Fidel è vivo! Con una sua intuizione, Cuba è diventata leader nella produzione di interferone, uno dei farmaci usati per il Covid-19

Fidel è vivo! Con una sua intuizione, Cuba è diventata leader nella produzione di interferone, uno dei farmaci usati per il Covid-19

L'industria biotecnologica cubana ha offerto il proprio strumento per combattere il coronavirus. Il dott. Manuel Limonta, uno dei padri fondatori dell'iniziativa biotecnologica di Cuba, ha spiegato, alcuni mesi fa, come il suo paese sia diventato leader nella produzione di interferone, un farmaco scelto da un certo numero di paesi per curare il COVID-19.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


In occasione del 94* anniversario della nascita di fidel Castro vi riproponiamo un articolo del 19 aprile scorso. La storia di una delle tante intuizione del Lidel Maximo, soprattutto nel campo della medicina e delle ricerca scientifica. Questa intuizione, in particolare, si è rivelata efficace nella lotta al Covid-19. Una testimonianza di quanto di quanto sia ancora vivo e presente il Comandante e che suo esempio è sempre vivo e attuale.



Fonte Articolo
 
 
Mentre permane il clamore mediatico sull'idrossiclorochina, un farmaco anti-malaria lodato da Donald Trump come potenziale cura contro COVID-19, l'interferone ricombinante rimane trascurato nonostante sia uno dei farmaci che si sono dimostrati efficaci nel frenare l'epidemia di coronavirus in Cina.
 
Gli interferoni (IFN) sono il gruppo di proteine ??di segnalazione prodotte dalle cellule per innescare le difese del sistema immunitario umano in caso di attacchi virali. Scoperti nel 1957, furono chiamati per la loro capacità di "interferire" con il processo di infezione proteggendo le cellule dai patogeni. Da allora, i biotecnologi hanno trovato il modo di produrre artificialmente la sostanza che è stata utilizzata come parte di un trattamento complesso contro malattie gravi come l'HIV, il cancro, l'epatite B, l'epatite C, le malattie invasive pneumococciche e considerate strumentali contro SARS-Cov e MERS -Cov .
 
Il farmaco specifico che è stato utile durante la lotta della Cina con COVID-19 è stato l'interferone ricombinante Alpha 2b, sviluppato dai Centri di Ingegneria genetica e biotecnologia (CIGB) di Cuba e prodotto da un'impresa congiunta cinese-cubana .
 
 
 
 
 
Dr. Manuel Limonta, uno dei fondatori dei Centers for Genetic Engineering and Biotechnology (CIGB) e vicepresidente della World Academy of Sciences (TWAS), ha fatto un excursus lungo la nella memoria descrivendo come la nazione caraibica ha iniziato a produrre questo farmaco.
 
Incontro fatidico: oncologo statunitense Clark e Fidel Castro
 
Mentre i professionisti dell'assistenza sanitaria in caso di catastrofi a Cuba sono recentemente entrati in prima linea nella lotta contro la pandemia di coronavirus, pochi conoscono l'industria avanzata biotecnologica e farmaceutica e gli istituti di ricerca del paese. Secondo il dott. Limonta, tutto ebbe inizio dopo la rivoluzione cubana del 1953-1959, sulla scia del movimento del 26 luglio di Fidel Castro.
 
"Fidel era interessato al costante sviluppo di capacità per l'assistenza medica della popolazione cubana con la creazione di ospedali e istituzioni scientifiche per sostenere questo sviluppo", ricorda il dott. Limonta. "Cuba ha aiutato altri paesi e ha anche ricevuto aiuto dall'ampio scambio che è sempre stata la politica di Cuba in materia di cure mediche e sviluppo scientifico per la salute che è stata praticata in tutto il mondo".
 
Secondo il professore, l'interferone ricombinante Alpha 2b, un trattamento coronavirus di fabbricazione cubana, ha antecedenti a cui la nazione ha avuto accesso nel 1980 grazie alla collaborazione internazionale.
 
"Nel dicembre 1980 il direttore del MD Anderson Hospital, il professor Randolph Lee Clark visitò Cuba con un gruppo di medici nordamericani e in un'intervista a Fidel espresse le sue speranze che l'interferone potesse essere una buona medicina per combattere il cancro e le malattie virali e che potesse essere utilizzato anche in diverse ricerche nel suo ospedale di Houston ", ha raccontato il dott. Limonta.
Durante questa intervista, Clark inviò i ricercatori cubani a visitare il suo centro per conoscere l'uso del nuovo farmaco. Fidel fu molto interessato a questo prodotto e due medici cubani furono selezionati per visitare il laboratorio di Clark. Uno di questi era Manuel Limonta e l'altro Victoria Ramírez.
 
Fidel dà il via libera alla missione di ricerca
 
"I cubani appresero che l'interferone [l'alfa umano] era prodotto in Finlandia dai globuli bianchi (WBC) e che questo paese è stato l'unico a aver ottenuto una produzione sufficiente [della sostanza] per applicazioni cliniche come è stato fatto all'ospedale di Anderson ", ricorda lo scienziato.
A quel punto il Comandante aveva deciso di produrre interferone a Cuba, e quindi decise di inviare ricercatori in Finlandia per imparare a sintetizzare la sostanza.
 
Il dott. Kari Cantell, direttore del progetto finlandese sull'interferone, ha accettato di mostrare il metodo di produzione e poi un gruppo di ricercatori cubani guidato da Limonta, tra cui Victoria Ramírez, Eduardo Penton, Pedro López Saura, Angela Aguilera e Silvio Barcelona partirono per la Finlandia per la formazione.
 
"Lì abbiamo appreso del processo di produzione e in brevissimo tempo tutte le condizioni a Cuba sono state create adattando una casa come laboratorio per produrre interferone leucocitario (IFN-alfa)", afferma lo scienziato. "Fidel ha avuto il fervore e l'entusiasmo per sostenere tutto ciò che era legato alla possibilità di produrre interferone a Cuba. Questo entusiasmo si è cancellato sui ricercatori, e in un tempo record è iniziata la produzione di un interferone di qualità simile a Cantell"
 
 
Cuba avvia la produzione a tempo di record
 
"Fidel visitava la casa trasformata molto spesso in laboratorio", ricorda il dott. Limonta. "Dalla data in cui il nostro gruppo è tornato dalla Finlandia nel mese di marzo fino al 28 maggio, quando abbiamo messo nelle sue mani l'ultimo Interferone prodotto, ha visitato il piccolo laboratorio più di 40 volte per verificare l'evoluzione del lavoro. Ha usato portare un piccolo quaderno e prendere appunti di diverse domande fatte da lui al gruppo ".
 
Il 28 maggio 1981 la nuova sostanza fu consegnata a Fidel Castro e quasi immediatamente iniziarono i test preclinici e clinici per l'uso dell'interferone alfa.
 
"Pochi giorni dopo, Fidel prese la decisione di costruire una nuova istituzione con due missioni: in primo luogo , aumentare la capacità di produzione di interferone leucocitario e, in secondo luogo , iniziare a lavorare sulla ricerca, lo sviluppo e la produzione di prodotti ricombinanti principalmente i ricombinanti Alpha 2b Interferon" ha spiegato Limonta.
 
 
 
 
 
 
Secondo l'accademico, a quel tempo il nostro gruppo di sei persone è cresciuto fino a più di 20 quando è stato raggiunto da tecnici e altro personale. La costruzione della nuova istituzione è stata inaugurata da Kari Cantell e Fidel Castro come Centro per la ricerca biologica (CIB) il 20 gennaio 1982. Manuel Limonta è stato nominato direttore generale della CIB.
 
Limonta sottolinea che il suo gruppo è diventato il secondo produttore di interferone dopo il laboratorio di Kari Cantell che ha ricevuto il riconoscimento sia per l'alta qualità che per il volume prodotto. "L'interferone leykocyte è riconosciuto come il primo prodotto della biotecnologia cubana, poiché è stato prodotto nell'ambito del concetto di un 'cerchio ristretto' di ricerca, sviluppo, produzione e applicazione in un periodo di tempo molto breve", spiega il professore.
 
"Nel 1981 Cuba ha subito un'epidemia di febbre emorragica dengue e successivamente congiuntivite emorragica", ha ricordato. "L'interferone è stato applicato come uno dei principali elementi terapeutici per entrambe le malattie virali. Questo interferone leucocitario è stato applicato a Cuba dal 1981 in diversi protocolli di ricerca di diverse malattie virali e ha ricevuto supporto in pubblicazioni scientifiche nazionali e internazionali".
 
Lo scienziato sottolinea che dal 1986 il Centro di ingegneria genetica e biotecnologia ha padroneggiato un nuovo metodo di produzione dell'interferone alfa, più economico, basato sulla tecnologia di ingegneria genetica. Il nuovo interferone umano ricombinante, Alpha 2b, divenne noto con il suo marchio Heberon® Alfa R.
 
 
 
 
La produzione del farmaco ricombinante interferone alfa 2b presso il Centro di Ingegneria Genetica e Biotecnologia di Cuba.
 
Lo sviluppo del settore biotecnologico cubano si è verificato sotto il blocco guidato dagli Stati Uniti e quando le cose sono peggiorate dopo il crollo dell'URSS nel 1991. La nazione caraibica ha lottato per ottenere tecnologie avanzate e materie prime e reagenti di buona qualità, acquistandole a livelli molto più alti di prezzo. Tuttavia, l'industria ha continuato a prosperare.
 
Oltre all'interferone naturale e ricombinante, i Centri di ingegneria genetica e biotecnologia di Cuba (CIGB) hanno sviluppato , in particolare, il vaccino ricombinante contro l'epatite B, il vaccino contro la meningite B, nonché un certo numero di biofarmaci ricombinanti per fornire assistenza alla popolazione del paese . L'entità ha ottenuto numerosi brevetti importanti, ha aperto la strada al trasferimento di tecnologia per alcuni dei suoi prodotti e ha dato il via alla produzione congiunta con aziende di tutto il mondo.
 
A metà marzo 2020, l'industria farmaceutica cubana ha segnalato che garantisce la produzione di due dozzine di medicinali usati nel trattamento di COVID-19, tra cui, in particolare, l'interferone Alpha 2b. Secondo teleSur, oltre 45 paesi hanno richiesto l' interferone da Cuba. Il direttore generale della CIGB, Eulogio Pimentel Vazquez, ha affermato ai media che il prodotto che hanno nell'inventario "sarebbe praticamente equivalente all'importo necessario per trattare il totale di tutti gli infetti verificatisi in Cina".
 

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso di Francesco Santoianni Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti