Soldato polacco chiede asilo politico in Bielorussia

Soldato polacco chiede asilo politico in Bielorussia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un militare polacco ha chiesto asilo politico in Bielorussia, secondo quanto ha appreso l'agenzia BelTA dal Comitato per i confini di Stato della Bielorussia.

“Un soldato delle forze armate polacche Emil Czeczko, classe 1996, è stato fermato da un'unità di guardia di frontiera bielorussa nella zona vietata all'avamposto di confine di Tushemlya del gruppo di frontiera di Grodno alle 17:50 del 16 dicembre. L'uomo ha detto di essere un soldato dell'11° Reggimento Artiglieria Masuria della 16a Divisione Meccanizzata Pomerania intitolata al re Casimiro, le cui unità sono state schierate per garantire la protezione del confine con la Bielorussia durante lo stato di emergenza imposto nelle zone di frontiera della Polonia", ha affermato il Comitato per i confini di Stato di Minsk.

Il soldato ha affermato di aver deciso di chiedere asilo politico in Bielorussia poiché contrario alla gestione della crisi dei migranti da parte della Polonia e al trattamento disumano dei rifugiati, hanno reso noto le autorità bielorusse. 

I rifugiati si sono riversati al confine della Bielorussia con Polonia, Lettonia e Lituania a partire dall'inizio di quest'anno. Le cose hanno preso una brusca svolta l'8 novembre quando alcune migliaia di persone, compresi migranti dal Medio Oriente e dall'Africa, si sono avvicinate al confine polacco dal lato della Bielorussia. Alcuni di loro hanno tentato di entrare in Polonia abbattendo un recinto di filo spinato. Le guardie di frontiera polacche hanno respinto quasi 40.000 tentativi di attraversamento illegale del confine con la Bielorussia, 400 volte di più rispetto all'anno precedente.

L’occidente accusa le autorità di Minsk di utilizzare i migranti come arma di pressione e ricatto. Il presidente bielorusso Lukashenko ribatte affermando che viste le sanzioni occidentali contro Minsk, il suo paese non ha più risorse e le energie necessarie per fermare l’avanzata dei migranti - quasi tutti provenienti da paesi devastati dalle guerra NATO - come avveniva in passato. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...