"Una cupola di sicurezza per la Bielorussia", i sistemi S-400 russi per Lukashenko

"Una cupola di sicurezza per la Bielorussia", i sistemi S-400 russi per Lukashenko

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Arriveranno anche in Bielorussia i moderni sistemi di difesa antiaerea S-400 prodotti dalla Russia e ammirati per la loro efficienza e tecnologia avanzata in tutto il mondo. Basti pensare che un paese membro della NATO come la Turchia, ha sfidato la contrarietà di Washington ed è stato escluso dal programma F-35, ma non ha rinunciato ai sistemi antiaerei di Mosca. 

A tal proposito, l'esperto militare Alexandr Jrolenko ha spiegato all’agenzia Sputnik che gli S-400 diventeranno "una cupola di sicurezza affidabile" per la Bielorussia. 

I sistemi Triumf sono apprezzati in tutto il mondo per la loro capacità di raggiungere bersagli fino a 400 km. 

Sono in grado di intercettare bersagli ipersonici e colpire fino a 80 bersagli aerei contemporaneamente, ha osservato l'esperto.

La Bielorussia non minaccia nessuno, ma i sistemi di difesa S-400 non consentiranno ai "partner" di parlare al Paese da una posizione di forza e di dettare le loro condizioni, ha affermato Jrolenko.

Minsk produce anche sistemi di difesa aerea a medio raggio moderni ed efficienti. Tuttavia, i sistemi di difesa aerea a lungo raggio sono realizzati solo in Russia.

Il 1° dicembre, il presidente bielorusso ha annunciato che il Paese ha bisogno dei sistemi di difesa aerea russi S-400 o S-500 per avere una protezione efficace contro possibili attacchi missilistici.

Secondo il presidente, c'è un S-400 in un centro scientifico in Bielorussia e intende chiedere a Putin di lasciarlo nel Paese.

Attualmente, in attesa dell’entrata definitiva in servizio degli S-500, S-300 e S-400 sono i sistemi SAM (Surface to Air Missile) più letali e sono progettati per funzionare in integrazione, ed entrambi servono insieme per aumentare l'efficacia come parte di un sistema di difesa aerea integrato (IADS) molto più ampio.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia