Quando una bella campagna di artisti per i morti e i profughi creati dalla Nato?

Quando una bella campagna di artisti per i morti e i profughi creati dalla Nato?

Ogni riferimento alla campagna di Rolling Stones con una serie di artisti che non hanno mai speso una parola per denunciare tutto questo è voluto

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.



di Fabrizio Verde
 

Marketing puro. Ormai a questo si è ridotta la politica. L’ennesima conferma ci giunge dall’ultimo Gay Pride che si è svolto a Milano. In questa occasione, infatti, tra i partecipanti c’era addirittura il Consolato milanese degli Stati Uniti d’America con tanto di striscione ‘rainbow’. 

 

Un’operazione del genere ha un nome ben preciso: rainbow washing. 

 

Leggiamo da Wikipedia: «Rainbow washing è una parola formata dalla crasi tra "rainbow", arcobaleno, e "whitewashing", imbiancare o nascondere. Questa parola rappresenta una forma più specifica del pinkwashing, identificando un'attività sociale o di marketing indirizzata a presentare una realtà come gay-friendly allo scopo di aumentarne il consenso presso il pubblico. Si differenzia dal pinkwashing per il fatto che il termine pinkwashing viene utilizzato in senso più ampio: si parla infatti di pinkwashing non solo per identificare tecniche sociali o di marketing che fanno leva sulla presentazione di eventi gay-friendly ma, più in generale, tale termine, può essere riferito anche a tutte quelle tecniche comunicative che promuovono realtà (apparentemente) a favore dell'emancipazione femminile, sempre allo scopo di aumentarne il consenso a livello sociale». 

 

L’operazione ha una ratio inequivocabile: gli Stati Uniti d’America attraverso il sostegno a diritti civili sacrosanti, e che spesso non vengono rispettati all’interno del paese, cercano di ripulirsi le mani sporche di sangue.

 

I conflitti, le sanzioni, e gli embarghi che gli USA (sempre coadiuvati dai vassalli europei) impongono a quegli Stati che non si piegano ai dettami di Washington, che non adattano le proprie politiche agli interessi strategici e geopolitici dell’Impero, producono nefaste conseguenze per le popolazioni investite. Morti reali, sangue vivo che scorre. 

 

La lista è lunga: dalla Siria, all’Ucraina, passando per il Venezuela e da ultimo il Nicaragua. Senza dimenticare conflitti storici come l’Afghanistan e l’Iraq. 

 

Lo striscione portato alla manifestazione milanese, ci riporta alla mente, in maniera inquietante, la copertina di una nota rivista musicale. E con essa l’appello di artisti e intellighenzia liberal-liberista che troppe volte in questi anni ha taciuto, quando non apertamente sostenuto, le guerre imperiali che hanno provocato tanti lutti nel mondo. 

 

Torniamo al punto di partenza: pinkwashing. Un tentativo, maldestro, di ripulirsi la coscienza. 

 

Ogni riferimento alla campagna di Rolling Stones con una serie di artisti che non hanno mai speso una parola per denunciare tutto questo è voluto. 

Potrebbe anche interessarti

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti