Tara Reade: Assange usato degli Usa per mettere a tacere il dissenso

Tara Reade: Assange usato degli Usa per mettere a tacere il dissenso

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Tara Reade 

I 50 anni di Julian Assange compie in una cella di prigione del Regno Unito, sono un duro promemoria di come l'America tratta coloro che legittimamente mettono in dubbio le sue attività. 

L'obiettivo è mettere a tacere le persone, anche quelle che denunciano i crimini di politici provati.

Ci sono una manciata di prigionieri politici che hanno davvero catturato l'attenzione della nostra generazione e Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, è tra i più importanti. 

Le sue intenzioni sono sempre state nobili. "Rendendo di dominio pubblico come si comportano effettivamente le istituzioni, possiamo capire francamente, in una certa misura, per la prima volta la civiltà che abbiamo effettivamente", ha detto .

Insieme ad altri come Edward Snowden e Chelsea Manning, Assange – cittadino australiano – è stato perseguitato per aver reso note al pubblico cose che l'America vuole tacere, come dettagli sui crimini di guerra e sullo stato di sorveglianza del Paese.

Passerà il suo cinquantesimo compleanno, il 3 luglio, in prigione a Londra – dove si trova dal 2019 quando è stato revocato lo status di asilo che gli era stato concesso dall'Ecuador – affrontando la minaccia di essere perseguito dagli Stati Uniti ai sensi dell'Espionage Act. Le presunte violazioni dell'Espionage Act potrebbero significare la reclusione a vita.

Il trattamento di Assange ha portato a una seria conversazione su ciò che rimarrà della libertà per i media di esporre la corruzione dello stato. 

Che cos'è la democrazia se non funziona da un luogo di analisi autocritica per affrontare la corruzione? Se gli stati democratici agiscono solo nell'interesse personale per mantenere l'autorità e lo status quo, è anche democrazia?

Come cittadini abbiamo già perso tutti la guerra per mantenere le nostre libertà mentre continuiamo a illuderci e a combattere battaglie più piccole?

Come sottolinea Glenn Greenwald, i giornalisti molto occidentali che sarebbero colpiti dal caso Assange mantengono il silenzio come se fossero trepidanti di attirare l'attenzione e attirare l'ira del governo americano. 

La paura è usata come veicolo per creare un'atmosfera di silenzio misurato.

Edward Snowden una volta disse: "Preferirei essere senza uno stato che senza una voce". 

L'impero americano usa tattiche diverse per mettere a tacere il dissenso. Ora è in qualche modo accettato che il dissenso sia criminalizzato e gli individui chiamati traditori.

E questo si estende anche alla denuncia di singoli crimini di politici americani affermati, come nel mio caso. La macchina di Joe Biden contava sulla mia paura di farsi avanti. Dopo che sono stato attaccato dai media, hanno fatto affidamento sul mio silenzio. 

Tuttavia, la brutta arroganza di Biden e della sua macchina ha sopravvalutato la sua capacità di mettermi a tacere.

Nei casi più grandi di dissenso, le tattiche di silenziamento rimangono abbastanza simili e più severe.

 I media occidentali hanno diffamato Assange e poi lo hanno ignorato, così come le violazioni dei diritti umani che subisce sotto gli occhi di tutti. L'impero americano voleva dare un esempio di cosa succede se parli.

Sorprendentemente, i politici statunitensi, incluso Biden, battono il petto contro la Russia e la Cina, gridando a "violazioni" dei diritti umani e alla mancanza di libertà di stampa, mentre calpestano il collo dei propri cittadini per soffocare qualsiasi voce che osi mettere in discussione quello che sta succedendo sopra.

L'ipocrisia è una forma d'arte politica in America.

L'ultima tornata di silenziamento pubblico è stata la chiusura dei siti web dei media stranieri. 

La scorsa settimana sono stati sequestrati 33 siti critici nei confronti delle politiche statunitensi in Medio Oriente e favorevoli alla Palestina. Richard Medhurst ha giustamente denunciato le azioni del Dipartimento di Giustizia e l'ipocrisia del governo americano sulla censura.

Non è un compito facile esporre i crimini dell'impero americano e gli stati occidentali collusi, e di solito ci sono conseguenze. Poiché Snowden rimane in Russia impossibilitato a tornare in America, Assange viene imprigionato a Belmarsh a Londra in condizioni disastrose. Sta in una cella per 23 ore al giorno, e per un'ora viene portato in un'altra per 'esercizio'.

Secondo Misty Winston, attivista americana e conduttrice di podcast, le condizioni sono deplorevoli.

È macabro capire che stiamo guardando in tempo reale l'impero americano oltrepassare di nuovo i suoi confini abusando del suo potere di torturare lentamente qualcuno fino alla morte.

I cittadini del mondo stanno cercando di respingere le élite corporative e le loro macchine da guerra. Le loro proteste vengono accolte con il silenzio o con la forza. 

Poiché il 3 luglio è il 50° compleanno di Assange, il miglior regalo che possiamo fare a lui e a noi stessi è sostenerlo pubblicamente e chiedere il suo rilascio dalla detenzione illegale. 

Ironia della sorte avviene un giorno prima del 4 luglio, la celebrazione della libertà dell'America, mentre osserviamo collettivamente il governo degli Stati Uniti che consente alla nostra libertà di parola e di stampa di morire di una morte pubblica e politica sulla scena mondiale.

Dobbiamo onorare i pochi eroi della nostra generazione, come Assange, che stanno cercando di tenerci tutti veramente informati e liberi.

*Autrice, poetessa, attrice ed ex assistente del Senato, ha scritto  Left Out: quando la verità non si adatta. Account Twitter  @readalexandra

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro! di Pasquale Cicalese Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro!

Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro!

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti