Processo Chokri Belaïd: condannati gli assassini

Processo Chokri Belaïd: condannati gli assassini

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Francesco Fustaneo

 

Se in Italia il suo nome dice assai poco, in Tunisia di contro, Chokri Belaïd era un personaggio pubblico molto noto.

Avvocato e attivista politico, all'indomani della cosiddetta “Rivoluzione dei gelsomini" divenne membro dell' “Ente Supremo per la realizzazione degli obiettivi della rivoluzione, della riforma politica e della transizione democratica”. Fu anche membro del Consiglio dell'ordine degli avvocati. Nel 2011 fu poi tra i fondatori del Movimento dei patrioti democratici (MPD), partito politico che si richiamava al marxismo e al panarabismo. Nello stesso anno, Belaïd guidò l'unificazione del MPD con il Partito del lavoro patriottico e democratico (PLPD). Nel 2012 i due partiti entreranno a far parte del Fronte Popolare insieme ad altre forze politiche d'ispirazione marxista, panaraba ed ecologista.

Chokri Belaïd era noto anche per la sua verve, la sua combattività e la sua feroce critica alle politiche della Troika ( nome non ufficiale per designare l'alleanza tra i tre partiti, Ennahda, Ettakatole CPR, che governarono in Tunisia dopo le elezioni dell'Assemblea costituente del 2011) e al movimento conservatore islamico Ennahdha e ai suoi leader, che accusava di voler "mettere le mani sull'apparato statale" e di minare le libertà fondamentali dei cittadini tunisini.

Furono, a detta di numerosi osservatori politici, proprio l'audacia e la sua crescente popolarità a costargli caro: il suo discorso di condanna della violenza e di denuncia dell'Islam politico e delle pratiche di Ennahdha gli valse numerose minacce di morte.

Divenne così bersaglio di aspre campagne di demonizzazione da parte dei suoi detrattori. "Ogni volta che gli islamisti si sentono sotto pressione, politicamente isolati e perdono popolarità, ricorrono alla violenza, al terrore e all'intimidazione", ripeteva  spesso.

"Attenzione a non lasciarvi trascinare nella matrice della violenza. La violenza indiscriminata avvantaggia solo le correnti oscurantiste. Avvantaggia il movimento Ennadha", riferì in una trasmissione televisiva alla vigilia del suo assassinio.

Belaïd fu ucciso il 6 febbraio 2013 con tre colpi di pistola, mentre si trovava in auto presso casa sua, nel quartiere di El Menzah (al-Manza): aveva 48 anni. Il suo omicidio scatenò numerose manifestazioni in tutto il Paese: in segno di protesta, in diverse città, le sedi del partito islamista al potere, Ennahda, furono assaltate. Ai suoi funerali al cimitero di Jellaz, parteciparono circa un milione e mezzo di persone, numeri che danno l'idea di come fosse divenuta popolare la sua figura e soprattutto dell'impatto emotivo che tra i tunisini, aveva scaturito il suo barbaro assassinio.

Lo scorso mercoledì 27 marzo 2024, la magistratura tunisina ha finalmente emesso il suo verdetto, arrivato dopo 11 anni di indagini e dopo 15 ore di deliberazione.

A darne notizia ai media, Aymen Chtiba, procuratore generale aggiunto del polo giudiziario antiterrorismo.

Emanate 4 condanne a morte, 2 ergastoli, 12 pene da due a 120 anni e 5 assoluzioni. Alla sbarra, in totale erano presenti 23 persone, accusate a vario titolo dell'assassinio dell'attivista.

Abdelmajid, il fratello di Chokri Belaid, si è detto soddisfatto che i colpevoli siano stati condannati. "Presto inizierà la seconda sessione del processo che vedrà la partecipazione dei leader dell'apparato segreto di Ennahda che ha pianificato l'assassinio", ha affermato, anche se a onor di cronaca va detto che non sono trapelate conferme ufficiali in merito dagli ambienti giudiziari.

Ennahda, dal canto suo ha affermato in un comunicato stampa che "i dettagli accertati dagli organi giudiziari mostrano chiaramente la propria innocenza”.

Nel frattempo, anche se per motivazioni non connesse all'omicidio in questione, continua a rimanere in carcere Ghannouci, leader di Ennhada, inizialmente accusato di cospirazione contro la sicurezza interna dello Stato e di riciclaggio di denaro. Solo lo scorso febbraio i media tunisini avevano riportato la notizia di una ulteriore condanna nei suoi confronti ad altri tre anni di carcere, con l'accusa di aver accettato finanziamenti esterni illeciti durante una passata campagna elettorale.

 

 

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti