Prof. Giulio Tarro all'AD: "Rapporto ISS non è una novità ma la conferma: i morti 'per Covid' sono stati immensamente sovrastimati"

Prof. Giulio Tarro all'AD: "Rapporto ISS non è una novità ma la conferma: i morti 'per Covid' sono stati immensamente sovrastimati"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'Antidiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

 

Ma davvero, oggi in Italia, abbiamo una “Scienza ufficiale” capace di contraddire la sciagurata gestione governativa dell’emergenza Covid? C’è da chiederselo davanti al clamore suscitato sui social da un articolo pubblicato da Il Tempo - titolato “Gran pasticcio nel rapporto sui decessi. Per l'Iss gran parte dei morti non li ha causati il Covid” - che ha illuso qualcuno di chissà quale ravvedimento da parte di blasonate strutture scientifiche.

Su questo e su altro abbiamo intervistato il prof. Giulio Tarro, autore, tra l’altro, del libro (la nuova edizione, settembre, 2021 si sofferma soprattutto sulle follie del green pass) “Emergenza Covid. Dal lockdown alla vaccinazione di massa. Cosa, invece, si sarebbe potuto - e si può ancora – fare”.

 

L'INTERVISTA

 

Finora si sono avallate, Professore, le scelte politiche di gestione della pandemia sulla base dell'insindacabilità della scienza ufficiale. Una scienza ufficiale che mostra tutte le sue contraddizioni oggi?

Sulle giravolte e i silenzi di una “Scienza ufficiale” che, per il Covid, soprattutto in Italia, si è limitata ad avallare scelte governative, dettate da esigenze meramente politiche, si potrebbe scrivere una enciclopedia. A cominciare dall’imposizione del lockdown nazionale dell’otto marzo 2020 decretato dal Governo (come si è scoperto dalla desecretazione di parte dei verbali del Comitato tecnico scientifico) contro il parere del CTS del sette marzo. Poi ci sarebbe la tarantella sul vaccino Astrazeneca nella quale gli “esperti”, con un occhio a quella che era che una guerra commerciale per favorire il vaccino Pfizer, che, tra l’altro, registrava più numerosi effetti avversi) hanno cambiato otto volte posizione in una settimana. Poi ci sarebbe l’OK degli esperti al cocktail dei vaccini dettato dal marasma seguito al ritiro di Astrazeneca.  Poi ci sarebbe il silenzio degli “esperti” sullo sbalorditivo prolungamento della scadenza del vaccino Pfizer. Poi ci sarebbe…

 

Come commenta il recente Rapporto sulla mortalità per Covid dell'Istituto superiore di Sanità?

Ma quel Rapporto rimanda alle identiche considerazioni del primo Rapporto ISS del marzo di un anno fa e alla piccola schermaglia tra ISS e Dipartimento della protezione civile accusato di non dire che solo il 3,4 dei decessi potevano essere annoverati come “morti per Covid”. Schermaglia che portò la Protezione civile ad apporre sotto la cifra dei suoi “morti per Covid” la farisaica dicitura “in attesa di conferma da parte del ISS”. Scritta, ovviamente, scomparsa dopo una settimana. E così, oggi siamo ancora, ufficialmente, ai 131.826 deceduti per Covid.

 

Ma allora quanti sono stati i “morti per Covid” in Italia?

Immensamente di meno di quelli ufficiali. E ritengo che anche il 2,9% dei decessi registrati ufficialmente come “morti per Covid” sia una proporzione sovrastimata perché non tiene conto dei tanti pazienti Covid (non anziani e non affetti da gravi patologie) che, invece di essere curati subito a casa, sono andati mandati a morire in ospedali diventati lazzaretti e dove, “normalmente”, ogni anno, già si registrano 40.000 morti per infezioni ospedaliere.

Ma una cosa va detta con forza: nel 2020 si sono verificati quasi 100.000 morti in più di quelli della media degli anni precedenti per il collasso delle strutture sanitarie, dovuto principalmente alla folle gestione politica della pandemia. Sono stati quasi tutti fraudolentemente registrati come “morti per Covid” solo perché, sottoposti a tampone, prima o dopo il decesso, risultavano positivi al virus Sars-Cov-2 che era ed è endemico nella popolazione. È lo stesso trucco che, verosimilmente, useranno in Italia per decretare un nuovo lockdown sulla scia di quello che si prospetta in Austria che riguarderà solo i non vaccinati. I vaccinati saranno liberi di andare dovunque, continuando a “contagiare” la gente ma solo i non vaccinati saranno costretti a periodici tamponi, con la inevitabile scoperta di nuovi “positivi”. E così il governo potrà dire che se l’emergenza Covid continua, la colpa è dei “no vax”. Divide et impera.

 

LEGGI: EMERGENZA COVID DI GIULIO TARRO

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Cacciatore di bufale di e per la guerra. Autore di "Fake News. Guida per smascherarle"

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Quei quattro scemi che intervistano Renatino... di Paolo Desogus Quei quattro scemi che intervistano Renatino...

Quei quattro scemi che intervistano Renatino...

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti