Trapelato il piano Usa per appropriarsi del litio della Bolivia

Trapelato il piano Usa per appropriarsi del litio della Bolivia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Secondo un articolo pubblicato dall'Agenzia Boliviana di Informazione (ABI), documenti filtrati dall'Ambasciata statunitense a La Paz, redatti in particolar modo dal Centro di Studi Geopolitici Multidisciplinari (CEGM), “danno conto di un nuovo piano degli Stati Uniti per realizzare la ricolonizzazione dell'America Latina”.

Questo nuovo piano interventista, sottolinea l'agenzia di stampa boliviana, mira a consolidare la rottura interna del partito politico Movimiento al Socialismo (MAS), creando un candidato “outsider” per le elezioni del 2025, con l'obiettivo di impadronirsi delle immense risorse naturali del paese, in particolare il litio e le terre rare. “La strategia sarebbe incentrata sulle sue risorse naturali e sul consolidamento di un governo servile e di destra, per questo gli Stati Uniti hanno come priorità la rottura del MAS - IPSP (coalizione di sinistra che attualmente governa nel Paese andino) cercando di far scomparire tale partito dalla scena politica”, scrive il portale di notizie El Radar e lo riporta anche Telesur. 

Il Piano chiamato “Simón Bolivar” cercherebbe di costruire un "candidato outsider" che non appare ancora nei sondaggi e che sarebbe un'opzione della destra e degli elettori indecisi. Secondo El Radar, uno degli attori principali di questo piano in Bolivia sarebbe Debra Hevia, che dal settembre 2023 è responsabile degli affari presso l'Ambasciata degli Stati Uniti a La Paz. È trapelato anche che la Fondazione Nazionale per la Democrazia, l'Istituto per le Relazioni Internazionali, la DEA, la Fondazione Libertà e Democrazia, la Fundación Construir, la Comunidad Ciudadana, l'Alianza Informativa Latinoamericana, il Military Church Support Group - Centurian Project (Fort Bragg) sono le organizzazioni attraverso le quali il piano viene finanziato.

L'obiettivo finale del piano, conclude El Radar, è “accaparrarsi la più grande riserva di litio del mondo approfittando e favorendo la crescita della crisi politica, che si trasformerebbe in una crisi economica aumentata dall'ostruzione dei crediti da parte degli operatori dell'Assemblea”.

Il litio non sarebbe l'unica risorsa desiderata da Washington, ma anche le riserve di ferro, uranio e terre rare. “Non è impossibile, perché la Bolivia è circondata da basi militari statunitensi. Le più vicine si trovano al confine tra Tarija e l'Argentina, dove si è insediato il Comando Sud degli Stati Uniti”.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti