RAPPORTO. Washington non ha dichiarato migliaia di attacchi aerei condotti in Siria, Iraq e Afghanistan

RAPPORTO. Washington non ha dichiarato migliaia di attacchi aerei condotti in Siria, Iraq e Afghanistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 Secondo l'ultima indagine condotta daMilitary Times, l'amministrazione Obama ha dimenticato di includere nella sua relazione sulla lotta contro il terrorismo qualche migliaio di scioperi contro la Siria, l'Iraq e l'Afghanistan. 

L'esercito americano avrebbe omesso migliaia di attacchi aerei mortali condotti per diversi anni in Iraq, la Siria e l'Afghanistan, ha rivelato un'inchiesta della rivista Military Times. L'enorme divario di dati solleva seri dubbi circa la trasparenza dei progressi riportati contro lo Stato islamico, al-Qaeda e i Talibani, e mette in discussione l'accuratezza delle altre comunicazioni del Dipartimento della Difesa che documentano tutto, dai costi delle operazioni al conteggio delle vittime.



 Per il 2014,  l'amministrazione Obama avrebbe dichiarato un numero di attacchi aerei di molto inferiore a quelli dichiarati dalle forze aeree (di 6000).  Nel 2016, la US Air Force ha dichiarato che la coalizione occidentale guidata dagli Stati Uniti aveva condotto almeno 23.740 attacchi durante lo scorso anno, mentre il Pentagono parla di "soli" 17.861. 

Nel solo 2016, gli aerei da combattimento degli Stati Uniti hanno condotto almeno 456 attacchi aerei in Afghanistan che non sono stati registrati come parte di un database open-source gestito dalla US Air Force, informazioni invocate dal Congresso, alleati americani, gli analisti militari, ricercatori accademici, i media e gruppi di controllo indipendenti per valutare il costo e il tributo di vite umane di ogni guerra.  

Ancora più allarmante, scrive la Rivista, è la prospettiva che questi dati siano stati incompleti sin dall'inizio della guerra al terrorismo nel mese di ottobre 2001. Se questo è il caso, verrebbe fondamentalmente minata la fiducia in gran parte di ciò che il Pentagono ha rivelato circa la sua prosecuzione di queste guerre, induendo i critici a sostenere che l'Esercito ha volontariamente cercato di indurre in errore il pubblico americano, e mettendo in dubbio la competenza con la quale si sta eseguendo la raccolta e la pubblicazione di questi dati. Altri dati includono perdite in combattimento di vite americnei, spese del contribuente e il progresso complessivo nel degradare le capacità del nemico.

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica di Antonio Di Siena Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica

Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti