'".

Era il 18 dicembre. Il giorno prima Tejada si vantava su Instagram di aver effettuato la sua terza dose di richiamo e sfidava apertamente omicron a raggiungerlo. Scriveva testualmente: “Doppia vaccinazione. Alimentato da Janssen, potenziato da Moderna. Ehi, Omicron: colpiscimi con il tuo moccio bagnato". 

L'arresto cardiaco è sopraggiunto subito dopo la terza dose ma di questa morte non si parlerà. Al contrario di altre morti - come quella dell'ex Senatore "novax" Bartolomeo Pepe (affetto da anni da gravi patologie) o del campione di kickboxing "che negava l’esistenza del virus" - che vengono strumentalizzate con dosi spropositate di visibilità mediatica e relativo sciacallaggio. Ma la morte del Premio Pullitzer il giorno dopo il "booster" no, non è una notizia. 

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa e antropologa

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti