"Ridicola". Il Cremlino sulla proposta di non riconoscere Putin Presidente dopo il maggio 2024

"Ridicola". Il Cremlino sulla proposta di non riconoscere Putin Presidente dopo il maggio 2024

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Cremlino ha definito ridicola la proposta degli Stati Uniti di non riconoscere Putin Presidente dopo il 7 maggio 2024.

I membri del Congresso USA hanno proposto di non riconoscere Putin Presidente nel caso egli si candidi di nuovo alla fine del suo mandato nel 2024 e vinca le elezioni.

Dmitrij Peskov, portavoce di Vladimir Putin, ha dichiarato: “Ogni volta ci sembra che da quella parte dell’oceano non possa arrivare nulla di più ridicolo, nulla di più aggressivo, ostile e sterile. Ma ogni volta ci sbagliamo. Arriva, purtroppo.  Questa è la dimostrazione che gli Stati Uniti si intromettono ufficialmente negli affari interni degli altri Stati. Riteniamo inammissibile l’iniziativa dei membri del Congresso americano poiché costituisce un’ingerenza e siamo convinti che solo il popolo russo può decidere chi e quando deve essere Presidente della Russia, nessun altro paese del mondo, nessun parlamentare degli altri paesi possono pretendere di deciderlo!”

Peskov ha poi aggiunto che i deputati della Duma di Stato non lasceranno questa proposta senza la dovuta reazione. Ma già ce ne sono due: il primo vice presidente del comitato del Consiglio della Federazione per gli Affari Esteri, Vladimir Dzhabarov ha dichiarato che se verrà adottata tale Risoluzione, ciò potrà portare alla rottura dei rapporti fra Russia e Stati Uniti, mentre il vice speaker del Consiglio della Federazione Konstantin Kosacjov, ha dichiarato che oltre a essere un’ingerenza nelle elezioni del Presidente della Russia e negli affari interni dello Stato, è una provocazione indirizzata a far saltare la normalizzazione di quell’accenno di normalizzazione che si è creato nei rapporti bilaterali”.

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti